Sperimentato e bocciato. Il Cupav di Bergamo scrive all’ass. regionale lombardo Fava.

Di seguito pubblichiamo la lettera aperta che ci è pervenuta in redazione a cura del CUPAV di Bergamo, nella quale viene espresso tutto il malcontento nei confronti di una Regione Lombardia ormai lontana dal mondo venatorio e dal suo territorio.

C&D

20151102_212916

NUOVO TESSERINO VENATORIO…UN’ALTRA IATTURA DA REGIONE LOMBARDIA…NON NE POSSIAMO PIU’!!!!!

LETTERA APERTA AD ASSESSORE FAVA DA PARTE DEL CUPAV DI BERGAMO

 

Bergamo,  05 febbraio 2016.

 

 

 

All’Assessore Regionale

Giovanni Fava

 

 

Alla Dirigente Regionale Caccia

 Anna Bonomo

 

 

e p.c. Al Dirigente settore Caccia e Pesca della

Provincia di Bergamo Alberto Cigliano

 

 

Oggetto: tesserino regionale sperimentale a lettura ottica

 

 

Gentilissimi,

 

Noi, rappresentanti del CUPAV di Bergamo, abbiamo sperimentato, nel corso della stagione venatoria 2015/2016, con relativa compilazione, il tesserino regionale a lettura ottica.

Oltre alle naturali, ovvie, difficoltà che si riscontrano allorquando si testi un qualsiasi strumento o dispositivo di nuova concezione, le prime valutazioni che vogliamo osservare riguardano: la funzionalità, l’economicità, la semplicità e l’obbiettivo che si vuol raggiungere con l’inserimento di tale dispositivo.

•          funzionalità: balza all’occhio il formato stesso del tesserino, 11,5×16 cm, con uno spessore di 10 mm.. Formato che non consente la riposizione in nessuna tasca di indumenti classici usati nell’attività venatoria, se non nella tasca posteriore adibita alla custodia della selvaggina (carniere), che comunque comporta inevitabili imbrattature, oltre al rischio di facile smarrimento. Il tipo di carta usato, che come da raccomandazioni evidenziate nelle istruzioni stesse, è troppo sensibile all’umidità e costituisce sicuramente un problema non di poco conto, visto il contesto in cui viene usato; come, per altro, non è facile reperire custodie impermeabili per tale formato. Inoltre tale tipo di carta alla fine della stagione venatoria, e quindi del conseguente utilizzo del tesserino nelle più svariate condizioni, sarà talmente deteriorato da non consentire poi la, conseguente, lettura ottica.

Il tesserino non può riportare in maniera prestampata le generalità del titolare, che verrebbero stampate su supporti autoadesivi, di seguito  spediti ai titolari stessi, che dovrebbero provvedere  all’applicazione nell’apposito spazio, con conseguenti rischi di errori e/o smarrimenti.

•          economicità: Oltre ai costi diretti, sicuramente molto più elevati di quello attualmente in dotazione, che riteniamo non indifferenti per la progettazione, la stampa e la confezione di questo manufatto , ben più rilevanti, appaiono a nostro avviso, i costi indiretti che l’amministrazione pubblica dovrebbe sostenere.    20151102_212943

Possiamo tentare di ordinare in almeno 4 capitoli di spesa questi costi indiretti:

1.        costo del software  per l’elaborazione dati ottenuti dalla lettura ottica

2.        costo per stampa su supporto adesivo dei dati del titolare, relativa spedizione e costi spedizione del tesserino stesso di gr. 158

3.        costo per l’adattamento dei tesserini, (una volta riconsegnati a stagione terminata), per consentire la lettura ottica. Questa operazione all’apparenza insignificante, consiste nello scomporre il tesserino in fogli singoli per essere inseriti nel lettore ottico. Per poter scomporre un libretto di tale fogliazione, confezionato in brossura filo refe, interviene la necessità di essere dotati di tagliacarte elettrico, quindi presuppone l’acquisto da parte di ogni amministrazione locale di tale attrezzatura, nonché la formazione e l’istruzione di personale, ammesso che possa essere adibito a tale mansione. Non pare percorribile anche l’affidamento di tale operazione a aziende private esterne, in quanto oltre ai costi che potrebbero davvero diventare insostenibili, sarebbe troppo alto il rischio di smarrimenti e/o di eventuali mescolanze, che di fatto potrebbero inficiare tutta l’operazione.

