Politica, caccia ed economia… il nesso c’è

Adesso abbiamo un nuovo Papa, un nuovo (si fa per dire) Presidente della Repubblica, presto anche un nuovo Governo, ma i problemi sono gli stessi di prima: una crisi economica che si incancrenisce, perdita di posti di lavoro e chiusura di molte piccole imprese, tagli ovunque, salari che perdono valore, aumento di bollette… e una classe politica arroccata sulle proprie questioni morali, se di moralità possiamo ancora parlare.

E in tutto questo “la caccia che c’entra?” ci si chiede. Domanda lecita.

In tutto questo la caccia, il settore armiero, l’indotto (abbigliamento – accessori – aziende faunistiche – cinofilia – fabbriche di mangimi – turismo venatorio ecc.) potrebbero rappresentare una buona possibilità di occupazione per molte persone. Il settore armiero, che vale oggi lo 0,5% del PIL nazionale, occupa (crisi compresa) circa 90.000 (novantamila) addetti – una bella cifra se paragonata per esempio all’ILVA di Taranto di cui si parla sempre (giustamente) molto, che occupa 5.000 lavoratori. Questo significa che il settore armiero vale 18 volte l’ILVA, ma del settore armiero nessuno parla, se non a sproposito e senza dati, per attaccarlo e porlo in cattiva luce criminalizzandolo. Attacchi quotidiani che giungono spesso da fronti animalisti e ambientalisti con la cultura metropolitana, ma che sono appoggiati sistematicamente da quel mondo politico che bada più a i voti e ai posti di potere che all’occupazione vera e proprio cioè al lavoro. Proprio in occasione della recente edizione di EXA 2013, la fiera italiana per eccellenza delle armi e dell’outdoor, si è parlato di un settore che tiene, che non ha perso come altri e che nell’export ha dato segni di ripresa. Una fotografia interessenza se confrontata con altri settori della meccanica come quello automobilistico. E allora perché non fare qualcosa per queste aziende che credono e investono nel loro lavoro? Perché non sostenerle attraverso il credito e la detassazione? In Val Trompia (Brescia), la patria e la culla delle grandi aziende armiere ma anche di piccole realtà che costituiscono l’eccellenza mondiale del prodotto, mancano addetti. I maestri incisori sono sempre meno e così certe figure specialistiche del settore che vanno scomparendo. L’ANPAM, il Consorzio Armaioli Italiani, e tutte le sigle di categoria lo sanno bene e sanno anche che con piccoli aiuti alle imprese artigiane si potrebbe incrementare da subito il lavoro di un 5%, che tradotto in posti di lavoro significherebbe più o meno 5.000 assunzioni: un’altra ILVA!

Un dato su cui riflettere e sul quale devono riflettere anche certi politici che per convenienza personale si schierano contro la caccia, non considerando, per ignoranza propria, che su questa passione possono vivere migliaia di famiglie e alle cui spalle ci sono grandi tradizioni di cui essere fieri.

Beppe De Maria

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Passione lepre & segugi

Passione lepre & segugi Passione lepre & segugi – un bel video prodotto da R&B Media che mostra le difficoltà, ma anche la passione per questo tipo di caccia in pianura. Una bravissima muta di segugi, 4 maschi e 3 femmine, 3 cacciatori, ci hanno accompagnato documentando tute le fasi della cacciata. Dalla sciolta dei cani, alla seguita e allo […]

ANATRE NEL BRESCIANO – UNA MATTINA DA RICORDARE

ANATRE NEL BRESCIANO – UN MATTINA DA RICORDARE ANATRE NEL BRESCIANO – La caccia agli anatidi da appostamento fisso, nella tesa allagata, lo “sguass” … è qualcosa di molto emozionante. Arrivare presto con il buio senza far rumore … . Capire se ci sono germani, alzavole o moriglioni … in attesa che comincino a girarci sulla testa …Una caccia che […]

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]

Battuta di caccia al MORTONE

Battuta di caccia al MORTONE Mortone – un azienda faunistico venatoria all’avanguardia Battuta di caccia al Mortone, un azienda faunistico venatoria che si trova a Zelo Buon Persico (LO) – Da una parte il fiume Adda e all’interno il colo del Mortone. Un habitat eccezzionale, curato nei minimi dettagli da Ovidio Brambilla, per una selvaggina di qualità che viene lanciata […]