IBIS Eremeita: dura condanna della FIDC bresciana.

IMG_5563-593x443Qualche giorno fa in Vallecamonica, comune di Darfo è stato ucciso illegalmente un esemplare di Ibis Eremita, un volatile appartenente ad una specie estinta allo stato selvatico e che con un complesso progetto europeo si sta cercando di reintrodurre in natura. L’animale è stato abbattuto con munizione spezzata a pallini e si presume quindi, anche se la certezza assoluta non la si può avere, che si tratti di un cacciatore.

La notizia è stata subito ripresa e pubblicata su tutti gli organi di informazione locali e nazionali, con grande sdegno, lecito, ma anche grande amplificazione di problemi che certamente esistono ma che non rappresentano il mondo venatorio bresciano. Vorremmo però scrivere alcune considerazioni, una sorta di lettera, all’autore di questo grave reato dalle ripercussioni ancor più gravi.

A nome di tutti i federcacciatori bresciani vogliamo dirgli che è un ignorante; ignorante perché ignora le principali regole dell’attività venatoria, perché non conosce la selvaggina, perché non usa la testa prima di premere il grilletto.

La possibilità che hanno i cacciatori di prelevare la fauna selvatica è un privilegio enorme nei confronti della società. È una concessione di fiducia che va onorata con grande consapevolezza: se ti piace sparare vai al piattello, comprati un videogioco ma non distruggere l’ambiente solo perché sei ignorante. Vorremmo poter dire all’autore di questo reato che è un egoista sconsiderato. Azioni come questa vanificano tutti gli sforzi fatti per legittimare all’interno della società la caccia sostenibile ma anche le richieste di poter continuare a praticare le nostre caccie tradizionali.

Come possiamo essere credibili quando avanziamo le nostre legittime richieste, perché se le facciamo è perché ci crediamo, in Regione, in Parlamento, presso la Comunità Europea? Che garanzie siamo in grado di fornire? Quest’anno tutti gli Ibis Eremita sono stati abbattuti a fucilate in Nord Italia: perché?

Perché questi atteggiamenti dissennati? Non è simile a nessuna specie cacciabile, è grande e di facile identificazione o perlomeno capisci che è protetto, perché abbatterlo? Dove sta andando la caccia, la nostra caccia, quella dei nostri predecessori e delle nostre tradizioni?

forestaleCi lamentiamo della presenza della vigilanza volontaria delle associazioni ambientaliste: dovremmo opporre legalità e invece accendiamo i richiami elettromeccanici, perché il 90% dei verbali questo sanzionano. Che fine ha fatto la tradizione di selezionare i richiami, l’abilità di farli cantare, il piacere di ascoltarli?

La caccia moderna deve essere etica, corretta , sostenibile altrimenti non sopravvivrà.  Fortunatamente la maggior parte dei cacciatori è onesta e non permetterà che una minoranza di disonesti, perché tali sono, faccia chiudere la caccia di tutti.

FIDC Brescia

Condividi l'articolo sui social!
error

1 Commento

  • Mauro Codenotti

    La fiducia è importante,io non sono un cacciatore ma mi piacerebbe diventarlo per vari motivi non pratico l’attività venatoria.
    Ma chi ci assicura che questo ibis non sia stato portato nelle nostre valli Bresciane da qualche furbetto di una di queste associazioni contro la caccia…..ho amici che vanno a caccia ed ogni anno che passa li vedo sempre più demoralizzati dal proseguire con la loro passione e non invogliano nemmeno me che vorrei entrare a farne parte,tutto ciò succede perché gran parte della gente considera gli animali più delle persone, i cacciatori delle persone che non amano la natura, ma sono sicuro che queste persone non sanno quanto i cacciatori tengano al loro territorio.

Lascia un commento

required

required

optional


CLUB DEL BECCACCINO : LOMELLINA 2019

  CLUB DEL BECCACCINO SETTIMANA LOMELLINA 2019 – per celebrare i 90 anni dalla fondazione il Presidente , Claudio Cortesi , ha organizzato una settimana di prove nelle risaie della Lomellina pavese. Molti i partecipanti giunti da tutta Italia. le prove su beccaccino (senza sparo) sono state piuttosto impegnative per tutti: ausiliari e conduttori. Caccia & Dintorni ha documentato l’avvenimento […]

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli   SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli con Pierluigi Sorsoli – una nuova puntata dedicata alla cinofilia nella quale con un grande allevatore, Pierluigi Sorsoli, affisso ENCI, viene affrontato il discorso del cucciolo. Come crescerlo, come nutrirlo, come addestralo e come sceglierlo. Naturalmente si parla delle profilassi da seguire durante i primi […]

Caccia & Europa : le sentinelle dell’ambiente

Caccia & Europa – Le sentinelle dell’ ambiente e custodi della natura Caccia & Europa – Nuova iniziativa dell’On. Pietro Fiocchi- europarlamentare Gruppo ECR -Si tratta di un programma importante per cambiare la percezione pubblica di quella che è la figura del cacciatore e del pescatore . Sabato 1° febbraio a Torino l’On Fiocchi ha organizzato un convegno incontro dal […]

Sasselli e cesene nella tormenta

Sasselli e cesene sull’Appennino ligure Sasselli e cesene nella tormenta . Su a 1600 mt , sull’appennino ligure con Manuel e Simone in una fredda mattina di novembre, dove vento e neve ghiacciata hanno fatto da cornice alla nostra bella mattina di caccia. Con una batteria di 40 richiami vivi che cantavano abbiamo atteso l’arrivo di sasselli e cesene. Un […]