4.        Conservazione e stoccaggio : Attualmente, gli uffici preposti, archiviano tali documenti e li conservano per 10 anni, in maniera che possano essere consultati ogni qual volta le autorità competenti lo richiedano. Prendendo ad esempio l’amministrazione provinciale di Bergamo, attualmente, conserva in una cinquantina di scatole per ogni annata tali documenti, pari a circa 300Kg.  con un ingombro di quasi 6 metri cubi . Volendosi avventurare in  una stima approssimativa, sempre prendendo ad esempio Bergamo, che conta complessivamente 12.000 cacciatori, e considerando che il tesserino sperimentale misura, come già indicato, cm. 11,5×16 con uno spessore di 10 mm. e  un peso pari a 158 gr. si può facilmente dedurre che il peso complessivo di quanto si dovrà archiviare annualmente sarà pari a 1896 Kg. più  scatole e/o box per consultazioni, con un ingombro stimato in circa 30 metri cubi. Ragione per cui con il proseguimento, già di un paio di annate, si dovrà disporre di locali adatti allo stoccaggio permanente di tali quantità di materiale cartaceo, con  relativi impianti che soddisfino i requisiti richiesti dalle vigenti normative europee antincendio e di buona conservazione di documenti.

•          La semplicità :non è una qualità, né una prerogativa, che si può attribuire a questo “nuovo” dispositivo. Partendo dalla difficoltà oggettiva di centrare uno spazio di pochi millimetri con un punto, che non deve essere troppo piccolo e allo stesso tempo non deve sbordare assolutamente da tale micro-superfice, nelle condizioni e nel contesto in cui viene svolta l’attività venatoria, è un’operazione che risulta difficile anche a persone particolarmente giovani e dotate di buona vista, figuriamoci a quella, più del 30% (ahinoi!!!!), di soggetti ultrasessantenni. Per complicare ulteriormente la compilazione del tesserino, come se non bastasse, vengono richieste una serie di compilazioni, non contemplate nelle normative vigenti in materia, ne a livello regionale, ne nazionale ne tanto meno a livello di normative europee. Ci riferiamo in primis all’opzione della forma di caccia da appostamento fisso, che ha subito una inconcepibile tripartizione in appostamento agli acquatici, turdidi e allodole. Definiamo ”inconcepibile” questa ulteriore complicazione, in quanto nessuna legge e/o regolamento implica il divieto di effettuare il prelievo anche contemporaneamente delle tre suddette specie di avifauna, in un appostamento fisso.  Altra incongruenza viene riscontrata, rispetto agli spazi relativi gli abbattimenti giornalieri dei capi di selvaggina migratoria, che, come è noto, salvo gli acquatici, e qualche altra eccezione, sono in numero di trenta. In pratica,  come è stato riscontrato con il tesserino sperimentale, se ad esempio vengono abbattuti 30 tordi, il cacciatore dovrà eseguire 30 marcature nelle apposite caselle. Ben più semplice sarebbe riportare nelle caselle da contrassegnare il numero stesso es. 1-2-3-4-5 ecc. fino a 30, per cui avendo una sola marcatura, la compilazione e di conseguenza la lettura ottica, risulterebbe sicuramente più precisa ed affidabile.

•          L’obbiettivo che si vuol raggiungere, con l’adozione di tale dispositivo, rimane un mistero per un qualsiasi normale cittadino-cacciatore contribuente. Questo, e cioè l’obiettivo, dovrebbero rivelarcelo gli zelanti dirigenti della regione, che hanno studiato, progettato ed eseguito questi quanto costosi (non si sa ma chiederemo accesso agli atti per verificarlo ) prototipi.IMG-20151028-WA0002

Il CUPAV di BERGAMO oltre ad esprimere un giudizio fortemente critico circa l’operato di questa giunta in materia venatoria,  nel caso di specie, riguardante il tesserino sperimentale, esprime il fermo e totale rifiuto di adottare tale strumento di controllo, che risulterebbe  ulteriormente inutile, costoso, vessatorio.

 

                                                                                                              CUPAV BERGAMO

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]

Una vita per il Petit Gascon Saintengeois

Una vita per il Petit Gascon Saintengeois con Gabriele Stizioli   Una vita per il Petit Gascon Saintengeois – ovvero il segugio francese. Abbiamo fatto visita all’allevamento amatoriale di Gabriele Stizioli Team Stizioli) per fare la conoscenza di questa splendida razza di cani da seguita, particolarmente indicati per lepre e cinghiali. Un allevamento molto ben curato dove risiedono i suoi […]