Falconeria – Civiltà Rurale XIII – 14/15

Gianfranco Baroli ci introduce a questa particolare puntata Civiltà Rurale infatti non è solo allevamento di animali da fattoria e agricoltura, ma è cultura e storia del territorio, per questo protagonista di questa puntata è la falconeria: l’arte venatoria più antica con i suoi 4.000 anni di storia e più diffusa, praticata in tutti gli stati del mondo.

Franco Gaeti, allevatore di falchi, cita Federico II che definiva la falconeria come “arte della caccia”. Per allevare questi splendidi animali è necessario amore e passione, ma anche curiosità e attenzione per le consuetudini e le logiche dei falchi. Servono anche conoscenza della legislazione e delle normative, i falchi sono detraibili solo se muniti di certificato CITES e protetti dalla convenzione di Washington. I falchi, inoltre non sono animali addomesticabili e con loro è impossibile instaurare un rapporto di dominanza da parte dell’uomo, ma è necessario costruire un rapporto di fiducia, quasi di amicizia.

Visitiamo le ampie voliere allestite per ciascun esemplare, aperte per far passare aria, luce e pioggia, elementi necessari per lo sviluppo del falco e passiamo in rassegna alcune speci che alleva Gaeti: il falco Pellegrino del Nord-Africa o Falcone del Barberia, il Peregrinus peregrinus, il Lanario feldeggii, il Falcone aplomado del Sud-America, piccolo ma molto coraggioso, questo predatore caccia prede 5 volte il suo peso.

Seguiamo con crescente interesse la caccia con il falco, dove Antonio e l’allevatore Franco ce ne illustrano i diversi aspetti. I cani da ferma aiutano la scova delle prede e se il cane frulla si lascia avvicinare il falco con un basso volo, attuando così una caccia da inseguimento, se invece il cane ferma il falcone attuerà un volo ad alta quota e si lancerà sulla preda in picchiata. Ogni parte di questa caccia segue un ritmo e una ritualità precisa, in particolare l’incappucciamento del falco al termine della caccia si rivela la parte più delicata, per non far cadere la fiducia del falco verso il suo allevatore.

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]

Una vita per il Petit Gascon Saintengeois

Una vita per il Petit Gascon Saintengeois con Gabriele Stizioli   Una vita per il Petit Gascon Saintengeois – ovvero il segugio francese. Abbiamo fatto visita all’allevamento amatoriale di Gabriele Stizioli Team Stizioli) per fare la conoscenza di questa splendida razza di cani da seguita, particolarmente indicati per lepre e cinghiali. Un allevamento molto ben curato dove risiedono i suoi […]