Danni da fauna selvatica non a carico dei cacciatori

Danni da fauna selvatica non a carico dei cacciatori –  la FIDC di Perugia chiede una modifica alla Legge Regionale

Danni da fauna selvatica- cinghiali : “impensabile che siano a carico nostro !”

Un problema serio , che andrebbe rivisto subito ed è relativo al prelievo del cinghiale. Un animale che si riproduce velocemente, capace d’infliggere gravi danni alle colture in atto,  il cui contenimento è sempre più problematico.  Una questione che dev’essere affrontata in maniera prioritaria perchè risulta “impensabile” che i danni all’agricoltura provocati da questi animali debbano essere risarciti dai cacciatori.

La Federcaccia perugina chiede in sostanza una risoluzione condivisa del problema, che sia il risultato di un attento esame da parte di tutti, associazioni e Regione, che miri alla limitazione d’impatto di questo animale sulle produzioni agricole e quindi limitare al massimo i risarcimenti.  Per fare questo si cita la Legge 157/92 , che tutela e disciplina la caccia in Italia e che pone limitazioni sul prelievo venatorio, impedendo di fatto (art. 26)  alle squadre organizzate e specializzate di porre in atto un progetto di contenimenti efficace e preventivo dei danni.

Per la nuova stagione,  sempre la FIDC perugina chiama in causa anche la legge regionale 17/09  chiedendo che venga tolta la voce dove si chiede una quota di rimborso ai cacciatori per i danni agricoli causati da fauna selvatica.

 

Danni da fauna selvatica

Queste le dichiarazioni della FIDC di Perugia :

La nostra sezione comunale, visto il regolamento regionale sui danni alle colture, si pone il problema della tutela economica dei propri iscritti cinghialisti, anche in considerazione della difficile situazione economica a seguito della pandemia. Riteniamo impensabile che i cacciatori – molti dei quali sono pensionati mentre, fra i giovani, non mancano i disoccupati – debbano essere chiamati in causa per il risarcimento dei danni causati dalla fauna selvatica, come previsto dall’attuale regolamento regionale. Il cinghialaio, oltre a sostenere le normali spese per la licenza e il funzionamento della propria squadra, rende un servizio alla collettività in quanto a prevenzione di danni alle colture, riduzione di incidenti stradali, difesa degli ecosistemi locali e della biodiversità, visto che il cinghiale si adatta a qualsiasi territorio soverchiando le altre specie fino a causarne la progressiva scomparsa“.

 

C&D –

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!

Caprioli alla Baraggia … la passione continua

Caprioli alla Baraggia … la passione continua   Caprioli alla Baraggia – la passione continua – Caccia al capriolo in selezione con Giulia Taboga – Franchi Horizon cal. 308 – AATV La Baraggia Masserano di Biella . Il nuovo video di Caccia & Dintorni Condividi l’articolo sui social!

Setter Sorsoli’s : una giornata di addestramento

 Sorsoli’s  Setter : una giornata di addestramento   La nuova puntata di Caccia & Dintorni l’abbiamo voluta dedicare all’addestramento cani – dal cucciolo al cucciolone fino al cane adulto– Abbiamo trascorso una giornata tipica di lavoro con Pierluigi Sorsoli, allevatore amatotiale di Setter e cinofilo conosciuto  con il nome di Sersoli’s  Setter. Nel video si sono messi in evidenza tanti […]