Legge anti cinghiali, bocciatura incomprensibile del Governo.

 

Legge anti cinghiali, Ettore Prandini:  “Bocciatura Governo incomprensibile”

Questa la risposta di Coldiretti Lombardia al provvedimento ministeriale

Il Consiglio dei Ministri ha deciso di impugnare la legge regionale numero 19 dello scorso 17 lug

Ettore Prandini, presidnte lombardo Coldiretti

“Incomprensibile” così Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia definisce la decisione del Governo di impugnare la legge sul controllo del cinghiali approvata lo scorso luglio dalla Regione Lombardia. “I cinghiali hanno causato incidenti stradali mortali, hanno attaccato e ucciso un agricoltore a Brescia, dai monti alla pianura hanno provocato danni per decine di milioni di euro sulle coltivazioni e si stanno avvicinando sempre più ai centri abitati. E cosa succede? Viene bloccata l’unica legge che prova a mettere un freno all’invasione, dopo che a livello nazionale in anni di confronto fra Stato e Regioni non si è ancora raggiunto un accordo per regolamentare la presenza degli ungulati nei nostri territori” commenta Prandini. “Non vorremmo che questa decisione fosse frutto di una contrapposizione per motivi di carattere partitico, quando su questi temi è necessario mettere al centro la salute e la sicurezza delle persone e il lavoro di chi opera nel settore agricolo e agroalimentare”.

La notizia è stata resa nota dall’assessore lombardo all’agricoltura con delega alla caccia Gianni Fava, ritenendo che in questo modo il Governo si copra di ridicolo, danneggiando i cittadini e gli agricoltori per difendere un “centralismo patetico e antistorico”. La stessa cosa era avvenuta per le nutrie, col CdM contrario alle scelte della Regione Lombardia. L’assessore pretende ora una spiegazione dettagliata ai cittadini, i quali devono essere informati sulle modalità di contenimento di cinghiali e ungulati, oltre alla salvaguardia di colture agricole e biodiversità.

 

Fonte Coldiretti Lombardia

 

C&D

 

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

3 Commenti

  • Fortunato Busana

    Tra Governo e Regioni ci vanno di mezzo i cittadini,gli agricoltori e i Cacciatori.E poi si lamentano se la gente non va più a votare!

  • marco brunazzi

    E’ adesso cosa succede ? , c’e il rischio che la caccia al cinghiale non parta ?

  • Ferdinando Ratti

    Questo dimostra che ai partiti che compongono il governo, dell’emergenza cinghiali non interessa minimamente.
    Forse perchè quei cattivoni della regione Lombardia, vogliono fare il referendum, per diventare regione a statuto speciale.

Lascia un commento

required

required

optional


CLUB DEL BECCACCINO : LOMELLINA 2019

  CLUB DEL BECCACCINO SETTIMANA LOMELLINA 2019 – per celebrare i 90 anni dalla fondazione il Presidente , Claudio Cortesi , ha organizzato una settimana di prove nelle risaie della Lomellina pavese. Molti i partecipanti giunti da tutta Italia. le prove su beccaccino (senza sparo) sono state piuttosto impegnative per tutti: ausiliari e conduttori. Caccia & Dintorni ha documentato l’avvenimento […]

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli   SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli con Pierluigi Sorsoli – una nuova puntata dedicata alla cinofilia nella quale con un grande allevatore, Pierluigi Sorsoli, affisso ENCI, viene affrontato il discorso del cucciolo. Come crescerlo, come nutrirlo, come addestralo e come sceglierlo. Naturalmente si parla delle profilassi da seguire durante i primi […]

Caccia & Europa : le sentinelle dell’ambiente

Caccia & Europa – Le sentinelle dell’ ambiente e custodi della natura Caccia & Europa – Nuova iniziativa dell’On. Pietro Fiocchi- europarlamentare Gruppo ECR -Si tratta di un programma importante per cambiare la percezione pubblica di quella che è la figura del cacciatore e del pescatore . Sabato 1° febbraio a Torino l’On Fiocchi ha organizzato un convegno incontro dal […]

Sasselli e cesene nella tormenta

Sasselli e cesene sull’Appennino ligure Sasselli e cesene nella tormenta . Su a 1600 mt , sull’appennino ligure con Manuel e Simone in una fredda mattina di novembre, dove vento e neve ghiacciata hanno fatto da cornice alla nostra bella mattina di caccia. Con una batteria di 40 richiami vivi che cantavano abbiamo atteso l’arrivo di sasselli e cesene. Un […]