La Lombardia approva cambiamenti alla Legge 26

La Lombardia approva cambiamenti alla Legge 26 – tante le novità … e anche le polemiche

La Lombardia approva cambiamenti alla Legge 26 –  Il consiglio regionale lombardo ha approvatoil in via definitiva la Legge ordinamentale 2020 che , come abbiamo scritto la scorsa settimana recepisce numerose modifiche alla Legge regionale 26 sulla caccia –  cinghiale lo si potrà cacciare tutto l’anno in selezione con piani di contenimento mirati 

 

La Lombardia approva cambiamenti alla Legge 26

La Lombardia approva cambiamenti alla Legge 26   – ecco in sintesi le nuove proposte approvate oggi in via definitiva dal Consiglio regionale lombardo

  • estesa la possibilità di cacciare la beccaccia nei soli ATC fino al 31 gennaio ( gennaio solo sabato e domenica) – naturalmente sarà compito degli ATC /UTR provinciali di stabilire i comuni comuni degli ATC nei qual consentire il prelievo della beccaccia a gennaio
  • Approvata la possibilità per i capannisti di usufruire del pacchetto di 15 giornate per la vagante alla migratoria già dal 1° ottobre ( prima si poteva fare solo dal 15 ottobre)
  • * Sicurezza – Obbligo per le guardie venatorie volontarie di  indossare uniforme con capo  con pettorale dorsale ad alta visibilità 
  •  SicurezzaObbligo per i cacciatori nella caccia alla fauna stanziale e a tutti gli ungulati  indossare  capo con pettorale e dorsale ad alta visibilità
  • Estensione dei periodi di caccia agli ungulati – il cinghiale in selezione potrà essere cacciato tutto l’anno con piani di prelievo mirati- per la prevenzione dei danni agricoli
  • Utilizzo del visore notturno per la caccia al cinghiale in selezione
  • Capanni – In caso di impossibilità di rinnovare l’autorizzazione del capanno per cause gravi ( es. malattia, disoccupazione ecc.) viene eliminato l’onere di rimuovere il capanno per tutto il tempo in cui perdurano tali problemi

Estensione dei periodi di caccia agli ungulati :

  1. camoscio, cervo e muflone dal 1° giugno sino alla seconda domenica di dicembre –
  2. capriolo dal 1° giugno alla seconda domenica di dicembre in Zona Alpi – dal 1° giugno al 30 settembre e dal 1° gennaio al 15 marzo al di fuori della Zona Alpi
  3. cinghiale  tutto l’anno  – anche con utilizzo del visore notturno

Il consigliere Floriano Massardi precisa : 

Floriano Massardi – vica capogruppo Lega regione Lombardia

Una precisazione doverosa da parte del Consigliere regionale Floriano Massardi (Lega) a riguardo dei tanto discussi capi ad alta visibilità : ” A questo proposito è bene specificare una cosa – dice il consigliere Massardi- il sottoscritto aveva chiesto che l’obbligo di vestire il capo ad alta visibilità fosse previsto solo per chi pratica la caccia agli ungulati che, considerato il tipo di munizioni, rappresenta quella a più alto rischio di incidenti. Purtroppo però- continua il consigliere leghista – un emendamento presentato da altri colleghi, passato con voto segreto, ha snaturato questa intenzione, estendendo l’obbligo anche per la caccia alla stanziale. A mio avviso- conclude Massardi– si tratta di un errore gravissimo, cui in futuro bisognerà porre rimedio, scegliendo una delle due possibili strade: 1 ripristinare la norma così come l’avevo concepita inizialmente, ovvero prevedere l’obbligo del capo ad alta visibilità solo per chi pratica la caccia agli ungulati  (a parer mio la soluzione ottimale), oppure,  2 estenderlo anche a chi caccia la migratoria vagante, per una questione di equità”.

 

C&D – BDM

 

Condividi l'articolo sui social!
error

2 Commenti

  • Vittorio Binetti

    Buongiorno,
    vorrei cortesemente un chiarimento per gli indumenti ad alta visibilità per la caccia alla selvaggina stanziale…. visto che chi paga la quota completa per esercitare la caccia alla stanziale, può praticare anche la caccia alla migratoria…
    vuorrebbe dire che se sto cacciando in quel momento fauna migratoria posso togliere il capo ad alta visibilità? E se si come è possibile dimostrare cosa sto cacciando in un preciso momento? È prevista una sanzione e di che tipo se non indosso il capo ? …… spero che non introducano il capo ad alta visibilità anche per la caccia alla migratoria…. perché il mimetismo per certe tipologie di caccia come al colombaccio o agli acquatici e fondamentale.

    Grazie mille

    Attendo un vostro riscontro.

    • Giuseppe De Maria

      In pratica è come dice lei … – hanno fatto un bel ca ….o – ed è anche prevista una sanzione di 30 euro – Questa disposizione dovrebbe essere aggiusta entro luglio, così ci è stato assicurato, in modo da iniziare la stagione senza interpretazioni. L’ideale sarebbe quella di rendere obbligatorio il capo ad alta visibilità solo per chi caccia il cinghiale. I capannisti sono esclusi. Saluti

Lascia un commento

required

required

optional


Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi   Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa con l’ On. Pietro Fiocchi . europarlamentare Gruppo ECR tante le tematiche trattate nel corso dell’ intervista- Problema piombo e zone umide, ricorsi al Tar, unione venatoria ecc. Animalismo, Ispra, Ministero Ambiente e altro.   C&D Condividi l’articolo sui social!

Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi

Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi   Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi – Nel videl un analisi dettagliata sulla situazione in Lombardia fra ricorsi al Tar e interventi della Regione .   Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi Condividi l’articolo sui social!

Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!