Anellini: altra beffa per i cacciatori lombardi

Anellini: altra beffa per i cacciatori lombardi – Quelli che si sono sempre dichiarati a sostegno del mondo venatorio hanno affossato due emendamenti che potevano metter la parola “fine” alla questione. A pesare il parere contrario dell’ Ass.re Rolfi

Anellini : chi ha votato a favore e chi contro 

Anellini – Regione Lombardia – Oggi pomeriggio, in Commissione Agricoltura, si è consumata l’ennesima beffa ai danni dei cacciatori da appostamento fisso con la bocciatura di due emendamenti al PDL di revisione ordinamentale, proposti dal consigliere leghista Floriano Massardi, che potevano mettere la parola “fine” all’annosa questione degli anellini degli uccelli usati come richiami vivi, ma che ha visto il parere contrario dell’assessore alla caccia Fabio Rolfi. Quelli che si sono sempre schierati a sostegno del mondo venatorio hanno voltato le spalle con tutta probabilità attenendosi agli ordini di scuderia -Andiamo con ordine :

Anellini per richiami vivi

 – Gli emendamenti in questione erano stati proposti in Commissione proprio per chiudere una vicenda che si trascina da anni e che vede tutt’ora i cacciatori di appostamento fisso alle prese con le numerose contestazioni dei controllori sulla regolarità degli anellini inamovibili. Situazione che ha portato a inutili denunce penali e sequestri.

Nel primo emendamento si diceva che :

L’anello ha le caratteristiche o il diametro indicati, per ogni specie, dalla Commissione Tecnica Nazionale della FOI o da altra associazione ornitologica regionale, di un’altra regione, nazionale o internazionale riconosciuta e deve riportare il numero di matricola dell’allevatore, nonché l’anno di nascita ed il numero di individuazione dell’animale. I dati identificativi possono anche essere registrati su microchip, nel caso in cui l’anello ne sia provvisto. A tutte le dimensioni e/o alla forma dell’anello inamovibile deve essere riconosciuta una tolleranza non superiore a ±10% delle dimensioni dichiarate dalle associazioni ornitologiche di cui al presente comma; nella tolleranza rientra altresì l’usura comprensiva anche della variazione cromatica

L’anello inamovibile numerato, che legittima il possesso del richiamo, fornito dalla Regione o dalla Provincia di Sondrio per il relativo territorio o dalle associazioni, enti ed istituti ornitologici legalmente riconosciuti a livello regionale, di altra regione, nazionale e internazionale, nonché il loro uso in funzione di richiami per la caccia da appostamento, può essere costituito da una fascetta inamovibile numerata di plastica.” 

I competenti uffici della Regione o della Provincia di Sondrio per il relativo territorio, anche attraverso le associazioni, enti ed istituti ornitologici legalmente riconosciuti a livello regionale, di altra regione, nazionale e internazionale, provvedono a fornire al cacciatore richiedente, previa presentazione di certificato medico veterinario, il contrassegno inamovibile da apporre al tarso degli uccelli feriti nell’esercizio dell’attività venatoria destinati ad integrare il patrimonio dei richiami vivi.”.

Nel secondo emendamento bocciato si diceva che :

Qualora a seguito di certificato medico veterinario sia necessario provvedere alla rimozione dell’anello identificativo originale dal tarso del richiamo a causa di lesioni insorte ed a fini terapeutici, i competenti uffici della Regione o della Provincia di Sondrio per il relativo territorio, anche attraverso le associazioni, enti ed istituti ornitologici legalmente riconosciuti a livello regionale, di altra regione, nazionale e internazionale, provvedono a fornire al proprietario richiedente un nuovo contrassegno inamovibile da apporre al tarso del predetto richiamo.”

