I politici “cacciatori” dell’ultima ora. Obbiettivo: spartirsi un giardinetto da 700mila voti.

E adesso sono tutti amici dei cacciatori, tutti pronti a sostenete la cultura venatoria e le sue tradizioni simboli di una Civiltà Rurale che è alla base di questa passione. Lo dicono i molti “politici” che in vita delle Europee 2014 intendono attingere voti da questo bacino elettorale spesso e di proposito dimenticato per il resto dell’anno. Politici che non sanno distinguere un merlo da un fagiano ma che improvvisamente diventano paladini della Caccia, partecipando a incontri (in verità pranzi e cene) per farsi belli con dichiarazioni ad effetto. Pochi di questi, anzi pochissimi, sanno cosa è oggi la caccia in Italia e quali sono le leggi regionali, nazionali ed europee che la disciplinano e cosa significa per i 700mila cacciatori rimasti. Si è vero una piccola fetta rispetto ai 2milioni di una ventina d’anni fa, ma sempre un cospicuo bottino da spartirsi in termini di voti. Quelli dell’ex PDL, ora Forza Italia, che sono pro-caccia, non si azzardano però a prendere pubblicamente le distanze dal quel mondo animalista che sta dentro i loro confini. Mai una dichiarazione pubblica che possa scontrarsi con l’ideologia della Maria Vittoria Brambilla, che ha contagiato anche l’ex cavaliere abbracciando il mondo degli animali d’affezione. La paura del “TF” tagliato fuori, come successo per l’europarlamentare Sergio Berlato, è grande e sono troppi i privilegi che ne verrebbero compromessi. Ora Berlato è candidato con Fratelli D’Italia, mentre il cacciatore genovese Bruzzone è in lista per la Lega. Due gruppi politici che potrebbero però non superare lo sbarramento del 4% e quindi restare fuori dai giochi. Per contro c’è ancora uno Zanoni, leader indiscusso sul fronte anti-caccia, che ha cambiato sponda, passando dal gruppo dell’ex PM Di Pietro al PD, sebbene oltre la metà dello schieramento. Ma con le preferenze potrebbe anche farcela. Quello che manca a noi cacciatori è lo Zanoni a favore, uno capace di 200 interpellanze in due anni, bravo nel rompere le “palle” a tutti con le sue tuonate contro l’utilizzo dei richiami vivi e contro la caccia in generale. In questi anni il settore venatorio ha mostrato tutte le sue lacune e tutte le sue spaccature non riuscendo a produrre e promuovere sul campo quel piccolo esercito di politici cacciatori capaci davvero di dare battaglia a Bruxelles, dove è ormai chiaro che si gioca la partita. Un limite ormai cronico per il mondo venatorio che è ancora indeciso sull’unione associativa, unica strada rimasta per non offrire il fianco a chi ci vorrebbe fare scomparire.

A questo punto si spera solo che le nostre scelte, quelle dentro la cabina elettorale, non vadano deluse del tutto e che i dirigenti delle grandi associazioni sappiano trattare in queste poche settimane che ci separano dal voto con chi potrebbe davvero darci una mano. Occorre alzare la voce e occorre restare compatti. L’ordine è quello di serrare i ranghi in un momento così difficile sul piano del lavoro, dell’economia, ma anche delle nostre passioni.  I “cacciatori” non sono cittadini di serie “B” , sono gente rispettabile che (ha differenza di tanti “animalari”) hanno la fedina penale pulita, pagano le tasse, non sono mantenuti dai centri sociali, rispettano l’ambiente, amano i loro cani e che  pongono al primo posto di questa catena il rispetto per l’essere umano.

Giuseppe De Maria

Caccia & Dintornidownload (1)

Condividi l'articolo sui social!
error

3 Commenti

  • avino michele

    allora a chi dobbiamo votare ?
    creiamoci un partito tutto nostro e poi non siamo settecentomila credo che potremmo essere almeno
    un paio di milioni . ORGANIZZIAMOCI

  • sergio mendo

    caro Giuseppe se aspettiamo i dirigenti delle grandi aavv come dici tu siamo apposto, ognuno nella propia circoscrizione deve votare per uno che difende la caccia tipo Berlato o Bruzzone, bisogna cercare di superare la soglia del 4% non aspettare dai grandi capi quello che a loro non interessa, perché sono convinto che se questi due candidati venissero eletti ai capi dispiacerebbe immensamente, meno gente che difende i cacciatori a loro va bene cosi fanno sempre il bello e il cattivo tempo, questa e la verità con una faccia dicono che vogliono l’associazione unica sii ma con le loro regole di comandare sempre loro, la caregà come diciamo noi veneti se la tengono ben salda sotto il culo, questo e il male della caccia

  • Giuseppe De Maria

    Dai dirigenti delle aavv mi aspetto solo che facciano valere il loro ruolo e il peso di ciò che rappresentano senza svendere nulla a nessuno. Nulla di più.

Lascia un commento

required

required

optional


Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]

Una vita per il Petit Gascon Saintengeois

Una vita per il Petit Gascon Saintengeois con Gabriele Stizioli   Una vita per il Petit Gascon Saintengeois – ovvero il segugio francese. Abbiamo fatto visita all’allevamento amatoriale di Gabriele Stizioli Team Stizioli) per fare la conoscenza di questa splendida razza di cani da seguita, particolarmente indicati per lepre e cinghiali. Un allevamento molto ben curato dove risiedono i suoi […]