Passione in ….Finita. Una categoria in grave stato di conservazione

 Passione in…finita. Una categoria in grave stato di conservazione

Passione in…finita – ” un po’  di introspezione per evitare altri errori” – preparazione e formazione alla base di una nuova classe dirigente. 

Passione in …FINITA – caccia e cacciatori

Tutte le Regioni, o quasi, si sono dotate del calendario venatorio per la nuova stagione di caccia. Calendari che non sempre incontrano i favori dei cacciatori, che pretenderebbero di cacciare come 30 anni fa, quando tutto era concesso e quando i diritti superavano i doveri. Oggi i tempi sono cambiati e solo il fatto di riuscire a predisporre e approvare un calendario a prova di “ricorso” che tenga conto di tutte le variabili è davvero un’ impresa titanica.

Spesso i seguaci di Diana se la prendono con i rappresentati politici, attribuendo le colpe e le responsabilità  agli assessori regionali, che diventano così il capro espiatorio della mancata velleità di fare carniere. In questo modo però si perde di vista il vero obbiettivo che è quello di guardare al futuro, di unire le forze e di eleggere una classe dirigente preparata. Le associazioni, che rappresentano il sindacato di tutela della passione venatoria devono essere consapevoli delle problematiche che affliggono la caccia nel nostro paese e per questo si esige una preparazione ed una formazione autentica. Non bastano più la disponibilità e il numero di “licenze” e la buona fede. I “dirigenti” venatori per rimanere al passo con i tempi devono avere una visione molto più ampia della materia e una competenza che sia il frutto di una formazione seria. Devono conoscere le leggi, saperle interpretare, devono saper comunicare e collaborare fra di loro.

 Passione in…finita – Oggi, cari cacciatori, il solo fatto di barcamenarsi fra mille insidie, pareri non vincolanti (ma che di fatto lo sono), intimidazioni e ricorsi, valutazioni e cavilli vari è davvero come nuotare contro corrente quando il fiume è in piena. Gli antagonisti della caccia, i detrattori di questa passione, molto meglio organizzati, trovano infatti terreno fertile e gli attacchi continui, i ricorsi (che non pagano) sono ormai all’ordine del giorno. Per loro attaccare la passione venatoria è come “sparare sulla Croce Rossa”.

La protesta dei cacciatori, il malcontento, la rabbia e l’indignazione viaggiano sul web attraverso i social, ma tutto si ferma li. Nessun coordinamento e nessuna regola. Un pò come sbattere i pugni sul tavolo e fare la voce grossa ma…. da dietro una tastiera.  Post dettati dalla pancia piuttosto che dalla ragione. Frasi che non entrano mai nel merito della questione.  Ma del resto quello del “lamento” è una prerogativa di tanti, una sorta di sport nazionale in cui l’ italiano generico-medio è bravissimo. Poi dal 19 settembre (ricorsi permettendo) si dimenticherà tutto per altri 3 mesi.

In molti si sta spegnendo la “passione”, i giovani che vi si avvicinano sono sempre meno mentre si alza sempre più l’età media del cacciatore. Spesso si sente dire che vi sono specie in grave stato di conservazione … ma una di quelle sono proprio i cacciatori. E’ stato calcolato che ogni anno si perda in media tra il 7 e il 10% di praticanti e questo significa che fra non molto i cacciatori saranno davvero molto pochi, uno sparuto gruppo di anziani allo sbaraglio.

 Passione in…finita . Se oggi la categoria può ancora attrarre l’attenzione di qualche politico dalle facili promesse, in cerca di voti, fra non molto questa categoria non conterà proprio più nulla e non sarà più appetibile da nessuno. Occorre dunque serrare le fila e riorganizzare dalle fondamenta l’attività, adeguandola ai tempi, guardando al futuro, creando nuove figure professionali preparate, collaborando con chi è in grado di fare ricerca, istituendo campagne di comunicazioni mirate ed efficaci, parlando di fauna selvatica e di biodiversità in maniera corretta alle nuove generazioni. Se è vero che il cacciatore è la sentinella dell’ambiente lo dimostri anche in questo diventando sentinella della propria realtà.

di Michele Casale

Michele Casale antropologo – naturalista e collaboro con questo gruppo

Condividi l'articolo sui social!
error

1 Commento

  • Marco

    Caro Michele, uno dei problemi è rappresentato da questo:”Gli antagonisti della caccia sono molto meglio organizzati” ed un altro che i “dirigenti” venatori per rimanere al passo con i tempi devono avere una visione molto più ampia. Fino a quando non si supereranno le logiche di parrocchia e si creerà un’unica associazione di rappresentanza dei cacciatori difficile pensare positivamente al futuro. Si fanno tante dichiarazioni e pochi fatti; un esempio su tutti: Ispra continua imperterrita a formulare pareri che di scientifico hanno poco o nulla, disattendendo la sua ragione di esistere, cosa aspettano le AAVV o le Regioni a chiedere ragione di questo comportamento denunciando formalmente l’inadempienza?

Lascia un commento

required

required

optional


Il roccolo : una tradizione da conservare

Il Roccolo : una tradizione da conservare Il roccolo: una tradizione da conservare Una delle più antiche tradizioni venatorie del nord Italia è senza dubbio quella dell’uccellagione. A distanza di un anno siam saliti ancora una volta al Roccolo di Italo, o Roccolo Gervasoni, una struttura straordinaria conservata da Lodovico e GianFranco in maniera straordinaria …. nel video potete vedere […]

Passione lepre & segugi

Passione lepre & segugi Passione lepre & segugi – un bel video prodotto da R&B Media che mostra le difficoltà, ma anche la passione per questo tipo di caccia in pianura. Una bravissima muta di segugi, 4 maschi e 3 femmine, 3 cacciatori, ci hanno accompagnato documentando tute le fasi della cacciata. Dalla sciolta dei cani, alla seguita e allo […]

I CINGHIALI DEL SEBINO

I CINGHIALI DEL SEBINO – il nuovo video di Caccia e Dintorni    I CINGHIALI DEL SEBINO con gli amici Consorzio Squadre Cinghiali Zona 1 di Brescia abbiamo dato vita ad una bella giornata di caccia sui monti a ridosso del Sebino, tra Iseo e Sulzano. Una braccata ben riuscita nella quale siamo riusciti a mettere in evidenza la passione […]

ANATRE NEL BRESCIANO – UNA MATTINA DA RICORDARE

ANATRE NEL BRESCIANO – UN MATTINA DA RICORDARE ANATRE NEL BRESCIANO – La caccia agli anatidi da appostamento fisso, nella tesa allagata, lo “sguass” … è qualcosa di molto emozionante. Arrivare presto con il buio senza far rumore … . Capire se ci sono germani, alzavole o moriglioni … in attesa che comincino a girarci sulla testa …Una caccia che […]