La sconvolgente proposta del PD : una tassa sulle armi e tanti limiti

La sconvolgente proposta del PD : una tassa di 200 €uro  sul possesso di armi e tanti altri limiti

Licenza di caccia ridotta ad un anno e rinnovabile solo attraverso certificato medico di idoneità

La sconvolgente proposta

La sconvolgente proposta dell’ On Walter Verini – PD-

La sconvolgente proposta, che prevede l’introduzione di una tassa di 200 euro per i legali possessori di armi è purtroppo vera, nessuna “fake” e nessuna strana invenzione ma solo una risposta, campata in aria diciamo noi, alla nuova legge sulla legittima difesa da poco approvata. Una proposta  depositata il 4 aprile dal deputato PD Walter Verini, già stretto collaboratore di Walter Veltroni e sostenitore del neo segretario Zingaretti, sostenuta anche da Maurizio Martina e Debora Serracchiani. Precisiamo che ul sito della Camera dei Deputati “Lavori preparatori dei progetti di legge” sotto l’ Atto Camera 1737 proposta di legge Verini, c’è scritto “testo non ancora disponibile” . A portare allo scoperto la notizia, che ha presto fatto il giro del web è stato un articolo del Il Sole 24 Ore che l’ha pescata sul sito dei deputati DEM.

Lo scopo della “trovata” è quello di porre dei paletti alla legale detenzione di armi e disincentivare coloro che, dopo l’approvazione della Legge sulla legittima difesa, promossa e sostenuta dal Ministro degli Interni Matteo Salvini (Lega), intendano percorrere la strada del rilascio di un porto d’armi e quindi l’acquisto legale di un arma da difesa o ad uso sportivo.

 

 

Questa ambigua  proposta di legge prevede poi una giro di vite anche  sul di rilascio del porto d’armi per evitare i pericoli legati alle maglie più larghe consentito dalla nuova legge sulla legittima difesa.

 

La sconvolgente proposta del PD nel suo dettaglio

La sconvolgente proposta del PD

La sconvolgente proposta del PD

La proposta di legge del deputato Walter Verini prevede che alla richiesta del porto d’armi debba essere allegato uno speciale certificato medico di idoneità psicofisica, rilasciato da una commissione medica e che lo stesso porto d’armi o licenza debba essere rinnovata ogni anno  subordinata alla presentazione della certificazione medica completa.

Una proposta assurda e penalizzante anche per gli appassionati del tiro sportivo per i sarebbero previsti maggiori controlli proprio sul rilascio del porto d’armi per uso sportivo. Inoltre  il titolare dovrà dimostrare l’effettivo uso per tale scopo e potrà possedere al massimo 3 armi (contro le 12 attuali).

La durata della licenza di porto di fucile per uso caccia sarà quindi rinnovabile su espressa domanda del titolare previa presentazione di un nuovo certificato medico di idoneitàridotta a un anno. Obbligo il fatto di comunicare immediatamente l’avvenuta cessione o vendita di un’arma alla Questura attraverso il  registro telematico, per altro già in uso.  Questo per avere alla fine un maggiore e più severo controllo e sulla tracciabilità delle vendite, in qualunque modo possano avvenire.

La sconvolgente proposta “pidiessina” si completa poi con l’obbligo si segnalare attraverso una comunicazione ufficiale ai familiari, ai conviventi maggiorenni, anche diversi dai familiari stessi, all’altra parte dell’unione civile, anche cessata, nonché a chi sia o sia stato legato da convivenza o da stabile relazione affettiva, anche finita la  detenzione legittima di un’arma. Questo anche perché le armi legalmente detenute sono anche gli strumenti maggiormente utilizzati nei  femminicidi.

 

La sconvolgente proposta del PD “….. cornuti e mazziati “

Alla fine di tutto questo istituire anche  una nuova tassa per il possesso (in aggiunta a ciò che già si paga e quindi  rispetto all’attuale tassa di concessione governativa 168 € per uso caccia – 115 € per porto arma corta ad uso difesa personale ) per un importo annuo non inferiore a 200 euro.

I dati sono stati pubblicati in anteprima dal Il sole 24 ore

 

 

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!

3 Commenti

  • Ivan Moretti

    Sul sito della Camera dei Deputati “Lavori preparatori dei progetti di legge” sotto l’ Atto Camera 1737 proposta di legge Verini, c’è scritto “testo non ancora disponibile”
    Da dove arrivano certe “ufficiali” anticipazioni?

  • Fortunato Busana

    Questo è il PD questi sono Zingare tti e Martina è una palese ritorsione verso la Legge sulla Legittima difesa.
    Questi son stati solo capaci di riempirci di clandestini.

Lascia un commento

required

required

optional


Il BRETON: la mia passione – Gianfranco Lanzi

Il BRETON: la mia passione – Gianfranco Lanzi

Torniamo a parlare di cinofilia e di allevamenti di cane da caccia. In questa puntata Gianfranco Lanzi dell’Allevamento dei Fiorindo ci illustra la sua attività con la razza Breton. La passione familiare per la caccia gli permette da sempre di conoscere e possedere diversi cani. Negli anni 70, durante alcuni viaggi in Francia per lavoro, Gianfranco Lanzi si appassiona alla razza […]

ARTEM – la bottega dell’armaiolo

ARTEM – la bottega dell’armaiolo   ARTEM – la bottega dell’armaiolo – qualcuno si aspetterà di vedere una delle tante fabbriche d’armi della Val Trompia, la culla del settore armiero, dove hanno sede gli storici nomi di questo grande comparto famoso nel mondo. Invece siamo a Botticino Mattina, nella piccola azienda artigiana di Renzo Temponi, ARTEM; una piccola officina bottega […]

18ma Sagra della caccia di Bereguardo

18ma Sagra della caccia di Bereguardo   18ma Sagra della caccia di Bereguardo – Nella splendida cornice del castello Vsconteo si è svolta domenica 19 la 18ma edizione di questa sagra. Una vera festa aperta ai cacciatori, alle loro famiglie e ai tanti che hanno voluto trascorrere qualche ora visitando i vari stands. Una bella esposizione canina ha fatto da […]

ALLEVAMENTO SASSELLI REDWING

ALLEVAMENTO SASSELLI REDWING   ALLEVAMENTO SASSELLI REDWING – Con Firmo Bazzani, titolare e gestore di questo allevamento particolarissimo, dove ci sono voliere immense, abbiamo voluto parlare di come lui alleva i sasselli. Allevamento sasselli -Come sapete da oltre 6 anni con la chiusura dei centri di cattura, i famosi roccoli, per i cacciatori da capanno non c’è più la possibilità […]