Questa due soluzioni di buon senso avrebbero potuto risolvere una volta per tutte la questione “anellini” e mettere al riparo i cacciatori titolari di appostamento fissi da altre contestazioni, salvo naturalmente quelle indifendibili dove l’evidenza della manipolazione e l’irregolarità degli anellini sia evidente. Di fatto sono stati pesantemente bocciati e con tutta probabilità si è persa una, forse l’ultima, occasione di volere sistemare politicamente la questione. I possessori dei richiami vivi, ovvero i cacciatori di appostamento fisso, ringraziano.

LA VOTAZIONE

Per la cronaca va detto che sulla questione pesava il parere contrario dell’ Assessore Rolfi e di conseguenza questo è stato l’esito negativo della votazione in Commissione:

Per la LEGA solo 2 pareri favorevoli, quelli dei consiglieri Floriano Massardi (proponente) e del cremonese Federico Lena

Contrari (LEGA) : Giovanni Malachini (Bergamo) , Francesco Ghiroldi della Val Camonica e Federica Epis (Brescia), Simona Pedrazzi  (Sondrio)

Per Forza Italia contrari , oltre al presidente della Commissione, il pavese Ruggero Invernizzi, anche i consiglieri Claudia Carzieri (Brescia) – Angelo Palumbo (Milano)

Per FRATELLI d’ITALIA favorevoli la mantovana Barbara Mazzali e il bergamasco Paolo Franco

Per il GRUPPO MISTO si registra il voto contrario anche della bresciana Viviana Beccalossi.

Nella votazione naturalmente hanno votato contro anche i consiglieri di PD e M5S …ma questa non è una notizia !

Condividi l'articolo sui social!
error

5 Commenti

  • Faustino.bettoni

    Non ci sono parole solo ricordarsi di certe persone.

  • Leghisti ci avete tradito e pagherete alle regionali

  • Ezio Paraluppi

    Bisogna farlo sapere a tutti, queste notizie devono essere pubblicate sui giornali locali e tv locali in continuazione, anche a nostre spese. Purtroppo la gente dimentica in fretta.

  • Preci Pietr

    Anche questa volta chi ne fa le spese è la categoria debole dei cacciatori purtroppo i personaggi che hanno votato contro vedi Ass.Rolfi loro si divertono lo stesso andato a caccia in riserva beato lui pertanto da tesserato Lega ora non più mi dispiace per quelle persone che si sono prestate per risolvere il problema e non meravigliamoci se si cambia partito pur rimanendo di destra buona sarata

  • Fedinando Ratti presidente interprovinciale Italcaccia;Como Lecco

    Dopo questa querelle vorrei sapere come è andata quest’anno con i SOARDA’???

Lascia un commento

required

required

optional


Fatti & Misfatti

Fatti & Misfatti – Con la presenza dell’ Avv. Penalista Alberto Scapaticci del Foro di Brescia vi racconteremo una storia incredibile. Un misfatto accaduto ad un cacciatore bergamasco. Ma non solo, …nel corso della diretta altri fatti segnalati.   Fatti & Misfatti  Condividi l’articolo sui social!

Quale futuro per i roccoli …?

Quale futuro per i roccoli ? Quale futuro …I roccoli, i centri di cattura dei richiami vivi autorizzati dalla Regione, dal 2011 hanno smesso di funzionare. Ora sono strutture in disuso anche se ben mantenute a livello conservativo. Cattedrali nel deserto a testimonianza di una tradizione molto radicata su tutto il territorio. Quale futuro per i roccoli ?In questa diretta […]

Caccia & sicurezza

Caccia & sicurezza – con l’esperto di balistica e sicurezza Pietro Torosani     Caccia & sicurezza    – In diretta con l’esperto di Sicurezza e Balistica Pietro Torosani I temi trattati: La sicurezza prima della caccia – durante la caccia e a fine battuta Gl’incidenti più frequenti : bastano poche accortezze per evitarli Attenzione ai rimbalzi dei pallini o […]

Cacciatori ambientalisti – Gestione della fauna invasiva

Cacciatori ambientalisti – Gestione ambientale della fauna autoctona e alloctona invasiva   Condividi l’articolo sui social!