Selvatici – IL MINAMBIENTE STA A GUARDARE

Selvatici – Per certe persone la priorità è quella della salvaguardia e la tutela degli animali prima che dell’essere umano. Non fa nulla se certe popolazioni causano danni di ogni genere al territorio, mettendo a repentaglio la sicurezza stradale ( come appena avvenuto in A1) . La parla d’ordine è “giù le mani dai cinghiali !” – … o dalle nutrie.  Ora però, visto che non ci si può attaccare sui vetri assumendo posizioni assurde e senza basi logiche, la stragrande maggioranza della società civile, quindi l’opinione pubblica, pare non voglia più saperne e chiede che si corra ai ripari. Altro che i metodi dissuasivi chiesti da ISPRA !

Di seguito il Comunicato dell’ ANUUMigratoristi che sintetizza in questo modo la questione dell’alta presenza di certi selvatici , come il cinghiale ( che si riproduce del 150% in un anno)

 

ANUU Migratoristi -IL MINAMBIENTE STA A GUARDARE

Ormai siamo tutti presi dall’impegno di non toccare gli animali selvatici perché devono essere assolutamente tutelati, nonostante certe popolazioni, come ad esempio quella dei cinghiali o delle nutrie, siano oltre misura e nonostante causino danni di ogni tipo sul territorio. Tantissimi sono infatti gli incidenti, a volte anche mortali, come il recente terribile e drammatico evento verificatosi nei primi giorni dell’anno sulla A! , tra Lodi e Casalpusterlengo, a causa dell’attraversamento di alcuni cinghiali. Ma sembra che, finalmente, la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica non voglia più saperne anche perchè le istituzioni più accreditate (Minambiente, ISPRA e Associazioni ambientaliste) non sanno più cosa dire se non schierarsi in una difesa – al di là di ogni reale visione dei fatti – veramente inimmaginabile, tanto da cadere nel ridicolo.

Ancora una volta l’ISPRA, con il responsabile del Settore gestione e conservazione della fauna, difende i piani dallo stesso predisposti per la riduzione del numero dei capi che il predetto Istituto può approvare o meno in base ad una serie di linee guida tecnico-scientifiche, ormai obsolete e assolutamente restrittive rispetto alla situazione emergenziale su tutto il territorio, che sono da considerarsi superate.

Selvatici … secondo ISPRA ….

Si pretende ancora che, prima dell’abbattimento, si provino metodi dissuasivi ed ecologici o, quando si possono catturare (sic!), dovrebbero essere somministrati ai singoli capi tramite iniezione dei farmaci atti alla sterilizzazione (sic!), perché progetti di sterilizzazione di massa (così si esprime l’ISPRA) al momento non sono attuabili. Bontà loro! È ben lecito domandarsi se questo Istituto viva su un altro pianeta visto che gli interventi da esso proposti sono tutti tesi ad evitare “gli incidenti con gli animali coinvolti”, più protesi verso costoro che verso gli esseri umani!

Poco importa se il vero problema è la tutela della persona, dei suoi mezzi e delle sue coltivazioni, quando i cinghiali stimabili in Italia sono oltre un milione. E tutto ciò in via meramente prudenziale, senza parlare di caprioli, cervi e daini. Siamo lieti per la biodiversità, ma ogni cosa deve avere un limite, come si può rivedere nel celebre e sempre attuale film “Gli uccelli” di Alfred Hitchcock!

ANUUMigratoristi Stampa

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


La caccia al Casottone dei Nani

La caccia al Casottone dei Nani – Riserva di caccia nel lodigiano, una AATV tra il fiume Adda e la roggia Colatore Nani. Un luogo per esercitarsi e per coltivare la passione per la caccia. In questo video vi mostriamo le opportunità di caccia che offre il territorio: la regina del bosco …la beccaccia , fagiani, starne, pernici e altro […]

ROC’ Caccia e Natura di Vanni De Carlo

ROC’ CACCIA E NATURA   ROC’ CACCIA E NATURA di Vanni De Carlo e Momenti di Caccia – un bel video di caccia dedicato alla selvaggina stanziale . Il nostro amico Vanni è andato questa volta in Croazia, a ROC’ con i suoi cani, splendidi Setter inglesi. Un video girato in estate, in un ambiente unico e spettacolare, che saprà […]

Caccia alla lepre con Petit Gascon Saintongeois

Caccia alla lepre con Petit Gascon Saintongeois – Una bella mattina di caccia nella pianura mantovana con una muta particolarmente coesa di segugi francesi. La razza è famosa per il gran fiuto e per la voce molto sonora. Ha un carattere dolce, leale ma molto determinato, mostra fierezza e profondo attaccamento al padrone. Il Gascon Saintongeois viene usato per il […]

Caccia al tordo con i piccoli calibri SIACE Armi

Caccia al tordo con i piccoli calibri SIACE Armi   Caccia al tordo con i piccoli calibri SIACE Armi – La tradizione della caccia da appostamento fisso unita all’impiego dei piccoli calibri. In questo video abbiamo utilizzato un cal. 410 e un cal. 28 della Siace Armi dei fratelli Gelmini di Gardone Val Trompia. Due fucili leggeri e molto maneggevoli […]