TAR…TASSATI – Apertura dimezzata in UMBRIA

TAR…TASSATI – Apertura dimezzata in UMBRIA

TAR…Tassati – sono 127.000 i cacciatori umbri che dovranno attendere il 4 ottobre per capire come, quando e cosa cacciare 

TAR…Tassati – Dalla Lombardia all’Emilia, dalla Toscana alle Marche e alla Sicilia…. Ogni anno sempre peggio !  

TAR…tassati – dimezzata l’apertura in Umbria

Tar…tassati – Dopo varie sollecitazioni  è arrivata la reazione di Regione Umbria che ha chiesto al TAR di Perugia un immediata anticipazione dell’udienza in Camera di consiglio prima di quella che rischia di essere un’apertura “beffa”,ridotta a pochissime specie, per i 127.000 cacciatori umbri, dopo che il Tar ha deciso di accogliere la sospensiva presentata dalle Associazioni animaliste, sospendendo l’avvio della stagione venatoria per diverse specie cacciabili. Un tentativo della REGIONE, ad una settimana dalla terza domenica di settembre, per cercare di  anticipare i tempi del giudizio e placare gli animi. Ricordiamo che l’udienza per entrare nel merito del ricorso è stata calendarizzata  il 4 ottobre , perdendo così la bellezza 16 giorni dopo l’apertura della caccia. Un provvedimento che sta suscitando il crescente malumore di moltissimi cacciatori, che hanno già effettuato tutti i versamenti per la nuova stagione e che si vedono “predati” gratuitamente di un diritto”. Anche le Associazioni venatorie del territorio si sono mosse facendo pressione sulla Regione affinché intervenisse da subito attraverso i propri uffici e l’ avvocatura.

TAR…tassati – In questo si registra anche la consapevolezza dell’esponente della Lega Mancini, da sempre molto vicino ai temi della caccia, che si è espresso in termini critici: “Una decisione che lascia profonda amarezza perché si tratta dell’ennesimo schiaffo ai 27mila cacciatori umbri, che non sono tenuti in considerazione, nonostante versino circa 4,5 milioni di tasse di concessione governative e 2,2 milioni alla Regione“. Il leghista Mancini ha ribadito della funzione dei cacciatori sul piano ambientale e della sicurezza, soprattutto  dopo l’invasione di cinghiali e caprioli che sono ormai troppo spesso protagonisti di incidenti stradali anche gravi.

Cacciatori e associazioni venatorie dell’Umbria sperano solo che i giudici accolgano la richiesta della Regione per anticipare l’udienza entro pochissimi giorni e che non trasformino questione decisione in una questione politica elettorale.

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


La caccia in Italia è decisa dai Tribunali

La caccia in Italia è decisa dai Tribunali   La caccia in Italia decisa dai Tribunali – Da nord a sud la situazione è critica in tutti i sensi ….. Ospiti di questo confronto il presidente nazionale di Federcaccia Massimo Buconi e il presidente nazionale di ANLC  Paolo Sparvoli. Con loro si è parlato anche di Legge 157 e della […]

S Uberto 2022 alla Baraggia

S UBERTO 2022 Semifinale regionale lombarda alla Baraggia S UBERTO 2022 Semifinale regionale lombarda alla Baraggia -#cinofilia #caccia  Azienda agrofaunisticovenatoria La Baraggia     Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Serbia – Il paese delle starne

Serbia – Il paese delle starne   Serbia … – da sempre un paese celebrato per alcune tipologie di caccia grazie al suo bellissimo territorio che offre un habitat speciale e unico per alcune tipologie di fauna selvatica. Ambi spazi di caccia e strutture moderne per offrire al cacciatore esperienze uniche – Serbia …. – Ecco il nuovo video prodotto […]