LA CACCIA NON E’ UNO SPORT ! ….ma un diritto a scopo alimentare

Riceviamo e pubblichiamo questo articolo a firma di Andrea Morelli che pone in risalto un argomento di grande attualità, che riguarda il consumo di carne imposto dalla GDO a scapito della caccia e di quanti prelevano animali selvatici a scopo alimentare. Sicuramente non tutti condividono questa opinione ma se analizziamo la questione ci si rende conto che il problema è serio e concreto,.

Va bene acquistare nei supermercati tagli di carne confezionate nelle vaschette di polistirolo ma non va bene procacciarsi del cibo attraverso la caccia. E’ questo che vogliamo ?-

C&D

 

LA CACCIA NON E’ UNO SPORT !

Va detto chiaro e forte, bisogna difendere la caccia quale auto-approvvigionamento naturale di carne come è per origine, un diritto naturale dell’uomo che mangia anche carne, e con 55 milioni di non-vegetariani in Italia, e la triplicazione dei consumi carnei pro-capite, siamo realistici, è la massa dei consumatori responsabile di una smodata utilizzazione animale, non i 700.000 cacciatori. Nei 55 milioni ci sono anche i protezionisti, gran parte degli ambientalisti, il 70% degli animalisti, e quanti altri meno ecologisti dei cacciatori.

 

Perciò dire “non si uccidono animali per sport” è una bella affermazione- ovvia, finita, a sè stante, ed estranea solo a pochi sciagurati- ma che non c’entra con la caccia, in cui l’ animale si uccide per mangiarlo e non per divertirsi;  e ancora oggi è il modo più naturale, ecologico ed ETICO di procacciarsi carne, di attuare la forma d’autosufficienza alimentare più moderata e selettiva. Finché dunque si mangia carne, si ha anche il diritto di andarsela a procurare autonomamente in natura, anziché mettersi in fila al supermarket per il povero pollo di batteria imbottito di chimici.

 

Cosa pensa il M5S, che i cacciatori debbano abbandonare la caccia e diventare anche loro clienti esclusivi di carne di mattatoio? Vogliono favorire gli allevamenti inquinanti e spreconi che hanno estirpato i boschi per coltivare mangimi, costringere ancora più animali alla prigionia e alla macellazione di massa meccanizzata?

Almeno oggi quei 700.000 cacciatori resistono ancora al consumismo alienato, e vogliono che i territori selvatici siano preservati, che gli animali siano liberi in natura e che dalla natura si prelevino, umanamente, senza sofferenze inutili.

 

M5S dovrebbe dire invece “ non si maltrattano gli animali per mangiarli, per spremergli il latte”, e far abolire l’allevamento intensivo da carne e da latte, piuttosto, fermare il monopolio alimentare, ridare vita alle produzioni locali famigliari. Cose molto più urgenti ed in linea con una nazione evoluta e lungimirante nelle scelte, prima che si vada a finire alla bistecca GDO online consegnata porta a porta! Che potrebbe innestarsi facilmente nel tessuto della cittadinanza digitale.

 

Allora è necessario che le associazioni venatorie riunite si facciano sentire per riaffermare il diritto di caccia a scopo alimentare, un segnale chiaro sarebbe la SETTIMANA NAZIONALE DEL CACCIATORE (scelta incisiva 19-26 Dicembre), una settimana di esclusione assoluta di acquisti di carne e di consumo esclusivo dei propri carnieri in tutte le famiglie di cacciatori, e di quanti altri solidali, che in cifre sono almeno 3 milioni di persone unite da ideali ed interessi, iniziativa da pubblicizzare opportunamente sulle TV ed online, il cui effetto sarà rilevabile dal calo di vendite nazionali in quella settimana.

Una protesta unitaria che ricordi l’importanza ecologica della caccia, ma sopratutto contro i monopoli alimentari che vogliono estendere la zootecnia intensiva, far sparire la selvaggina disponibile e sostituirla col bestiame in gabbia.

 

Andrea Morelli- www.cacciaetica

 

Condividi l'articolo sui social!
error

2 Commenti

  • nanni

    La caccia non può certo essere assimilata allo sport. Quale attività sportiva prevede l’uccisione di un essere senziente? e sopratutto in quale sport i partecipanti non sono ad armi pari ? Ma nel 2020 c’è ancora bisogno di andare a caccia per mangiare ?

    • Giuseppe De Maria

      La caccia non è certo sport e nessuno cacciatore lo sostiene. La funzione del prelievo venatorio. Bisognerebbe però conoscere l’argomento in profondità per comprenderlo e sapere che questo prelievo è inferiore all’ 1% sulla mortalità della migratoria o del selvatico. La selvaggina, come ben sa, è trattata anche a fini commerciali di alimentazione in tutta EUROPA. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole. Che differenza c’è fra due petti di pollo ben confezionati nelle vaschette di polistirolo al supermercato… o fra due etti di prosciutto di Parma ? Quelli vanno bene ? Oppure il pesce che si prende in pescheria, che viene ucciso per asfissia ? Noi pratichiamo la caccia e la caccia oggi è serve anche per il mantenimento dell’ equilibrio in natura. Vedi cinghiali ecc. . Detto questo rispettiamo il suo pensiero . Cordiali saluti .

Lascia un commento

required

required

optional


Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi   Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa con l’ On. Pietro Fiocchi . europarlamentare Gruppo ECR tante le tematiche trattate nel corso dell’ intervista- Problema piombo e zone umide, ricorsi al Tar, unione venatoria ecc. Animalismo, Ispra, Ministero Ambiente e altro.   C&D Condividi l’articolo sui social!

Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi

Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi   Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi – Nel videl un analisi dettagliata sulla situazione in Lombardia fra ricorsi al Tar e interventi della Regione .   Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi Condividi l’articolo sui social!

Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!