Caccia in Lombardia: dal 4 settembre la preapertura solo nella provincia di Brescia.

imagesDa giovedì prossimo il via alla stagione venatoria con la “pre-apertura“. La regione Lombardia ha fissato il calendario dell’avvio anticipato per li cacciatori, dal 4 al 18 settembre.
Un avvio che, però, segna, almeno nel bresciano, un altro significativo calo degli amanti della caccia, calati di 1400 unità rispetto allo scorso anno, soprattutto fra quanti praticano l’attività venatoria da appostamento fisso. Le cause sono ovviamente da impuntare ai continui “bastoni tra le ruote” che sono stati posti dall’unione europea, dalla decisione di chiudere le catture dal 2017, ma anche da le imposizioni (censimento e anellini) di alcune Regioni (Lombardia in primis).
La preapertura riguarda la caccia da appostamento fisso e temporaneo a cornacchia grigia, cornacchia nera, tortora (solo il giovedì e la domenica sino alle 13). Per la tortora è autorizzato un prelievo giornaliero massimo di cinque capi per specie.
Dal 21 settembre al 31 dicembre caccia aperta per allodola, beccaccia, coniglios elvatico, fagiano, merlo, minilepre, quaglia, tordo bottaccio e tortora (per quest’ultima sino al 15 dicembre) e tutte le altre specie previste nel 2013-2014.
L’avvio della stagione venatoria, come di consueto, è accompagnato dalle polemiche degli animalisti, che spesso strumentalizzano ( anzi sempre) la questione, fornendo dati del tutto campati per aria e faziosi.
«Nella stagione venatoria che inizierà il 21 settembre, si registrano invece aperture anticipate in molte regioni e sarà ancora permesso sparare e molte specie considerate in uno ‘sfavorevole stato di conservazione’ nonostante le Direttive europee a loro tutela». Lo denuncia il WWF Italia il quale sottolinea come la stagione venatoria dovrebbe aprirsi regolarmente dalla terza domenica di settembre ovvero il 21, ma visto che la legge consente la cosiddetta “pre-apertura”, non mancano in moltissime Regioni gli anticipi  al primo settembre ( teoricamente ad alcune limitate  condizioni e solamente per alcune  specie)  pratica che  il WWF come le altre associazioni ambientaliste ed animaliste  hanno sempre criticato e  contestato, perché sarebbe in contrasto con i principi delle Direttive Comunitarie in materia ambientale oltre e con i principi scientifici per la conservazione e tutela  della fauna selvatica, degli uccelli in particolare.

Caccia & Dintorni

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]