Lombardia: sulla caccia poche idee ma confuse. in 70mila attendono risposte.

Lombardia: situazione di stallo sulla caccia. Per ora niente calendario e niente deroghe.

In 70mila attendono risposte  .  La Lega però appoggia i cacciatori e sostiene la caccia … come dice Salvini.

 

 

In Lombardia la situazione sulla caccia si fa sempre più confusa e per nulla trasparente. E vero che la Pianura Padana, la famosa “Padania” , è storicamente zona di nebbie ma il grigiore che orbita att0orno alla caccia e alle sue tradizioni supera ogni cosa.

Ad oggi non è stato ancora varato il calendario venatorio ed è stato rinviato ancora (questa a settembre ma senza una data certa n.d.r.) il famoso incontro con il Presidente Maroni e con l’ass.re Fava chiesto (ottenuto e confermato)  il 19 giugno scorso dal “tavolo caccia” attraverso le europarlamentari Renata Briano e Lara Comi, per affrontare una volta per tutte la questione del prelievo in deroga e della riapertura delle catture dei richiami vivi.  Un incontro che si sarebbe dovuto svolgere entro la fine del mese, rinviato poi alla fine di luglio e adesso a data da destinarsi,  forse settembre … . Ovviamente gl’impegni del Presidente sono tanti come tante sono le missioni all’estero e quindi trovare un paio d’ore per parlare di caccia e dare risposte ai 70mila cacciatori lombardi, che pagano tasse regionali  (€ 64,56 per ognuno e fate voi i  conti …), diventa davvero difficile.

 

 

Del resto  la Lega è impegnata ad organizzare il referendum del 22 ottobre, quello che riguarda l’ipotesi di chiedere una mini-autonomia, da non confondere con le Regioni che godono dello Statuto Speciale e neppure con lo Stato svizzero.   Basta leggere bene tra le righe per capire che alla fine si tratterà (in futuro) di piccole autonomie locali.  In questa fase dove occorre radunare e mettere a disposizione tutte le risorse non possono i cacciatori lombardi pretendere che si trovi anche il tempo per affrontare e dipanare alcuni problemi legati alla caccia. Scordiamoci le deroghe e scordiamoci anche la riapertura dei roccoli.    

 

Ma non solo questo:

Dopo il pasticcio delle nuove domande inserite all’ultimo momento per chi doveva conseguire l’abilitazione venatoria (domande che si prestavano a varie risposte interpretative)  e che hanno fatto slittare a fine giugno gli esami, circola già la voce (piuttosto fondata) che ad esempio per il prelievo dell’allodola la Regione sia intenzionata a confermare  10 allodole al giorno per un totale di 50 in tutta la stagione. Questo per non andare contro la sentenza dello scorso anno che nel bel mezzo della stagione aveva abbassato la quota da 80 a 50.

Questo nonostante il segretario della Lega, l’eurodeputato Matteo Salvini, replicando alla Brambilla che afferma di raccogliere 20 milioni di voti con il suo movimento animalista, abbia ribadito ancora che il suo partito sia da sempre al fianco dei cacciatori  pronto a difenderli da oltraggi e calunnie gratuite. Belle parole alle quali serve però un sostegno con i fatti.

 

Nel frattempo c’è chi già si organizza mettendo in campo la protesta che punta al mancato raggiungimento del “quorum” al referendum leghista del 22 ottobre.

No deroghe – No referendum

 

C&D

Condividi l'articolo sui social!
error

1 Commento

  • Ferdinando Ratti

    Io vorrei che per la caccia la Lombardia diventasse il 24° cantone svizzero.
    Carlo Cattaneo ha ragione, non voleva che la Lombardia finisse sotto i savoia,

Lascia un commento

required

required

optional


Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]