Quale futuro per la caccia in Italia ? …….

Quale futuro per la caccia in Italia ?

Siamo un popolo in estinzione e solo una grande prova di coraggio ci può salvare: associazione unica

Una lobby forte capace di difendere, sostenere e farsi ascoltare . Un unica associazione al cui vertice occorre vi siano dirigente “formati”

 

La caccia…quale futuro

Quale futuro – Non sappiamo esattamente in quanti siamo, se settecentomila, seicentomila oppure meno ancora, ma il dato certo è che i cacciatori in Italia sono da tempo costantemente in calo . Un emorragia che non si arresta e che identifica il mondo venatorio in una “generazione” di anziani …per dirla con rispetto.
I motivi sono tanti, compresi quelli di natura economica, che dal 2011 ad oggi hanno visto sparire quel ceto medio che teneva su l’Italia e che oggi si specchia nella disoccupazione e nella povertà. I giovani che si appassionano ala pratica venatoria sono sempre meno e i paletti che ci mettono lungo il cammino, per farci desistere, sono sempre maggiori.
Oggi però, più che mai, riscontriamo l’assenza di una “classe” compatta e omogenea pagando l’assenza di una associazione unica che ponga sotto il proprio ombrello tutti i cacciatori d’Italia. Un’unica associazione capace di farsi intendere ma sopratutto di farsi rispettare.
La situazione è sotto gli occhi di tutti: tante associazioni ( fra grandi, meno grandi e piccole, riconosciute e non….) che si contendo un giardinetto di tessere sempre più piccolo e sempre maggiormente preoccupato per ciò che potrebbe accadere.
Invece di restare uniti, di remare tutti nella stessa direzione, ci dividiamo e litighiamo fra di noi come in un assemblea di condominio-.
L’associazione unica, una grande associazione, dovrebbe, come base di partenza, nascere da una classe dirigente preparata. Si parla tanto di “cacciatore formato” ma mai di “dirigente formato” ed è di questo che oggi se ne reclama il bisogno. Il compito di un associazione non dovrebbe essere solo quello vendere assicurazioni al miglior prezzo, ma sopratutto quello di guidare i propri tesserati verso un cambiamento radicale nel rapporto uomo-natura-ambiente, nel porsi e nel proporsi come riferimento al cospetto di una società civile che ci guardi traverso e che ci attacca sistematicamente in maniera organizzata.
Una sola bandiera per tutti che sappia calamitare l’interesse comune dei cacciatori, dei produttori armieri e di tutte quelle sigle che gli ruotano attorno ma di cui si sa ben poco perché, tolto qualche comunicato, sono distanti dalla base dei cacciatori, fondazioni e consorzi vari che si esprimo bene, in giacca e cravatta, ma che non raccolgono le voci della base.
Tra qualche giorno a Vicenza, ci sarà Hit 2019, il salone della caccia in Italia, che richiama migliaia di cacciatori e già si annunciano dibattiti e convegni di varia natura, con esperti, professori e avvocati che magari non hanno neppure la licenza di caccia.

Quale futuro ? – Va bene tutto, vanno bene anche queste iniziative, ma la strada è un altra e presto potrebbe essere tardi per tutti. Non dimentichiamo poi che i cacciatori rappresentano ancora un buon bacino di voti e che tra poco, se ancora non l’hanno già fatto, torneranno a strattonarci per la giacchetta per le elezioni europee.

Una sola domanda : vogliamo continuare ad essere quelli che si fanno incantare ? I risultati li abbiamo già visti e di passi in avanti “zero” !

 

BDM – Caccia e Dintorni sempre sulle tracce della passione

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!

1 Commento

  • Ferdinando Ratti

    L’unità tra cacciatori cè già stata in passato; vorrei rammentare a chi è corto di memoria storica, la fine ingloriosa fatta fare a CIAV e UNAVI;e a chi possiamo addossare la colpa di questo???
    cordialità

Lascia un commento

required

required

optional


Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani

Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani

Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani   Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani – Nel lodigiano, in questa bella riserva Agrituristico venatoria una mattina dedicata alla sgambatura degli ausiliari in zona “C” – Con due amici e con i loro tre kurzhaar, che si sono alternati sui terreni, abbiamo visto delle ottime ferme sulle quaglie con consenso, e […]

Prova su cinghiale 15° Campionato Provinciale FIDC Brescia

Prova su cinghiale 15° Campionato Provinciale FIDC Brescia su Cinghiale   Prova su cinghiale 15° Campionato Provinciale FIDC Brescia su Cinghiale,  ecco il video della prova a coppie e singolo disputata nel recinto di Iseo – valevole anche per le qualificazioni alla Coppa Italia. La prova su cinghiale è sempre molto particolare poiché mette a dura prova i cani da […]

LA REGINA DEL BOSCO 2019

LA REGINA DEL BOSCO 2019   LA REGINA DEL BOSCO 2019 – in questo video le fasi salienti della 14ma edizione del Trofeo “La Regina del Bosco” registrate durante le batterie di Lumezzane. Gli ausiliari, i conduttori, la cerca, i commenti e le relazioni dei giudici e il barrage finale con intervista al vincitore Gianbattista Facchetti con il setter IRAK […]

Alla Baraggia : prova pratica su beccaccino .

Alla Baraggia : prova pratica su beccaccino .   Alla Baraggia : Prova pratica su beccaccino con cane da ferma senza sparo. Doveva essere una prova nazionale Enci ma causa la siccità è stata una prova pratica ridimensionata . Per noi l’occasione anche di seguire Pietro Fiocchi in una battuta a quaglie in zona C con l’anziano padre e il […]