Gran Premio integrale di Tiro con Carabina da caccia

Gran Premio integrale di Tiro con Carabina da caccia – Una bella manifestazione che ha coinvolto il mondo venatorio

Gran Premio – Premi offerti anche da Federcaccia, Liberacaccia, Enalcaccia e Arci Caccia. Una cinquantina di tiratori da tutta Italia. 

Il comunicato ufficiale :

La prima di Fita

 

La formula “integrale” prevede 40 tiri molto diversi tra loro con la carabina

Gran Premio – Prima edizione del Gran Premio integrale di Tiro alla sagoma con Carabina da caccia, disciplina sperimentale nell’alveo e con il beneplacito della Federazione italiana Tiro a volo. La formula “integrale” prevede 40 tiri molto diversi tra loro con la carabina. Vittoria a Gianluca Anzuini, tiratore di Anzio (Rm) già campione italiano di tiro combinato. Veneziano: “Un passo avanti verso l’unificazione del tiro”.

 La prima edizione del Gran Premio integrale di Tiro alla sagoma con Carabina da caccia ha riunito una cinquantina di tiratori da tutta Italia, il 29 di agosto con italiani alle prese con il rientro o le partenze per le ultime ferie, nel campo dell’Apd Sporting club Piancardato di Collazzone in provincia di Perugia. Una gara impegnativa, anche dal punto di vista organizzativo, ma soprattutto la prima uscita della Federazione italiana Tiro all’aperto che si propone di lanciare questa disciplina sperimentale nell’alveo e con il beneplacito della Federazione italiana Tiro a volo.

Gran Premio – Prima edizione del Gran Premio integrale di Tiro alla sagoma

 

 

La formula “integrale” prevede 40 tiri molto diversi tra loro con la carabina: 10 colpi al cinghiale corrente a 50 metri in due manche; 10 a 200 metri su bersaglio fisso di camoscio con il solo appoggio anteriore (2 colpi di prova), in due manche; 20 nelle quattro posizioni dal palo, sdraiati, con alpenstock e in piedi imbracciati su bersagli fissi in forma di capriolo, volpe seduta, camoscio e cinghiale. Armi di produzione, con limiti di peso. Il successo si misura sì dalla partecipazione, ma anche dall’impegno e dai risultati tecnici: Gianluca Anzuini, tiratore di Anzio (Rm) già campione italiano di tiro combinato, ha vinto con 371 punti davanti al terzetto di lucani della famiglia Sabia, appartenenti all’Apd Tiro all’aperto Basilicata: Giambattista (363), Fabiano (355) e Maurizio (344). Buono il risultato di Rocco di Stefano, che con 344 si è imposto nella qualifica Senior (da 61 anni). Gianina Mihai ha vinto, in casa, con 110 punti la classifica femminile. A squadre si è imposta Basilicata 1 con i tre Sabia e Biagio Schettino (1062) su Basilicata 2 (1007), Liguria (885), Lazio (883), Basilicata 3, Umbria 1 e Umbria 2. Determinanti si sono rilevati al solito i bersagli del cinghiale corrente.

È stata prevista anche una categoria selecontrollori, per iscriversi alla quale, non era necessaria la tessera Fitav. Ricco il montepremi in denaro, quasi 4.000 euro, un’ottica e uno sgancio rapido Contessa con slitta a sorteggio per i selecontrollori. Altri premi offerti da Enalcaccia, Liberacaccia, Federcaccia e Arci Caccia.

Proprio le associazioni venatorie sono molto interessate alla disciplina sperimentale che ha tutte le carte in regola per poter avvicinare i cacciatori. Presenti Marcello Spigarelli, vice presidente di Federcaccia Umbria, e Osvaldo Veneziano, vicepresidente di Fondazione Una, ex presidente e direttore nazionale Arci Caccia, che ha portato i saluti di Luciano Rossi, presidente Fitav. «Questa gara è un importante passo avanti», ha dichiarato Veneziano, «che non va sciupato per avviare finalmente un percorso di unificazione tra le federazioni del tiro che per l’interesse dell’intero settore hanno il dovere di unificare le risorse e dare ossigeno ai campi di tiro che sono fondamentali per promuovere lo sport. Auguro che questo primo passo indichi la direzione e faciliti l’accesso ai campi di tiro e a discipline come questa per quei 400 mila e più titolari di porto di fucile che intendono mantenersi in attività per conservarlo». Molto soddisfatti il coordinatore della Federazione italiana Tiro all’aperto, Carlo Mattiello e il vice coordinatore, Alfonso D’Amato, che hanno già individuato le migliorie da apportare all’organizzazione di gara e che saranno operative dalla prossima, programmata a Leonessa di Melfi (Pz), presso l’Apd Tiro all’aperto Basilicata per il prossimo 19 settembre.

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Il roccolo : una tradizione da conservare

Il Roccolo : una tradizione da conservare Il roccolo: una tradizione da conservare Una delle più antiche tradizioni venatorie del nord Italia è senza dubbio quella dell’uccellagione. A distanza di un anno siam saliti ancora una volta al Roccolo di Italo, o Roccolo Gervasoni, una struttura straordinaria conservata da Lodovico e GianFranco in maniera straordinaria …. nel video potete vedere […]

Passione lepre & segugi

Passione lepre & segugi Passione lepre & segugi – un bel video prodotto da R&B Media che mostra le difficoltà, ma anche la passione per questo tipo di caccia in pianura. Una bravissima muta di segugi, 4 maschi e 3 femmine, 3 cacciatori, ci hanno accompagnato documentando tute le fasi della cacciata. Dalla sciolta dei cani, alla seguita e allo […]

I CINGHIALI DEL SEBINO

I CINGHIALI DEL SEBINO – il nuovo video di Caccia e Dintorni    I CINGHIALI DEL SEBINO con gli amici Consorzio Squadre Cinghiali Zona 1 di Brescia abbiamo dato vita ad una bella giornata di caccia sui monti a ridosso del Sebino, tra Iseo e Sulzano. Una braccata ben riuscita nella quale siamo riusciti a mettere in evidenza la passione […]

ANATRE NEL BRESCIANO – UNA MATTINA DA RICORDARE

ANATRE NEL BRESCIANO – UN MATTINA DA RICORDARE ANATRE NEL BRESCIANO – La caccia agli anatidi da appostamento fisso, nella tesa allagata, lo “sguass” … è qualcosa di molto emozionante. Arrivare presto con il buio senza far rumore … . Capire se ci sono germani, alzavole o moriglioni … in attesa che comincino a girarci sulla testa …Una caccia che […]