Caccia in Lombardia: dal 4 settembre la preapertura solo nella provincia di Brescia.

imagesDa giovedì prossimo il via alla stagione venatoria con la “pre-apertura“. La regione Lombardia ha fissato il calendario dell’avvio anticipato per li cacciatori, dal 4 al 18 settembre.
Un avvio che, però, segna, almeno nel bresciano, un altro significativo calo degli amanti della caccia, calati di 1400 unità rispetto allo scorso anno, soprattutto fra quanti praticano l’attività venatoria da appostamento fisso. Le cause sono ovviamente da impuntare ai continui “bastoni tra le ruote” che sono stati posti dall’unione europea, dalla decisione di chiudere le catture dal 2017, ma anche da le imposizioni (censimento e anellini) di alcune Regioni (Lombardia in primis).
La preapertura riguarda la caccia da appostamento fisso e temporaneo a cornacchia grigia, cornacchia nera, tortora (solo il giovedì e la domenica sino alle 13). Per la tortora è autorizzato un prelievo giornaliero massimo di cinque capi per specie.
Dal 21 settembre al 31 dicembre caccia aperta per allodola, beccaccia, coniglios elvatico, fagiano, merlo, minilepre, quaglia, tordo bottaccio e tortora (per quest’ultima sino al 15 dicembre) e tutte le altre specie previste nel 2013-2014.
L’avvio della stagione venatoria, come di consueto, è accompagnato dalle polemiche degli animalisti, che spesso strumentalizzano ( anzi sempre) la questione, fornendo dati del tutto campati per aria e faziosi.
«Nella stagione venatoria che inizierà il 21 settembre, si registrano invece aperture anticipate in molte regioni e sarà ancora permesso sparare e molte specie considerate in uno ‘sfavorevole stato di conservazione’ nonostante le Direttive europee a loro tutela». Lo denuncia il WWF Italia il quale sottolinea come la stagione venatoria dovrebbe aprirsi regolarmente dalla terza domenica di settembre ovvero il 21, ma visto che la legge consente la cosiddetta “pre-apertura”, non mancano in moltissime Regioni gli anticipi  al primo settembre ( teoricamente ad alcune limitate  condizioni e solamente per alcune  specie)  pratica che  il WWF come le altre associazioni ambientaliste ed animaliste  hanno sempre criticato e  contestato, perché sarebbe in contrasto con i principi delle Direttive Comunitarie in materia ambientale oltre e con i principi scientifici per la conservazione e tutela  della fauna selvatica, degli uccelli in particolare.

Caccia & Dintorni

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Federcaccia lombardia – Avv. Lorenzo Bertacchi

Federcaccia Lombardia – “tutt i gli emedamenti” commentati dal presidente Avv. Lorenzo Bertacchi Condividi l’articolo sui social!

Vanni Ligasacchi per il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni

Vanni Ligasacchi per il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni   Vanni Ligasacchi  – Caccia & Dintorni – un interessante faccia a faccia con l’ex consigliere regionale Vanni Ligasacchi – cacciatore e allevatore amatoriale. Condividi l’articolo sui social!

Caccia e Agricoltura – intervista al presidente nazionale di Coldiretti

Caccia e Agicoltura – Il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni con Ettrore Prandini Presidente nazionale COLDIRETTI – Caccia e Agicoltura – una lunga intervista affrontando i temi importanti che ci toccano da vicino Condividi l’articolo sui social!

Caccia – il diritto di legalità e proporzionalità nei controlli

Caccia : il diritto di legalità e garanzie costituzionale spiegate dall’ Avv. Alberto Scapaticci   In questa diretta Facebook, organizzata da ACL e me condotta con la collaborazione di Caccia & Dintorni, vi è stata l’opportunità di conoscere di concetti fondamentali di “giustizia” che toccano da vicino la caccia e i cacciatori: Il principio di legalità e le garanzie costituzionali. […]