Il lupo non è più in via di estinzione

Il lupo non è più in via di estinzione

Il Lupo – quotidiane le segnalazioni in ogni zona d’Italia ed ora anche le aggressioni . L’economia di montagna messa in grave pericolo dalle predazioni

 

UE, FIOCCHI (FDI-ECR): TUTELIAMO GLI ALLEVATORI DALLE PREDAZIONI DEI LUPI

Eurodeputati di diversi Gruppi scrivono a Von der Leyen e ai Commissari di Ambiente e Agricoltura

Lupo – specie non più a rischio estinzione

Il lupo non è più una specie in via di estinzione, mentre l’aumento delle predazioni sta esasperando e danneggiando gravemente gli allevatori di montagna. Per questo Pietro Fiocchi, eurodeputato del gruppo FdI- Ecr, insieme all’ex europarlamentare dei Verdi e famoso alpinista, Reinhold Messner, ha promosso l’invio di una lettera, sottoscritta anche da Herbert Dorfmann e Paolo De Castro entrambi Coordinatori in Commissione Agri rispettivamente del PPE e di S&D, oltre che da numerosi altri colleghi dei Gruppi ECR, PPE, ID e S&D, alla Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen e ai Commissari europei all’Ambiente e all’Agricoltura, per sollecitare una congrua soluzione al problema che non può più essere ignorato. Gli europarlamentari chiedono alla Commissione che si proceda al declassamento del lupo da specie “rigorosamente protetta” , a specie “semplicemente protetta “.

 

ON Pietro Fiocchi -Europarlamentare gruppo ECR

“Con la revisione della normativa europea che abbiamo chiesto – dichiara Fiocchiil lupo manterrebbe comunque lo status di specie protetta, ma gli Stati membri e le Regioni si vedrebbero riconosciuta la possibilità di gestire meglio il conflitto tra comunità umane e lupi e di considerare in modo più efficace le strategie per tenere lontani i lupi dagli allevamenti”. I parlamentari europei firmatari della lettera sono convinti che la convivenza con i lupi sia possibile nella misura in cui essi non causino grandi danni. Allo stato attuale, però, il danno agli allevamenti è diventato davvero insostenibile e i pastori italiani vanno comunque tutelati. Non solo per l’economia di montagna, ma anche per la sussistenza in buono stato dei territori di montagna e della biodiversità. E’ necessario quindi che la Commissione europea riconosca che le disposizioni oggi in vigore per la protezione dei lupi, stabilite in circostanze socio-ambientali molto diverse, siano superate e inadeguate per affrontare i problemi odierni. “Si finisca – conclude Fiocchidi guardare alla specie lupo con gli occhi di chi è abituato a leggere le favolette di Esopo e con più pragmatismo e disincanto si abbia il coraggio di adottare adeguate scelte politiche che vanno fatte a tutela degli allevatori e della montagna europea”.

Strasburgo, 6 ottobre 2022

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


IL TG della CACCIA edizione settimanale

Il TG della Caccia Le ultimi dal mondo venatorio nazionale ed Europeo  2 commenti Ordina per Condividi l’articolo sui social!

Etica ed educazione venatoria

Etica ed educazione venatoria   Etica ed educazione venatoria : diretta per lunedì 23 gennaio con Roberto Basso Direttore Museo Venatorio Itinerante di Jesolo e con Pietro Torosani esperto di etica venatoria, Condividi l’articolo sui social!

EOS Show dal 11 al 13 febbraio a Verona Fiere

EOS Show – a Verona 11-13 febbraio – La più importante fiera nazionale della caccia, pesca e outdoor – intervista con l’organizzatore Patrizio Carotta C&D Condividi l’articolo sui social!

Il confronto

IL CONFRONTO – Lombardia tra presente e futuro In diretta con le associazioni venatorie lombarde Fedetcaccia, Anuu e Libera Caccia. Condividi l’articolo sui social!