Cani da caccia: tipi e razze

Le razze dei cani da caccia sono assai numerose e per semplificare le possiamo suddividere in cinque gruppi:

  1. Razze da ferma
  2. Razze da seguita
  3. Razze da cerca
  4. Razze da tana
  5. Razze da riporto

 


Da ferma

Queste razze sono state selezionate per la caccia della selvaggina da penna

Razze italiane: Bracco e Spinone
Razze inglesi: Setter (Inglese – Irlandese – Gordon), Pointer
Razze francesi: Espagneul Breton
Razze tedesche: Kurzhar o Bracco tedesco

 

I cani da ferma cercano il selvatico a naso alto a favore di vento e lo fermano mentre è al coperto, stando immobili con la zampa anteriore sollevata verso l’emanazione.

I cani da ferma più dotati hanno cerca piuttosto ampia davanti al cacciatore e contro vento, pur restando sempre in contatto visivo con il conduttore.

 

 

 


Da seguita

Sono quelle adatte per la caccia degli animali da pelo (lepre- ungulati).

In Italia, sono presenti due tipi di segugio: a pelo raso e a pelo forte.
Generalmente la colorazione del mantello è saura (rossiccia).
Nel Nord Italia si sta diffondendo anche un tipo di segugio autoctono molto robusto e particolarmente adatto alla caccia.
Questo segugio è un po’ meno bello del tradizionale italiano, ma altrettanto valido.

Questi cani cacciano, inseguendo, fino a rilevare la traccia fresca e la seguono abbaiando, cioè danno voce alla “canizza” senza vedere il selvatico.

 


Da cerca

03-Giu-2012 08:17, NIKON CORPORATION NIKON D3000, 5.6, 42.0mm, 0.008 sec, ISO 100
 

I cani da cerca più conosciuti e diffusi sono il Cocker Spaniel e lo Springer Spaniel.

Hanno una elevata passione per la cerca della selvaggina.
Dal momento che non fermano “la cerca” devono essere contenuti in uno spazio ristretto sempre a portata di tiro del cacciatore.

 

 

 


Da tana

Quelle più comunemente usate sono i Terrier (Dandie Terriers – Scottish Terriers) e i Bassotti.
Il cane da tana deve avere una struttura contenuta, di piccola taglia, un corpo vigoroso, ma non di volume, mascelle e dentatura piuttosto forti.
Deve essere coraggioso per potersi confrontare con il selvatico, costringendolo a uscire dalla propria tana.

 


Da riporto

Questi cani hanno l’unico compito di trovare la selvaggina abbattuta e riportarla.
In ogni caso questa è una fase che i cani da ferma o da cerca sanno fare molto bene.

 

 

Gli ultimi post sugli amici a quattro zampe

ENCI FA I CONTI CON IL CORONAVIRUS

ENCI FA I CONTI CON IL CORONAVIRUS

ENCI FA I CONTI CON IL CORONAVIRUS Anche l’ ENCI,  l’ Ente nazionale per la cinofilia si trova nella condizione di dover prendere decisioni serie in merito a Esposizioni o prove. Questa “eccezzionalità” dev’essere affrontata in maniera consapevole del rischi che si possono correre.   ENCI – Di seguito la lettera del Presidente Dino Muto a tutti i soci    […]

Via , via , via ….. Riflessione e disamina sulla cinofilia

Via , via , via ….. Riflessione e disamina sulla cinofilia

Via , via, via … . Una disamina critica e piena di spunti di riflessione dell’appassionato cacciatore Vanni De Carlo  sulla cinofilia. Via, via, via…queste di prassi sono le parole che i nostri titolati dresseur utilizzano per incitare il  proprio cane ad avere una partenza il più veloce possibile nelle prove dedicate alla cinofilia agonistica. Via , via, via ….  […]

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli   SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli con Pierluigi Sorsoli – una nuova puntata dedicata alla cinofilia nella quale con un grande allevatore, Pierluigi Sorsoli, affisso ENCI, viene affrontato il discorso del cucciolo. Come crescerlo, come nutrirlo, come addestralo e come sceglierlo. Naturalmente si parla delle profilassi da seguire durante i primi […]