Richiami vivi : nuove disposizioni acquatici U.E.

Richiami vivi 

Dall’U.E. nuova disposizione sull’impiego dei richiami vivi in caso di aviaria

 

Da Bruxelles giunge una decisione nuova in materia di misure preventive di biosicurezza in caso d’influenza aviaria per l’impiego dei richiami vivi in periodo di caccia per chi si dedica al prelievo degli acquatici .

Una decisione nuova rispetto  al passato con la quale l’ Unione Europea stabilisce che l’impiego dei richiami vivi non è più vietato in termini assoluti. Tradotto significa che gli acquatici utilizzati come richiami vivi sono nuovamente ammessi su tutto il territorio italiano. 

Questo però non significa che in caso di una nuova crisi epidemiologica d’influenza aviaria lo Stato Membro dove il fatto sussiste non ne possa nuovamente vietare l’utilizzo. Se in alcune zone d’Italia dovrebbero ripresentarsi focolai di aviaria sarà lo Stato, attraverso il Ministero della Sanità, a vietarne l’uso e la durata nel tempo. In sintesi si tratta di una differenza significativa

Proprio l’ ACMA Ufficio Avifauna Migratoria FIdC, avendo avuto l’opportunità di consultare in anticipo le disposizioni  di questa decisione, hanno inviato  ufficialmente nei giorni scorsi al Ministero della salute tutta  una serie  di quesiti e puntualizzazioni al fine di avere un quadro più chiaro –

Questi i punti: 

1- ricevere una nota chiarificatrice prima dell’inizio della stagione venatoria che espliciti in maniera chiara la possibilità di utilizzo dei richiami vivi al fine di evitare contenziosi con addetti alla vigilanza non adeguatamente informati sulle evoluzioni normative;

2- suggerire che l’uso dei richiami vivi possa continuare ad essere disciplinato mantenendo l’obbligo di tracciabilità degli individui come fatto in questi anni di deroga (quindi uso di anellini identificativi, registro di utilizzo, etc). Questo per consentire che i richiami vivi possano essere utilizzati all’interno di un più ampio programma di monitoraggio;

3- chiedere l’istituzione di un tavolo di lavoro su questi argomenti, in cui vi sia la presenza anche del mondo venatorio, al fine di fornire il nostro contributo alla discussione sulla gestione dei richiami in caso di nuovi focolai  e soprattutto sulle attività di monitoraggio  che il mondo venatorio può contribuire ad effettuare sul territorio (dati Federcaccia).

Disposizione acquatici UE

 

Caccia & Dintorni

Giuseppe De Maria – giornalista R&B Media

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]