Semplificazione Lombardia – votati alcuni emendamenti caccia

Semplificazione Lombardia Votati in commissione alcuni emendamenti caccia attesi da tempo

CACCIA, ROLFI: SEMPLIFICAZIONE MASSICCIA PER ATTIVITA’ VENATORIA

EMENDAMENTI APPROVATI, ORA VIA LIBERA DEFINITIVO IN CONSIGLIO

Ass.re Regionale lombardo Fabio Rolfi

Semplificazione – Via libera dalla Commissione ad alcuni emendamenti  che riguardano la pratica venatoria in Lombardia – Dopo i vari incontri con le associazioni venatorie si è trovato un punto d’intesa su alcune questioni aperte da tempo e attese dal mondo venatorio lombardo. Altri emendamenti proposti, come quello sulle “piste ciclabili…… ” sono stati invece ritirati. Ora, per la loro applicazione, toccherà passare attraverso il voto in Consiglio

Stiamo semplificando l’attività dei cacciatori, dopo un dialogo con le associazioni di categoria. La commissione consiliare ha votato emendamenti importanti, alcuni attesi da anni dal mondo venatorio. Ora attendiamo l’approvazione definitiva da parte del Consiglio”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Fabio Rolfi al termine della commissione consiliare. “Stiamo cercando di dare ai cacciatori lombardi norme chiare, comprensibili e che non lascino spazio a interpretazioni, anche per prevenire eventuali contravvenzioni” conclude l’assessore.

 

Di seguito il riassunto dei principali emendamenti approvati:

Semplificazione in Lombardia – nuovi emendamenti

  • Proroga annuale di validità dell’autorizzazione appostamenti fissi in scadenza nel 2021 e 2022 causa Covid e necessità di georeferenziazione
  • ANELLINI – Chiarimento vigilanza venatoria su richiami vivi, che deve avvenire unicamente previa verifica presenza anelli inamovibili senza manipolazioni in grado di compromettere il benessere animale
  • Rinnovo autorizzazione decennale appostamenti fissi previa autocertificazione
  • Possibilità di svolgere prelievo di selezione agli ungulati su terreni coperti anche fuori dalla zona Alpi
  • Semplificazioni in materia di certificato medico non più obbligatorio in fase di domanda e di prove di abilitazione che potranno essere sostenute di fronte a qualsiasi commissione regionale
  • Semplificazioni in materia di giubbino ad alta visibilità, obbligatorio solo per caccia collettiva al cinghiale.
  • Istituzione zone rosse da parte ATC e CAC  con possibilità di caccia solo per appostamento fisso e selezione

Semplificazione – Nella giornata sono stati approvati anche altri due emendamenti sui quali c’è stato un confronto serrato fra assessore con alcune associazioni .

  1. E’ stato infatti votato l’emendamento per abrogare la “Banca Dati” dei richiami vivi e questo pone un problema sulla richiesta per il prelievo in deroga e catture ad ISPRA. Forse valeva la pena trovare una soluzione temporanea come la “sospensione”. Ricordiamo che la Banca dati per i richiami vivi era stata istituita come impegno verso l’ Unione Europea per la possibile riapertura dei roccoli.
  2. Infine è stato votato anche l’emendamento sulle segnature con l’aggiunta della parola “……O RECUPERATO . Alla luce di questa modifica si legge dunque :  “Iil capo abbattuto va segnato al  momento dell’ abbattimento accertato o  recuperato“. Benchè la frase sia ora più chiara ed esplicita la paura resta quella dell’interpretazione da parte del “controllore”  che potrebbe appellarsi alla legge nazionale 157/92 , costrigendo i cacciatori a doversi difendere attraverso i ricorsi.  A questo proposito ricordiamo che vi era già stata anche la bocciatura dalla Corte Costituzionale nel 2019 attraverso una sentenza ben precisa. Ora con la reintroduzione di un testo simile sarà difficile che possa essere approvata.

Detto questo si tratta di significativi snellimenti da valutare in termini positivi per i cacciatori lombardi, benchè si dovrà attendere il voto in Consiglio per poterne beneficiare.

Ora però dalla Regione si attende un accelerazione sulla presentazione della VINCA, che nella stagione scorsa aveva bloccato il prelievo in alcune zone, e il nuovo calendario venatorio 2021.22

Il capogruppo della Lega, Roberto Anelli, rispondendo agli attacchi dell’opposizione (vedi PD) ,  ha fatto sapere che non vi è in ato alcuno scontro tra maggioranza e Giunta, ma al contrario una piena e convinta collaborazione anche sul tema della pratica venatoria.

 

C&D

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Federcaccia lombardia – Avv. Lorenzo Bertacchi

Federcaccia Lombardia – “tutt i gli emedamenti” commentati dal presidente Avv. Lorenzo Bertacchi Condividi l’articolo sui social!

Vanni Ligasacchi per il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni

Vanni Ligasacchi per il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni   Vanni Ligasacchi  – Caccia & Dintorni – un interessante faccia a faccia con l’ex consigliere regionale Vanni Ligasacchi – cacciatore e allevatore amatoriale. Condividi l’articolo sui social!

Caccia e Agricoltura – intervista al presidente nazionale di Coldiretti

Caccia e Agicoltura – Il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni con Ettrore Prandini Presidente nazionale COLDIRETTI – Caccia e Agicoltura – una lunga intervista affrontando i temi importanti che ci toccano da vicino Condividi l’articolo sui social!

Caccia – il diritto di legalità e proporzionalità nei controlli

Caccia : il diritto di legalità e garanzie costituzionale spiegate dall’ Avv. Alberto Scapaticci   In questa diretta Facebook, organizzata da ACL e me condotta con la collaborazione di Caccia & Dintorni, vi è stata l’opportunità di conoscere di concetti fondamentali di “giustizia” che toccano da vicino la caccia e i cacciatori: Il principio di legalità e le garanzie costituzionali. […]