La caccia al servizio della politica …

La caccia al servizio della politica … ma non è così che funziona.

Quando è la politica a prevalere sulla pratica venatoria- In altri stati sono le grandi lobby dei cacciatori a dettare le regole perché più organizzati e capaci di farsi intendere. 

 

In questo periodo la caccia è come il calcio d’estate: tutti che parlano facendo i “fenomeni”, tutti che mostrano i muscoli in attesa delle sfide vere.

La caccia – riorganizzarsi per non scomparire

C’è chi propone e c’è chi critica, chi imbastisce e chi disfa, chi si lamenta e chi minaccia. Insomma le solite beghe e le solite divisioni di sempre che come risultato offrono il fianco ai nemici storici, quegli “animal-ambientalisti” da salotto, comunque ben organizzati, che sanno come districarsi nei corridoi che contano. Nessuno mai disposto ad arretrare di un centimetro dalla propria posizione, quando un passo indietro, su certi argomenti, sarebbe opportuno. Una situazione che mette solo in evidenza la statica situazione in cui versa da anni il mondo venatorio italiano, un mondo che si assottiglia sempre più perdendo la forza che aveva in passato . Un mondo ormai troppo politicizzato, troppo frammentato e per nulla coeso.

La crisi di Governo alimenta la voglia di voto di molti italiani e c’è subito chi ne approfitta (fra di noi n.d.r.) per mettersi in mostra con dichiarazioni, comunicati e presenze, che nulla hanno a che vedere con la nostra passione ma che stanno a dimostrare sempre di più quanto la componente politica stia prevalendo sulla pratica venatoria.

Peste suina africana

Di fatto è un percorso al contrario. In alcuni stati sono le grandi lobby dei cacciatori a dettare l’agenda al mondo politico, obbligandolo ad agire tenendolo sulla corda; in Italia succede l’esatto opposto: sono i gruppi politici che risucchiano i cacciatoti e i dirigenti venatori per garantirsi un certo numero di voti in cambio di cosa ? Di promesse che non potranno trovare riscontro, delle quali ne abbiamo avuto ampia testimonianza in questi anni, promesse che di fatto hanno contribuito a declassare una categoria temuta. Dispensano incarichi periferici, di scarsa incidenza, facendo credere che siano strategici e arruolano aspiranti politici nelle future liste elettorali con il solo scopo di portare acqua al proprio mulino, facendo leva proprio sulla divisione interna.

Il cambio di casacca o di colore non produrrà nulla di diverso da quanto già accade oggi. Non per questo però ci si deve arrendere, anzi sarebbe proprio il momento di gettare le basi per una riorganizzazione di quell’ Ars Venandi di cui tutti ne andiamo fieri con giusto il orgoglio di farne parte. Riorganizzare non significa solo protestare attraverso i social, ma comunicare nel modo corretto, non improvvisato, la funzione del cacciatore sul territorio, l’unica figura capace di gestire l’equilibrio fra uomo e natura.

La Peste Suina, la siccità, il rischio incendi, sono queste le priorità di cui si devono far carico i cacciatori, dimostrando alla società civile che c’è chi vigila e chi tutela veramente l’ambiente, diversamente saranno i nostri antagonisti ad approfittarne per chiedere altre limitazioni e chiusure. 

di Michele Casale

Michele Casale antropologo e naturalista

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Fatti & Misfatti

Fatti & Misfatti – Con la presenza dell’ Avv. Penalista Alberto Scapaticci del Foro di Brescia vi racconteremo una storia incredibile. Un misfatto accaduto ad un cacciatore bergamasco. Ma non solo, …nel corso della diretta altri fatti segnalati.   Fatti & Misfatti  Condividi l’articolo sui social!

Quale futuro per i roccoli …?

Quale futuro per i roccoli ? Quale futuro …I roccoli, i centri di cattura dei richiami vivi autorizzati dalla Regione, dal 2011 hanno smesso di funzionare. Ora sono strutture in disuso anche se ben mantenute a livello conservativo. Cattedrali nel deserto a testimonianza di una tradizione molto radicata su tutto il territorio. Quale futuro per i roccoli ?In questa diretta […]

Caccia & sicurezza

Caccia & sicurezza – con l’esperto di balistica e sicurezza Pietro Torosani     Caccia & sicurezza    – In diretta con l’esperto di Sicurezza e Balistica Pietro Torosani I temi trattati: La sicurezza prima della caccia – durante la caccia e a fine battuta Gl’incidenti più frequenti : bastano poche accortezze per evitarli Attenzione ai rimbalzi dei pallini o […]

Cacciatori ambientalisti – Gestione della fauna invasiva

Cacciatori ambientalisti – Gestione ambientale della fauna autoctona e alloctona invasiva   Condividi l’articolo sui social!