Sergio Berlato : chiede lo stato di “Terrorismo animalista”

Sergio Berlato : l’europarlamentare Veneto chiede lo stato di   Ecoterrorismo o Terrorismo animalista , proprio come sta facendo la Gran Bretagna dove sta per contrastare le violente aggressioni animaliste ai cacciatori schierando il Security Service, MI5, dichiarando di fatto guerra all’animalismo integralista considerandolo una minaccia per la nazione. Noi però siamo in Italia, con un governo che copre e protegge i falsi ambientalisti, quelli che inneggiano ad un mondo vegano ma poi sfogano i loro istinti animali con la violenza, dovuta con tutta probabilità ad una evidente carenza di proteine.

Gran BretagnaIl Governo Britannico contro l’escalation dei movimenti animalisti contro la caccia,  è pronto a schierare il dipartimento antiterroristico per la sicurezza nazionale , nientemeno che il  Security Service, spesso indicato come MI5 (Military Intelligence, Sezione 5),  l’ente per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito. Si occupa della protezione dalle minacce alla sicurezza nazionale: della Regina e dei membri della Famiglia Reale, della democrazia parlamentare e degli interessi economici britannici, della lotta ai crimini gravi, al separatismo, al terrorismo e allo spionaggio nel Regno Unito

 

Il Comunicato:

SERGIO BERLATO DICE BASTA IMPUNITA’ PER GLI ESTREMISTI ANIMAL-AMBIENTALISTI. IL PARLAMENTO INTRODUCA NELL’ORDINAMENTO NAZIONALE IL REATO DI ECO TERRORISMO PER PUNIRE CHI VUOLE IMPEDIRE INTENZIONALMENTE IL LEGITTIMO ESERCIZIO DELLA CACCIA E DELLA PESCA

Sergio Berlato Europarlamentare italiano

Le cronache di questi giorni riportano una serie di atti vandalici a danno degli appostamenti ad uso venatorio in diverse zone d’Italia, molto probabilmente ad opera di soggetti che per una distorta impostazione ideologica si sentono legittimati a compiere delle vere e proprie azioni criminali contro chi esercita un’attività lecita e rigidamente normata come la Caccia.

Siamo perfettamente consapevoli che non si tratta di fenomeni isolati ma di una vera e propria strategia messa in atto da diversi gruppetti di estremisti animal-ambientalisti, che purtroppo non si concretizza solo nel danneggiamento alle strutture ma, troppo spesso, anche in una sistematica azione criminale per impedire il legittimo esercizio dell’attività venatoria e della pesca.

Una situazione che ho più volte denunciato presso le Istituzioni e gli organi competenti, senza finora apprezzabili esiti da parte di chi avrebbe il compito di perseguire e punire determinati comportamenti che non esito a definire criminali. Ci teniamo a ricordare che nel gennaio 2017, durante il mio ultimo mandato in Consiglio regionale del Veneto, ho presentato e fatto approvare una legge regionale (la n. 1/2017) per punire con una sanzione amministrativa, che andava da un minimo di 600 euro ad un massimo di 3600 euro, chiunque ponga in essere atti di ostruzionismo o di disturbo dai quali possa essere turbata o interrotta la regolare attività di caccia o rechi molestie ai cacciatori nel corso delle loro attività. Questa Legge, purtroppo avversata anche da qualche dirigente venatorio che magari oggi stila pomposi comunicati stampa per denunciare questi episodi a danno dei cacciatori, è stata impugnata dalla Corte Costituzionale perché andava a normare anche questioni di ordine pubblico che sono di esclusiva competenza statale. Per questo, dopo l’impugnazione da parte della Corte, ho fatto immediatamente presentare la stessa Legge presso il Parlamento nazionale dove ancora giace, probabilmente perché ancora nessuno tra coloro che si definiscono “amici dei cacciatori” ha ritenuto di impegnarsi per portarla in discussione.

Considerato l’aumento dei casi di danneggiamenti e delle aggressioni a danno dei cacciatori, e in attesa di veder finalmente introdotto anche nell’ordinamento italiano il reato di ecoterrorismo, auspico che i rappresentanti all’interno del Parlamento nazionale che dicono di rappresentare le istanze del mondo venatorio si attivino quanto prima per operare tutte le dovute pressioni perché la legge contro chi intenzionalmente vuole impedire il legittimo esercizio della caccia e della pesca, che ho provveduto a scrivere e a far approvare in Consiglio regionale del Veneto, possa finalmente essere approvata anche dal Parlamento nazionale. I cacciatori sono cittadini di serie A dalla fedina penale perfettamente pulita che esercitano un’attività lecita per la quale pagano ogni anno ingenti tasse di concessione, e per questo meritano rispetto e attenzione 

 

On. Sergio Berlato – Deputato italiano al Parlamento europeo

 Presidente nazionale Associazione per la difesa e la promozione della Cultura rurale

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


IL TG della CACCIA edizione settimanale

Il TG della Caccia Le ultimi dal mondo venatorio nazionale ed Europeo  2 commenti Ordina per Condividi l’articolo sui social!

Etica ed educazione venatoria

Etica ed educazione venatoria   Etica ed educazione venatoria : diretta per lunedì 23 gennaio con Roberto Basso Direttore Museo Venatorio Itinerante di Jesolo e con Pietro Torosani esperto di etica venatoria, Condividi l’articolo sui social!

EOS Show dal 11 al 13 febbraio a Verona Fiere

EOS Show – a Verona 11-13 febbraio – La più importante fiera nazionale della caccia, pesca e outdoor – intervista con l’organizzatore Patrizio Carotta C&D Condividi l’articolo sui social!

Il confronto

IL CONFRONTO – Lombardia tra presente e futuro In diretta con le associazioni venatorie lombarde Fedetcaccia, Anuu e Libera Caccia. Condividi l’articolo sui social!