L’eradicazione della nutria – Civiltà rurale VI 2016

 

In questa sesta puntata 2016 di Civiltà rurale, ci troviamo a Bagnolo Mella ad un corso che affronta l’annoso problema del proliferare delle nutrie sul nostro territorio bresciano, durante il convegno si affrontano i dati, che sono inquietanti, le problematiche dell’eradicazione, le azioni da svolgere.

Incontriamo in un imtervista Cristina Almici, Sindaco di Bagnolo Mella, che ci racconta le azioni svolte dalla sua amministrazione per contenere e risolvere il problema nutrie e quali sono le principali problematiche riscontrate nell’azione di eradiamento, quali sono i numeri delle nutrie e i danni che causano all’ambiente e in particolare agli agricoltori e alle loro produzioni agricole.

Inoltre il convegno sottolinea anche quelli che sono gli aspetti sanitari, in quanto le stesse malattie dei topi sono portate anche dalle nutrie e purtroppo la situazione è tale che le nutrie stiano avvicinandosi sempre di più ai contesti abitativi, portando la situazione a livelli di emergenza, come già accade nel mantovano, cosa che non si vorrebbe capitasse anche nel bresciano.

Le nutrie sono dei cordati, mammiferi, roditori della famiglia dei miocastoridi, sono di origine sudamericana, sono stati importate per le pellicce e quando non c’è stata più richiesta in tal senso, gli esemplari sono stati liberati. Mentre nel territorio originale sudamericano la nutria aveva a che fare con predatori naturali, ad es. lupi, volpi e coyote, che sul nostro territorio non trovano, prolificando in modo incontrollato.

Intervistiamo anche Dario Saleri, Comandante della Polizia provinciale di Brescia, che spiega nel dettaglio come funziona l’eradicamento e come sono equipaggiati gli operatori faunistici, di tipo A e tipo B.

Ascoltiamo anche la voce degli agricoltori, Piero Guerini ci spiega quali sono i principali danni che il territorio, non solo agricolo, subisce e cosa gli agricoltori possono fare per aiutare a risolvere questo problema, sottolineando come il contributo anche dei cacciatori sia necessario e richiesto, pertanto è stata fatta una richiesta specifica anche all’ambito.

Chiudiamo questa puntata andando sul territorio per constatare di persona quelli che sono i danni che le nutrie causano e le difficoltà effettive delle persone che volgiono arginare e risolvere questo problema.

 

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


CLUB DEL BECCACCINO : LOMELLINA 2019

  CLUB DEL BECCACCINO SETTIMANA LOMELLINA 2019 – per celebrare i 90 anni dalla fondazione il Presidente , Claudio Cortesi , ha organizzato una settimana di prove nelle risaie della Lomellina pavese. Molti i partecipanti giunti da tutta Italia. le prove su beccaccino (senza sparo) sono state piuttosto impegnative per tutti: ausiliari e conduttori. Caccia & Dintorni ha documentato l’avvenimento […]

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli   SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli con Pierluigi Sorsoli – una nuova puntata dedicata alla cinofilia nella quale con un grande allevatore, Pierluigi Sorsoli, affisso ENCI, viene affrontato il discorso del cucciolo. Come crescerlo, come nutrirlo, come addestralo e come sceglierlo. Naturalmente si parla delle profilassi da seguire durante i primi […]

Caccia & Europa : le sentinelle dell’ambiente

Caccia & Europa – Le sentinelle dell’ ambiente e custodi della natura Caccia & Europa – Nuova iniziativa dell’On. Pietro Fiocchi- europarlamentare Gruppo ECR -Si tratta di un programma importante per cambiare la percezione pubblica di quella che è la figura del cacciatore e del pescatore . Sabato 1° febbraio a Torino l’On Fiocchi ha organizzato un convegno incontro dal […]

Sasselli e cesene nella tormenta

Sasselli e cesene sull’Appennino ligure Sasselli e cesene nella tormenta . Su a 1600 mt , sull’appennino ligure con Manuel e Simone in una fredda mattina di novembre, dove vento e neve ghiacciata hanno fatto da cornice alla nostra bella mattina di caccia. Con una batteria di 40 richiami vivi che cantavano abbiamo atteso l’arrivo di sasselli e cesene. Un […]