Cinghiali a Roma : la voce dell’ ISPRA

Cinghiali a Roma : attraverso la voce di un ricercatore ISPRA, ospite della trasmissione radiofonica Melog proposta da Radio 24 e condotta da Gianluca Nicoletti – rappresentavano un pericolo per l’incolumità delle persone – 

Ascolta il podcast di Radio 24:

Accudire e nutrire i cinghiali nelle aree urbane è frutto di una visione umanizzata degli animali selvatici che pone fine alla loro stessa vita libera. La soluzione prospettata e praticata era l’unica possibile ”. Andrea Monaco, ricercatore dell’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Rcerca Ambientale, ne ha parlato ieri alla trasmissione Melog di Radio 24. Il tema è tornato rovente dopo che sette cinghiali penetrati (una scrofa con  suoi piccoli) in un parco pubblico di Roma frequentato da bambini e famiglie, a pochi passi dal Vaticano, sono stati abbattuti. “Le istituzioni che hanno agito in quel modo lo hanno fatto correttamente e coerentemente con il protocollo vigente”. Sulla vicenda sono intervenuti in molti, chi a favore e chi contro l’abbattimento fino ad arrivare ad interrogazioni parlamentari.

Il problema dei cinghiali in Italia, partendo dall’ episodio accacuto a Roma, è serio e l’uccisione di quei 7 cinghiali attraverso il sistema utilizzato, quello della narcotizzazione e dell’iniezione finale, è previsto da un protocollo. Come evidenziato dal ricercatore Ispra : “La presenza in aree urbane di cinghiali è del tutto anomala, gli animali rappresentano un pericolo perché possono causare incidenti stradali e trasmettere malattie all’uomo e agli altri animali” . Inoltre, “gli animali, una volta anestetizzati, non possono essere liberati in altre zone visto che non si conoscono gli effetti dell’anestetico sulla catena alimentare”. Oltretutto di questo passo presto le aree urbane vedranno pascolare anche cervi e caprioli alla ricerca di facile cibo.

 

In questi casi è meglio mettere da parte l’emotività de salvaguardare la salute pubblica. 

 

 

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

1 Commento

  • Ferdinando Ratti presidente interprovinciale Italcaccia Como - Lecco

    Certo che è dura capire come ci si deve comportare con i cinghiali,se invadono le città la gente reclama per gli incidenti che questi creano;se giustamente vengono abbattute dalle guardie provinciali,qualche diversamente intelligente,inscena manifestazioni e ne contesta l’abbattimento??????

Lascia un commento

required

required

optional


Caccia – il diritto di legalità e proporzionalità nei controlli

Caccia : il diritto di legalità e garanzie costituzionale spiegate dall’ Avv. Alberto Scapaticci   In questa diretta Facebook, organizzata da ACL e me condotta con la collaborazione di Caccia & Dintorni, vi è stata l’opportunità di conoscere di concetti fondamentali di “giustizia” che toccano da vicino la caccia e i cacciatori: Il principio di legalità e le garanzie costituzionali. […]

Io sono cacciatore

Io sono Cacciatore  Campagna di sensibilizzazione a favore della pratica venatoria -rivolta a chi non conosce la caccia e il ruolo del cacciatore. una produzione C&D Condividi l’articolo sui social!

Il Faccia a Faccia con Pietro Fiocchi

Il Faccia a Faccia di Caccia & Dintorni – Ospite di questa diretta l’On. Pietro Fiocchi europarlamentare Gruppo ECR Condividi l’articolo sui social!

ARCI CACCIA – il Faccia a Faccia con Piergiorgio Fassini

Arci Caccia Pirgiorgio Fassini   Pirgiorgio Fassini Arci Caccia è l’ospite di questa puntata del nosrtro Faccia a Faccia. Si è parlatodi caccia etica e di ambiente passando attraverso il ruolo delle associazioni venatorie .La recente sentenza della Corte Costituzionale ha segnato un solco profondo destinato a dare una nuova veste proprio al cacciatore e al ruolo che svolge per […]