ANTICACCIA UN NUOVO ATTACCO ALLA CORRETTEZZA DELLE PROCEDURE

ANTICACCIA  all’attacco su processo di revisione Key Concepts – IN….COMPETENZE

Proseguono i tentativi delle più note sigle animaliste anticaccia per cercare di porre i bastoni tra le ruote al processo di revisione dei key Concepts, cercando di scardinare le corrette procedure che prevede la legge a sostegno della scorretta linea adottata dal Ministero dell’ Ambiente – In special modo la questione riguardante la migrazione di alcune specie, che secondo il Ministero dell’Ambiente e Ispra avrebbe inizio già nei primi giorni di gennaio quando invece, su basi scientifiche (attuate anche da altri stati europei come Francia e Spagna) queste migrazioni si hanno alla metà di febbraio.  Di fondo un problema di competenze che spetterebbero per legge Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e non a quello dell’Ambiente presieduto dall’ex generale della Forestale Costa.

Anticaccia : di seguito il comunicato emesso dalla  Cabina di Regia unitaria del mondo venatorio nazionale.

 

 

 

Cabina di regia unitaria

Roma, 18 Febbraio 2019 – Nei giorni scorsi le Associazioni ambientaliste e animaliste anticaccia Enpa, Lac, Lav, Legambiente, Lipu – BirdLife Italia e Wwf Italia sono tornate sul tema della revisione dei KeyConcepts, documento europeo d’indirizzo per la determinazione delle date di migrazione e fine riproduzione delle specie di uccelli in Unione Europea, con il solito scopo di creare confusione e allarmismo infondati. Anche questa volta il comunicato contiene infatti il consueto mix di palesi falsità ed errori, con il chiaro e unico scopo di cercare di mettere in difficoltà e intimidire il Presidente del Consiglio Conte, che sta cercando di risolvere un problema creato dal Ministero dell’Ambiente.

Per essere chiari, la figura “pessima” e la situazione “scabrosa” richiamate nel comunicato dai cofirmatari sono frutto del comportamento del Ministero dell’ Ambiente, che non ha seguito le procedure di legge per l’invio dei dati alla Commissione Europea, non condividendoli, come invece è stabilito, con il Ministero delle Politiche Agricole. Ancora più inaccettabile è l’insinuazione che la strada corretta intrapresa dal MIPAAFT farebbe “male alla Natura”. Le 5 specie per cui le Associazioni Venatorie hanno richiesto una modifica dei KC sono tutte in situazione demografica favorevole, e sono state cacciabili fino al 31 gennaio dal 1992 (e anche fino a febbraio prima di quell’anno) e questo dimostra che il prelievo venatorio non ha influito minimamente sulla loro conservazione.

A differenza di quanto riportato nel comunicato con toni e termini allarmistici, la realtà è ben diversa, e in particolare:

Ministero Politiche Agricole e Forestali

  • La competenza del Ministero delle Politiche Agricole, Forestali e del Turismo sulla fauna è sancito da comma 7 bis dell’articolo 1 della legge 157/92, in particolare per quanto riguarda i dati e le ricerche da trasmettere alla Commissione Europea. Questi dati devono peraltro essere trasmessi dal Ministero delle Politiche Europee, e non dal Ministero dell’Ambiente, come erroneamente eseguito nel novembre scorso dallo stesso Ministero.
  • La procedura EU PILOT 6955/ENVI riguardante i calendari venatori, ha verificato che solo tre specie oggetto di caccia in Italia hanno stagioni più estese di quanto i Key Concepts prevedono. Proprio per sanare questa situazione l’Italia ha chiesto alla Commissione la revisione dei KC, al fine di determinare nuovi KC, omogenei con quelli degli altri Paesi del bacino del Mediterraneo

 

È sorprendente che i dati elaborati da ISPRA, mai condivisi con il Ministero delle Politiche Agricole, e mai pubblicati su riviste scientifiche, prevedano la migrazione di alcune specie all’inizio del mese di gennaio, quando negli altri Paesi questa è prevista dopo la metà di febbraio. Ancora una volta le sigle ambientaliste-animaliste non riescono a rinunciare al tentativo di utilizzare la caccia come specchietto per le allodole pur di racimolare facili adesioni e cercare di influenzare l’opinione pubblica, diffondendo ricostruzioni in gran parte false e pretestuose al fine di rendere più invogliante l’invito finale della quasi totalità delle loro campagne: “sostienici per impedirlo”. Con buona pace di scienza e portafoglio.

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Caccia & Europa con On. Pietro Fiocchi Gruppo ECR

CACCIA & EUROPA – con Pietro Fiocchi Conl’ europarlamentare del Gruppo ECR si è parlato della questione piombo e zone umide, delle carni di selvaggine della loro commercializzazione. Inoltre perchè in zona ROSSA non si può andare a caccia ? ……   CACCIA & EUROPA Condividi l’articolo sui social!

Falco Arms le novità : Alpine F1 e R19

Falco Arms le novità : AlpineF1 e R19   FALCO ARMS – Alpine F1 anima rigata e R19 anima liscia – si tratta di due novità assolute di casa Falco – In questo video di presentazione Roberta e Raffaello Pedretti ci presentano nel dettaglio i due nuovissimi fucili. Alpine F1 – canna rigata- prodotto in tutti i calibri. Adattissmo per […]

Diritti e Doveri dei cacciatori

Diritti e Doveri dei cacciatori Diritti e Doveri : Controlli Venatori  –  Una call-confdrence voluta e ideata dall’ On. Pietro Fiocchi – Gruppo ECR al Parlamento Europeo – per parlare di diritti e doveri dei cacciatori europei in presenza di controlli e erquisizioni. La prima diretta di una serie dedicata alle questioni venatorie sul diritto di esercirtare una vera passione […]

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi   Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa con l’ On. Pietro Fiocchi . europarlamentare Gruppo ECR tante le tematiche trattate nel corso dell’ intervista- Problema piombo e zone umide, ricorsi al Tar, unione venatoria ecc. Animalismo, Ispra, Ministero Ambiente e altro.   C&D Condividi l’articolo sui social!