BBB: Berlusconi-Brambilla- Berlato. La “Vittoria” del Dudu Act. I retroscena di un tradimento annunciato.

Roma, 17 apr. – (Adnkronos) – All’indomani dell’esclusione dalle liste di Fi alle elezioni europee, Sergio Berlato esprime “delusione” per la decisione di Silvio Berlusconi di non ricandidarlo. Deputato per tre legislature al parlamento europeo e grande appassionato di caccia, Berlato si ritiene vittima della svolta animalista di Fi segnata dal ‘Dudu’ Act’. “La mia colpa e’ essere cacciatore – dice all’Adnkronos – Io a casa ho due cani e un gatto, amo gli animali ma non per questo sono un animalista. Dopo la svolta sponsorizzata dalla Brambilla sono entrato in conflitto con questa deriva”.

“Sono deluso da Berlusconi – aggiunge – perche’ aveva dato la sua parola e non l’ha mantenuta: io do alla parola data un valore sacro. Non ce l’ho con lui ma con chi gli sta accanto facendogli fare scelte sbagliate. E’ attorniato da un ‘cerchio magico’ di persone che lo fanno vivere sulla luna e gli fanno prendere decisioni lontane anni luce dalla realta’: l’estremismo animalista non porta consensi, anzi spaventa le persone. Per rincorrere i voti di pochi animalisti, peraltro collocati storicamente a sinistra, Forza Italia perdera’ i voti di tutti i rappresentanti delle categorie portatrici della cultura del mondo rurale”.

Considerando che “i cacciatori, gli agricoltori, i pescatori, gli allevatori, tutte le categorie del mondo rurale, rappresentano milioni di persone a livello nazionale”, Berlusconi, sostiene Berlato, perdera’ molti voti. “Sono categorie che con la loro attivita’ garantiscono introiti allo Stato: la caccia da’ lavoro in Italia a piu’ di 100mila famiglie, e l’indotto crea altri 100mila posti di lavoro. Se si moltiplicano queste cifre per gli agricoltori, i pescatori, gli allevatori, si arriva a numeri importanti in termini economici e in termini culturali tramandiamo i valori della cultura rurale“.

download (1)  Gli animalisti invece, sostiene Berlato, “rappresentano pochissime persone e in termini economici vivono solo di contributi pubblici  : sono zecche che succhiano sangue alla collettivita’ in termini occupazionali, facendo perdere centinaia di miglia di posti di lavoro con il loro integralismo, e in termini sociali, privilegiando la vita di un topolino rispetto all’essere umano. Non so chi sia riuscito a convincere Berlusconi – aggiunge – ma e’ una scelta che dal punto di vista numerico non paga, e dal punto di vista economico neanche”.

Ma secondo Berlato ci sarebbe anche un’altra motivazione dietro la sua esclusione dalle liste di Forza Italia. “Ho osato denunciare il sistema del malaffare nella gestione dell cosa pubblica in Veneto – dice Berlato – chiedendo alla procura della repubblica e alla guardia di finanza di verificare se fosse vero che in Veneto negli ultimi 15 anni gli appalti pubblici sono stati sempre vinti dalle stesse aziende, chiedendo di chiarire se siano coinvolti politici locali, indipendentemente dalla loro appartenza al centrodestra o al centrosinistra”.

Quanto alla sua candidatura nelle liste di Fdi-An, Berlato precisa: “Non sono un ‘saltafossi’, sono rimasto sempre coerentemente in Forza Italia, dimostrando lealta’ sia dopo la separazione di Fini che di Alfano, come peraltro mi e’ stato riconosciuto anche dallo stesso Berlusconi durante la riunione convocata a palazzo Grazioli una quindicina di giorni fa con tutti i deputati uscenti europei e nella quale Berlusconi stesso aveva assicurato a tutti la ricandidatura. Piu’ volte sia Ncd che Fdi mi hanno chiesto perche’ rimanessi in Fi e ho sempre risposto che essendo stato eletto nel 2009 come parlamentare europeo del Pdl sarei rimasto coerentemente nel partito fino a fine legislatura”.

Brambilla BerlusconiPoi la notizia della sua esclusione martedi’ sera. “L’ho saputo martedi’ notte mentre ero a Strasburgo quando il mio nome risultava ancora in lista. Mi e’ stato riferito di una telefonata arrivata a Berlusconi e alle 23 sono stato informato da Roma che dopo questa telefonata avrebbe deciso di escludermi dalla lista. Mi sono subito messo in viaggio in macchina e sono arrivato ieri a Roma perche’ volevo capire le motivazioni di questa scelta”.

“Ma attorno a Berlusconi ormai c’e’ una specie di cortina impenetrabile, non sono riuscito a parlarci – aggiunge Berlato – Nel pomeriggio ho visto dal sito di Forza Italia che nelle liste depositate non c’era il mio nome. Mi e’ stato detto che le mie colpe sono di essere cacciatore e di aver sollevato problemi sulla corretta gestione della cosa pubblica in Veneto: questo, a loro dire, avrebbe portato nocumento all’immagine del partito”.

“Ho chiamato Ignazio La Russa e gli ho chiesto se fosse ancora valida la loro proposta, lui mi ha risposto ‘ti aspettiamo a braccia aperte’, quindi ora sono candidato con Fdi per il nord est. Continuero’ a essere punto di riferimento dei cacciatori e della cultura rurale – assicura – e portero’ avanti la mia battaglia per la trasparenza e la pulizia nella cosa pubblica, a partire dal Veneto“.

http://www.liberoquotidiano.it/ Altro…

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Caccia & Europa con On. Pietro Fiocchi Gruppo ECR

CACCIA & EUROPA – con Pietro Fiocchi Conl’ europarlamentare del Gruppo ECR si è parlato della questione piombo e zone umide, delle carni di selvaggine della loro commercializzazione. Inoltre perchè in zona ROSSA non si può andare a caccia ? ……   CACCIA & EUROPA Condividi l’articolo sui social!

Falco Arms le novità : Alpine F1 e R19

Falco Arms le novità : AlpineF1 e R19   FALCO ARMS – Alpine F1 anima rigata e R19 anima liscia – si tratta di due novità assolute di casa Falco – In questo video di presentazione Roberta e Raffaello Pedretti ci presentano nel dettaglio i due nuovissimi fucili. Alpine F1 – canna rigata- prodotto in tutti i calibri. Adattissmo per […]

Diritti e Doveri dei cacciatori

Diritti e Doveri dei cacciatori Diritti e Doveri : Controlli Venatori  –  Una call-confdrence voluta e ideata dall’ On. Pietro Fiocchi – Gruppo ECR al Parlamento Europeo – per parlare di diritti e doveri dei cacciatori europei in presenza di controlli e erquisizioni. La prima diretta di una serie dedicata alle questioni venatorie sul diritto di esercirtare una vera passione […]

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi   Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa con l’ On. Pietro Fiocchi . europarlamentare Gruppo ECR tante le tematiche trattate nel corso dell’ intervista- Problema piombo e zone umide, ricorsi al Tar, unione venatoria ecc. Animalismo, Ispra, Ministero Ambiente e altro.   C&D Condividi l’articolo sui social!