Tiro con la carabina: juniores penalizzati

Tiro con la carabina
JUNIORES PENALIZZATI: “INTERVENGA IL CONI”

– Il commissariato di Melfi aveva vietato la partecipazione agli atleti Juniores perché privi di porto d’armi. Ma nelle altre discipline del tiro è del tutto legale… “Il futuro del tiro, ma anche di tutte le altre discipline sportive passa necessariamente per i giovani, per gli Juniores”, dichiara FITA

Nel corso del l 1° Gran Premio di Tiro alla sagoma con Carabina da caccia 4 posizioni a 100 metri di FITA organizzata in via sperimentale per la FITAV, lo scorso 19 settembre sul campo di tiro Leonessa di Melfi (PZ), gli juniores Mariano Ramunno e Antonio Salomone non hanno potuto partecipare perché il commissariato di Melfi ha espressamente vietato la partecipazione degli atleti non in possesso di porto d’armi. I due giovani tiratori hanno infatti appena 16 anni e quindi non possono fare richiesta per il porto d’armi. Dovuti i complimenti ai primi due della classifica, i lucani Davide Sabia e Vincenzo Lovallo, che hanno conseguito risultati tecnici di rilievo, tuttavia i due più giovani concorrenti non hanno potuto nemmeno impensierirli…
Secondo la FITA–Federazione Tiro all’aperto il divieto apposto dal commissariato è in contrasto conl’articolo 5 della direttiva UE 2017/853 e anche quanto previsto dai regolamenti delle federazioni del Coni che praticano le varie discipline del tiro. I ragazzi tesserati per l’UITS-Unione italiana Tiro a segno dai 14 anni partecipano alle competizioni ISSF con armi da fuoco seguiti da un tecnico federale e così dai 14 a 17 anni anche nei campi di Tiro a volo FITAV i ragazzi possono usare armi da fuoco sotto la supervisione di un istruttore e con il consenso dei genitori.
Il futuro del tiro, ma anche di tutte le altre discipline sportive passa necessariamente per i giovani, per gli Juniores”, ha dichiarato il coordinatore FITA Carlo Mattiello. “È assolutamente necessario che il commissariato di Melfi si ravveda su questa prescrizione. Tutto il mondo sportivo prevede la categoria o la qualifica Juniores in tutte le discipline. Le Federazioni sportive del tiro si facciano carico di questo problema che non è secondario a nessun altro. Abbiamo già interessato il CONI regionale affinché faccia le dovute considerazioni in merito e i relativi interventi attraverso i propri organismi legali”.
Di seguito, la classifica della gara di Melfi del 19 settembre 2021 con i due minori a “zero punti” a causa del divieto alla gara apposto dal commissariato di Melfi.

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Caccia al Tordo in Valtenesi

Caccia al Tordo in Valtenesi CACCIA AL TORDO IN VALTENESI – La caccia da appostamento fisso è una tradizione bresciana radicata nel tempo. Una caccia tradizionale che si tramanda di padre in figlio, proprio come nel nostro caso con Angelo e Alessio che ci hanno ospitato nel loro capanno a ridosso del lago di Garda. La cura dell’ appostamento, le […]

Milano 1° ottobre : la protesta dei cacciatori

Milano 1° ottobre : la protesta dei cacciatori Milano 1° ottobre – la protesta dei cacciatori In migliaia hanno pacificamente mostrato tutto il loro malcontento per quanto avvenuto in Lombardia e in Italia. La caccia è sotto assedio ma i cacciatori questa volta non ci stanno a subire altri torti. Organizzata da #iosonocacciatore alla manifestazione milanse, sotto gli uffici della […]

Caccia alle cornacchie nel bresciano

CACCIA ALLE CORNACCHIE NEL BRESCIANO – in preapertura ci siamo dedicati a questo tipo di caccia agli invasivi consentiti, cornacchie e gazze. Una caccia da appostamento temporaneo nella quale serve mimetizzasi molto bene, un bel gioco di stampi e girandole e i richiami a bocca. La conrnacchia è un ucello molto scaltro, dalla vista aguzza, capace di organizzarsi con le […]

Il roccolo : una tradizione da conservare

Il Roccolo : una tradizione da conservare Il roccolo: una tradizione da conservare Una delle più antiche tradizioni venatorie del nord Italia è senza dubbio quella dell’uccellagione. A distanza di un anno siam saliti ancora una volta al Roccolo di Italo, o Roccolo Gervasoni, una struttura straordinaria conservata da Lodovico e GianFranco in maniera straordinaria …. nel video potete vedere […]