Controllore faunistico – un ruolo per operatori volontari

CONTROLLORE FAUNISTICO , ROLFI: RUOLO OPERATORI VOLONTARI CHIARITO. ORA LE PROVINCE LI USINO

ASSESSORE LOMBARDO SU SENTENZA CORTE COSTITUZIONALE: LEGGE LOMBARDA PIÙ AVANTI DI QUELLA NAZIONALE

 Di seguito pubblichiamo il comunicato ufficiale emesso dall’ Assessorato Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi della Regione Lombardia. Attraverso questo comunicato si chiarisce il ruolo del “controllore faunistico” . Una legge che già c’era ma solo grazie ad una sentenza ora viene pienamente riconosciuta.

CONTROLLORE FAUNISTICO , ROLFI: RUOLO OPERATORI VOLONTARI CHIARITO

Controillore faunistico – “La Corte costituzionale ha sancito che i cacciatori abilitati, adeguatamente formati, possono prendere parte alle operazioni di controllo faunistico se la legge regionale lo prevede. Medesimo riconoscimento per le guardie venatorie volontarie in quanto aventi qualifica di guardia giurata. La Lombardia ha fatto scuola su questo, inserendo in legge la figura dell’operatore faunistico già alcuni anni fa. Ora i Corpi di Polizia provinciale che erano titubanti sull’utilizzo di queste professionalità non devono più avere dubbi. I cacciatori specificamente formati possono prendere parte alle operazioni di controllo faunistico”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi in seguito al pronunciamento della Corte costituzionale (numero 21/2021, depositata il 17 febbraio) sulla questione sollevata dal Tar della Toscana.

“Questa sentenza va a colmare un vuoto legislativo nazionale. La legge sulla caccia è anacronistica e superata dalle esigenze dei territori. Basti pensare alla proliferazione incontrollata dei cinghiali e di altre specie e alle scarse risorse umane in termini quantitativi che le polizie provinciali hanno per contenerli. La bontà e l’efficacia della legge regionale lombarda sono ora certificate. La mancanza del riconoscimento del cacciatore specificamente formato come operatore volontario nel quadro normativo nazionale aveva generato un conflitto tra leggi regionali e nazionale rendendo questa figura oggetto di contestazioni. Ora questa sentenza chiarisce finalmente tutto e non vi sono più alibi” conclude Rolfi.

Fonte- Regione Lombardia

Condividi l'articolo sui social!
error

2 Commenti

  • Malnati luciano

    Era ora che potessimo usare la qualifica di sele ccontrollori ,dopo anni che abbiamo fatto il corso spero che non siano sempre i soliti che vadano a cacciare

  • Ferdinando Ratti,presidente provinciale Italcaccia Como -Lecco

    Una volta alle guradie volontarie,la forestale e l’amministrazione provinciale (ufficio caccia)fornivano anche le cartucce per sparare alla processionaria

Lascia un commento

required

required

optional


Le quaglie dei tre confini

LE QUAGLIE DEI TRE CONFINI – Momenti di caccia, un video con Vanni De Carlo   Condividi l’articolo sui social!

Massimo Buconi – il faccia a faccia di Caccia & Dintorni

Massimo Buconi il faccia a faccia di Caccia & Dintorni Il Faccia a Faccia con Massimo Buconi  presidente nazionale Federcaccia Un confronto su vari temi di grande attualità: dalla richiesta di referendum al ruolo delle associazioni. Condividi l’articolo sui social!

La protesta bresciana della caccia

La protesta bresciana della caccia La protesta … – Un’ iniziativa scaturita in maniera spontanea che ha finito per coinvolgere tutti:  cacciatori, associazioni e mondo politico – rivolta contro tutte le forme di provocazione animaliste che non vengono mai perseguite. Condividi l’articolo sui social!

Il Faccia a Faccia di Caccia e Dintorni con ANLC

Il Faccia a Faccia di Caccia e Dintorni con ANLC Il Faccia a Faccia con Paolo Sparvoli che parla a 360° su caccia, polizze, unità associativa e animalismo .. .   Condividi l’articolo sui social!