Cinghiali : 1 milione di esemplari, ma non è la caccia la soluzione

Cinghiali : 1 Milione di esemplari, ma  la caccia non è la soluzione

Cinghiali  – In una video intervista di Adnkronos Piero Genovesi, tecnico Ispra spiega la soluzione – Un problema creato dai cacciatori .

 – La presenza di cinghiali  nel nostro paese è fortemente aumentata, tanto che in dieci anni si è passati da  500 mila capi del 2010, a oltre 1 milione e forse più  di oggi, nonostante il prelievo venatorio.  I motivi di questo incremento  verticale incontrollato, lo ha spiegato  Piero Genovesi, Responsabile ISPRA del servizio coordinamento fauna , in un video-intervista  di  Adnkronos.  Genovesi ha ovviamente espresso un suo pensiero nel quale asserisce che le cause  sono da ricercarsi in diversi fattori.

Da un lato – dice – ci sono stati mutamenti ambientali, come la crescita dei boschi a causa del forte abbandono delle campagne, che hanno creato gli ambienti adatti a questi animali, dall’altro una maggiore regolamentazione della caccia, ovvero più aree protette che hanno creato ambienti idonei alla crescita della fauna e del cinghiale in particolare”.  Altri fattori nominati dal dirigente ISPRA Genovesi, sono state le immissioni incontrollate a fine venatorio negli anni passati , ora vietate, ma anche le ibridazioni in alcuni contesti con i suini domestici, che ha fatto incrementare i tassi di riproduzione. 
Secondo Piero Genovesi , sarebbe opportuno e necessario  che questa risorsa sia valorizzata attraverso l’attivazione di una filiera controllata della carne selvatica
Nel servizio di Adnkronos è stato poi intervistato Franco Ferrari, responsabile agricoltura e fauna del WWF che ha detto :” Nonostante siano aumentate le giornate di caccia il problema non è stato risolto, anzi è aumentato. Non possono essere i cacciatori a risolverlo perché sono cloro che lo hanno creato” .  – Secondo il tecnico del WWF la soluzione sarebbero i “Corral” , ovvero i recinti nei quali indirizzare branchi interi di cinghiali.
Un dato certo è che il cinghiale è capace di riprodursi del 150% all’anno
Questo il link della video intervista : https://youtu.be/33AIqYZ6HkU
C&D –
Condividi l'articolo sui social!
error

6 Commenti

  • Secondo il tecnico del WWF la soluzione sarebbero i “Corral” , ovvero i recinti nei quali indirizzare branchi interi di cinghiali.
    Un dato certo è che il cinghiale è capace di riprodursi del 150% all’anno. Secondo voi tecnico WWF,uno che dice usiamo i CORRAL,fa semplicemente ridere!!!come non sapesse che le gabbie per la cattura dei cinghiali ce ne sono tantissime.Ringraziate i cacciatori seri che cercano di tamponare questi animali.Altra bella trovata I LUPI,per favore non fate altre cavolate,I VERI TECNICI SONO I CACCIATORI,ISPRA WWF & C. PROBABILMENTE FATE SOLO DANNI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • maurizio rossi

    nel lazio le giornate non sono aumentate, e inoltre si può cacciare per meno ore, visto che prima delle 9 non si può iniziare. non si tiene conto del fattore meteorologico che può impedire lo svolgimento di alcune battute, quest’anno nel mese di novembre il maltempo ha impedito il 70% delle battute. molte zone dove non si può cacciare fortemente urbanizzate sono invece fruibili per i cinghiali. per quanto mi riguarda più ce ne sono di cinghiali , meglio è , così imparano a limitare in modo scellerato la caccia.

  • Pierluigi Febo

    Finalmente delle argomentazioni corrette, condivisibili! Bisogna ascoltare gli addetti ai lavori e non le categorie che ragionano in base ad interessi economici e /o politici! Sarebbe meglio che la stampa ne prendesse atto.

  • Vito nigro

    Capisco che quando si presenta un problema , oggi cinghiali , i saputelli di turno suggeriscono ricette per la soluzione . I cinghiali a differenza dei sapientoni risolutori di problemi , agisce d’istinto e lo fa semplicemente per sopravvivere pertanto è molto imprevedibile col suo comportamento .
    I cacciatori , per coloro che non lo sapessero , sono stronzi , sanguinari , bracconieri , etc. etc., ma….. Sono quelle persone che conoscono come nessun altro nel dettaglio il territorio , sanno censire realmente la presenza dei selvatici , conosce le tecniche di prelievo e apportano il minor danno all’ambiente .
    Inoltre ricordatevi sempre che, per ottenere una licenza di caccia bisogna essere vergini di cattive abitudini e incensurati penalmente , mi chiedo quanti di questi censori benpensanti possono vantare queste doti .

  • Angelo

    Questo non è altro che il risultato di una legge fatta con i piedi anni addietro quando riusciremo a fare pagare i danni a chi protegge questi animali forse cambierà qualcosa

  • Eliso Angelo

    Forse se si incomincia a fare battute di prevenzione dentro i parchi qual cosa di positivo si può vedere. Cosi i cinghiali diminuiscono solo in questo modo si eliminano I cinghiali

Lascia un commento

required

required

optional


Il saluto a Domenico Grandini

Il saluto a Domenico Grandini … Anuu in lutto – in questo nostro breve video, registrato purtroppo in emergenza, un nostro ricordo di Domenico Grandini, Presidente regionale Anuu Migratoristi della Lombardia , ma sopratutto un amico. Un dirigente venatorio apprezzato e leale con il quale ci siamo spesso confrontati. Ciao Domenico. La speranza è quella di non scrivere più questi […]

Caccia & Europa marzo – Video intervista con l’ On Pietro Fiocchi – ECR Group

Caccia & Europa marzo – Video intervista con l’ On Pietro Fiocchi – ECR Group   Caccia & Europa marzo– Video intervista con Pietro Fiocchi – Siamo riusciti a registrare una video intervista con   che stanno dimostrando- si parla di piombo e di ambiente .  a cura di R&B Media – BDM E’ vietata la riproduzione ç Condividi l’articolo sui […]

BRUGAR – la brunitura delle canne

BRUGAR – la brunitura delle canne

BRUGAR – la brunitura delle canne, la cromatura e altri trattamenti galvanici Brugar – Da quasi 40 anni siamo specializzati in lavorazioni galvaniche, trattamenti termici e superficiali nel settore delle armi e nell’ambito meccanico ed industriale. La nostra azienda nasce a Gardone Val Trompia e il nome è l’acronimo di Brunitura Gardonese . Tra le principali in cui siamo specializzati […]

La Regina del Bosco 2018

La Regina del Bosco 2018   E’ calato il sipario sulla 13ma edizione della Regina del Bosco– Trofeo Valli bresciane, organizzato come sempre dal Club Valli Bresciane. Sul grandino più alto, grazie ad una bella prova, è salito Davide Gustinelli con il suo setter inglese Bruno. Due giornate di gara, domenica 18 e domenica 25 marzo, disclocata su 9 comuni […]