Il Senatore Bruzzone smaschera Costa sui KC

Il Senatore Bruzzone smaschera Costa sui Key Concept e trova in Fiocchi un alleato a Bruxelles

 

Gen. Sergio Costa ( ex Corpo Forestale)

Il Senatore leghista Francesco Bruzzone ha interrogato ad inizio settimana il Ministro Costa sulla questione Key Concepts, domandandogli in particolare come intenda muoversi a riguardi della  posizione di Ispra, per l’adeguamento  dei “Key Concepts italiani a quelli di Francia, Spagna, Croazia e Grecia.

Una situazione che potrebbe porre l’Italia in una posizione molto diversa e non conforme se confrontata con gli altri stati membri. Bruzzone ha poi pungolato il Ministro Costa sul fatto di essersi confrontato con il collega Centinaio del dicastero Agricoltura, a cui ricordiamo fa riferimento la caccia, sulla posizione di tenere in Commissione Europea.

Va poi aggiunto che proprio a Bruxelles, subito dopo la pausa di questo periodo, sarà l’eurodeputato Pietro Fiocchi, già membro della Commissione Ambiente, a farsi carico di tutte le verifiche del caso che riguardano le specie cacciabili.

C&D

 

Questo il testo integrale dell’Interrogazione al Ministro Costa

Il Senatore BRUZZONE- Al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Key Concep - Centinaio ne rivendica la competenza

Key Concept

-Premesso che, a quanto risulta all’interrogante: il processo di modifica del documento europeo “Key Concepts“, che stabilisce le date di fine riproduzione e inizio migrazione prenuziale per le specie di uccelli degli allegati 2A E 2B della direttiva 147/2009/CE (direttiva “Uccelli”), è in corso e si svolge attraverso riunioni del comitato NADEG della Commissione europea e di un gruppo tecnico di lavoro istituito tra i membri dello stesso NADEG; dopo la raccolta delle proposte di modifica dei “Key Concepts” da parte degli Stati membri, e le riunioni del NADEG dei giorni 21, 22 e 23 maggio 2019, è emerso che le proposte dell’Italia, predisposte dall’ISPRA, e inviate dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, costituite da 18 “rapporti tecnici non pubblicati”, sono quelle di anticipare da 2 a 6 decadi le date di migrazione prenuziale, rispetto a quelle della Francia, Spagna, Grecia, Croazia e Portogallo, cioè i Paesi di latitudine simile all’Italia ;al contrario, le proposte del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, che sono condivise dalla maggior parte delle regioni e sono fondate su pubblicazioni scientifiche internazionali e nazionali, svolte da università riconosciute (per esempio Pisa-Padova), sono coincidenti o diverse per una sola decade da quelle degli Stati dell’Unione europea citati; tale situazione pone lo Stato italiano in una condizione di difficoltà davanti alla Commissione europea, che auspica Key Concepts omogenei per aree geografiche “Flyway” e in questo approccio è ritenuta accettabile dalla Commissione la differenza di una o due decadi in relazione alla latitudine fra gli Stati; nel corso di un approfondimento fra le parti, svoltosi su richiesta della Commissione a Parigi fra ISPRA, ONCFS francese, FACE e Bird Life e un rappresentante del Ministero delle politiche agricole, l’ISPRA è rimasto rigido sulle proprie posizioni, nonostante le conclusioni della maggior parte dei partecipanti, fondate su studi pubblicati, convergano a identificare nel mese di febbraio l’inizio della migrazione delle specie oggetto della discussione, si chiede di sapere: come il Ministro in indirizzo intenda procedere, alla luce della posi-zione assunta dall’ISPRA, per adeguare i “Key Concepts” italiani a quelli di Francia, Spagna, Croazia e Grecia, considerato che questo potrebbe portare l’Italia ad una difformità rispetto agli altri Stati membri, e soprattutto rispetto all’auspicio della Commissione europea di avere “Key Concepts” omogenei per aree geografiche; quale sia la motivazione per la quale non abbia concordato con il Ministero delle politiche agricole le posizioni da esprimere alla Commissione europea, prima dell’invio dei documenti finali, vista la competenza assegnata sulle specie caccia.

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

1 Commento

  • Salvatore Beninato

    Ottimo on. Bruzzone, l’Italia deve camminare di pari passo con l’Europa non è più concepibile sottostare ai veti del Sig. Costa pseudo ambientalista, protezionisti e contro la caccia.
    Gli Italiani non capiscono le ragioni per cui un ministro non super partes deve occupare quel ruolo. Subito a casa

Lascia un commento

required

required

optional


La caccia al Casottone dei Nani

La caccia al Casottone dei Nani – Riserva di caccia nel lodigiano, una AATV tra il fiume Adda e la roggia Colatore Nani. Un luogo per esercitarsi e per coltivare la passione per la caccia. In questo video vi mostriamo le opportunità di caccia che offre il territorio: la regina del bosco …la beccaccia , fagiani, starne, pernici e altro […]

ROC’ Caccia e Natura di Vanni De Carlo

ROC’ CACCIA E NATURA   ROC’ CACCIA E NATURA di Vanni De Carlo e Momenti di Caccia – un bel video di caccia dedicato alla selvaggina stanziale . Il nostro amico Vanni è andato questa volta in Croazia, a ROC’ con i suoi cani, splendidi Setter inglesi. Un video girato in estate, in un ambiente unico e spettacolare, che saprà […]

Caccia alla lepre con Petit Gascon Saintongeois

Caccia alla lepre con Petit Gascon Saintongeois – Una bella mattina di caccia nella pianura mantovana con una muta particolarmente coesa di segugi francesi. La razza è famosa per il gran fiuto e per la voce molto sonora. Ha un carattere dolce, leale ma molto determinato, mostra fierezza e profondo attaccamento al padrone. Il Gascon Saintongeois viene usato per il […]

Caccia al tordo con i piccoli calibri SIACE Armi

Caccia al tordo con i piccoli calibri SIACE Armi   Caccia al tordo con i piccoli calibri SIACE Armi – La tradizione della caccia da appostamento fisso unita all’impiego dei piccoli calibri. In questo video abbiamo utilizzato un cal. 410 e un cal. 28 della Siace Armi dei fratelli Gelmini di Gardone Val Trompia. Due fucili leggeri e molto maneggevoli […]