Climate change – Pietro Fiocchi partecipa al summit dell’ ONU

Climate change Pietro :Pietro  Fiocchi partecipa al summit dell’ ONU 

L’europarlamentare, membro della Commissione Ambiente ENVI (Ambiente)  e CEVE (Sviluppo Economico) rappresenta l’ Europa al Climate change dell’ ONU

Climate change – l’attenzione dell’ Europa verso un ambiente più sano ponendo come obbiettivo la riduzione delle emissioni di gas serra. Un fronte comune composto dalle commissioni Europee e delle Nazioni Unite

Climate change” sarà la parola d’ordine dei prossimi 30 anni, dice Pietro Fiocchi, membro della commissione ENVI (ambiente), che partecipa al summit dell’ONU sul “Climate Action” con la delegazione del Parlamento Europeo.
La delegazione Europea è composta da membri delle commissioni ENVI (Ambiente) e DEVE (Sviluppo economico) e mostra l’attenzione Europea ai fattori economici fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi ambientali, in cui l’Europa è leader mondiale.
L’obiettivo della riduzione delle emissioni di gas serra è assolutamente condivisibile; dopo serrate riunioni con rappresentanti delle commissioni Europee e delle Nazioni Unite, risulta evidente che il raggiungimento degli obiettivi dipende da tre concetti fondamentali.

Climate change : 3 obbiettivi

Climate change Pietro :Pietro Fiocchi partecipa al summit dell’ ONU

Il primo è la sostenibilità: ci devono essere i tempi e le risorse per il raggiungimento degli obiettivi. Come dice Pietro Fiocchi: ” …..se non riesci ad arrivare a fine mese, non ti importa dell’ambiente!”.
Il secondo è l’applicazione totale a livello mondiale: in assenza di questo principio, assisteremo ad uno spostamento delle attività produttive verso paesi meno “virtuosi”, con un risultato doppiamente negativo, l’inquinamento totale nei paesi emergenti e un calo del PIL dei paesi ottemperanti.
Il terzo è il dialogo: ci sono circa 50 milioni di pescatori e cacciatori in Europa. Invece di criminalizzarli, usiamoli sottoforma di sentinelle dell’ambiente e custodi della natura perché quotidianamente vivono, amano e comprendono  la natura. E’ nel loro interesse preservare l’ambiente, altrimenti la loro passione muore.
Questo è un problema serio, che sposterà incredibili risorse, ma andrà gestito nella maniera corretta.
Alla fine, come dice Pietro Fiocchi: ” Cosa c’è di meglio di un partito conservatore per “conservare” la natura?”. 

 

C&D – la redazione

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


2a prova campionato provinciale ANLC Brescia

2a prova campionato provinciale ANLC Brescia   2a prova campionato provinciale ANLC Brescia – prava pratica su selvaggina – Cat. Inglesi. Cinofilia – Anche quest’anno abbiamo seguito una batteria della prova pratica su selvaggina organizzata dalla Libera caccia di Brescia in collaborazione con il Gruppo Cinofilo Bresciano. nel video le prove di coppia – Nel servizio anche un intervista con […]

HIT SHOW 2020 nel video di Caccia & Dintorni

HIT SHOW 2020 – oltre 30.000 visite, anche provenienti dall’estero, sono state il primo degli indicatori di peso che hanno caratterizzato un’esposizione vetrina di produttori la cui eccellenza è riconosciuta nel mondo. – Nel quartiere fieristico vicentino sono arrivati operatori e delegazioni da Norvegia, Olanda, Slovenia, Ucraina, Lituania, Estonia, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca. E poi da Cipro e Malta. Inoltre, […]

Passione lepre & segugi

Passione lepre & segugi Passione lepre & segugi – un bel video prodotto da R&B Media che mostra le difficoltà, ma anche la passione per questo tipo di caccia in pianura. Una bravissima muta di segugi, 4 maschi e 3 femmine, 3 cacciatori, ci hanno accompagnato documentando tute le fasi della cacciata. Dalla sciolta dei cani, alla seguita e allo […]

Riserva naturale delle Torbiere – cacciatori sentinelle dell’ ambiente

Riserva Naturale delle Torbiere – Cacciatori sentinelle ambiente Riserva Naturale delle Torbiere – Sabato 25 gennaio l’ Ente Riserva con il suo presidente Gianbattista Bosio ha organizzato una giornata ecologica per la pulizia delle “Lamette” , una parte della riserva sulle sponde del Sebino, interdetta alla caccia, dove nidificano alcune specie di anatidi e rallidi. Una settantina di cacciatori, di […]