Umbria verso il nuovo calendario –

Umbria verso il nuovo calendario   – preadozione  – 3 mezze giornate per la preapertura e cinghiali dal 1 novembre

 Umbria – dopo che causa Coronavirus era saltato il piano di contenimento al cinghiale  si va ora verso la definizione del nuovo calendario venatorio, dopo aver sentito le proposte delle maggiori associazioni.

Umbria – quasi fatta per il nuovo calendario venatorio

Umbria – La nuova stagione di caccia si dovrebbe presentare con  3 mezze giornate di preapertura, il 2 – 6 e 13 settembre, mentre la stagione ufficiale, Coronavirus permettendo, partirà come di consueto la terza domenica di settembre e cioè il 20.
 Queste le principali  novità del Nuovo Calendario venatorio stagione 2020/21 che la Giunta regionale dell’Umbria si accinge a varare  nella seduta prevista per la  metà della prossima settimana, giovedì per l’esattezza.

Tra le altre novità messe in cantiere la possibilità della caccia alla specie colombaccio dalla terza domenica di settembre, con chiusura il 31 gennaio.

Nella mattinata del 13 settembre si potrà anche andare a caccia di quaglie. I cacciatori che effettuano questo tipo di caccia dovranno però distinguersi indossando un giubbetto ad alta visibilità, ormai obbligatorio in molte regioni e AFV.  Proposta, questa, che non piace a diversi rappresentanti dei cacciatori.

Le associazioni venatorie, che avevano presentato un documento comune, hanno comunque richiesto alcune modifiche.

Cinghiali dal 1 settembre al 31 gennaio

Umbria – la caccia al cinghiale dal 1 novembre al 31 gennaio 2021

Quello del prelievo del cinghiale è un problema serio, tanto che se n’è discusso da tempo anche dal nuovo assessore regionale alla caccia Morroni, che conosce bene la questione relativa ai danni provocati da questo selvatico all’agricoltura. Un vertice a tal proposito si era tenuto anche in Prefettura. Le braccate, per potersi allineare a quanto avviene nelle regioni limitrofe, partiranno dal 1 novembre fino al 31 gennaio, ma vista l’emergenza e il proliferare di questo animale, capace di riprodursi del 150% all’anno, dovrebbero essere autorizzate  giornate di caccia anche in ottobre

Distanziamento Coronavirus per le squadre 

In tema di coronavirus la caccia al cinghiale è proprio quel tipo di battuta dove vi è assembramento soprattutto nelle fasi del raduno, ma sono al vaglio alcune proposte giunte dalle squadre che operano sul territorio e una di queste è quella di raggiungere il territorio di caccia ciascuno con il proprio mezzo di trasporto.  I postaioli sarebbero poi al riparo  poiché per ovvie ragioni sono sempre stati ben distanziati fra loro. Pochi accorgimenti da rispettare, se dovesse perseguire il perdurare della pandemia.

 

BDM

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani

Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani

Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani   Kurzhaar e quaglie al Casottone dei Nani – Nel lodigiano, in questa bella riserva Agrituristico venatoria una mattina dedicata alla sgambatura degli ausiliari in zona “C” – Con due amici e con i loro tre kurzhaar, che si sono alternati sui terreni, abbiamo visto delle ottime ferme sulle quaglie con consenso, e […]

Caccia & Europa con l’ On Pietro Fiocchi – Gruppo ECR –

CACCIA E EUROPA- con l’ ON PIETRO FIOCCHI si sono commentati tutti quelgli argomenti inerenti alla caccia di competenza UE Si è parlato della nuova stagione, delle opportunità che arrivano dall’Europa, del commissario all’ Ambiente che apre ai cacciatori definendo chi va a caccia figura indispensabile per la biodiversità e ambiente. Caccia & Europa Condividi l’articolo sui social!

Sorsoli’s la toelettatura come prevenzione

Sorsoli’s  la toelettatura come prevenzione per forasacchi e zecche    SORSOLI’S  la toelettatura del cane come prevenzione – In questo video il nostro amico Pierluigi Sorsoli, noto allevatore di setter inglesi, ci spiega e ci mostra come la toelettatura fatta in modo specifico ci può aiutare nella prevenzione di forasacchi e zecche che diventano più facili da individuare. Ovviamente nel […]

Caccia di selezione sull’Appennino Piacentino

Con due amici, Samuele e Ivano, siamo saliti sull’appenninoemiliano nella zona di Bobbio per questa puntata dedicata alla caccia di selezione . Il prelievo è stato fatto con una femmina di capriolo adulta, seguendo e rispettando tutte le regole che disciplinano questo tipo di caccia. Un colpo sparato da circa 250 mt proprio all’imbrunire … . Caccia e dintorni sempre […]