Caccia: chi è causa del suo mal pianga se stesso.

tesserinovenatorioSi tratta di un antico proverbio che la dice lunga su tante cose e che è facilmente applicabile anche alla nostra grande passione: la caccia. In questo periodo, cioè da quando la stagione venatoria ha riaperto, sono tante le segnalazioni di cacciatori sanzionati dalle guardie e anche noi stiamo ricevendo tante mail di praticanti che protestando più o meno lecitamente ci chiedono consigli e informazioni sui verbali ricevuti.  Come noto da questa stagione anche la piccola migratoria va segnata subito sul tesserino al momento dell’abbattimento, e non tutti lo fanno. Abbiamo infatti ricevuto diverse segnalazioni, per lo più provenienti dalla Lombardia  (zone di capannisti) dove i verbali “amministrativi” sono fioccati. Ma segnalazioni ci sono pervenute anche dal Veneto dove vice una legge regionale ben specifica che autorizza la marcatura dei tesserini al momento dell’incarnieramento- . Bella o brutta che sia questa è una direttiva nazionale che va rispettata ! In tanti sono stati sanzionati in questi giorni per non avere segnato la giornata. Poi ci sono quelli ( e non sono pochi) “beccati” con il famigerato “gramino” … il fonofil da richiamo.  Un pò in tutta Italia questo strumento del “ti piace vincere facile” viene utilizzato al posto dei richiami vivi facilitando ovviamente il prelievo venatorio di molti migratori, proibiti e non proibiti. Quello dell’uso del fonofil come mezzo da richiamo è purtroppo una pratica molto diffusa sopratutto per quelli che la caccia non la amano e che non vogliono avere l’incombenza di accudire i richiami vivi. Ogni anno sono centinaia i verbali emessi dalle guardie nei confronti di questi cacciatori che praticano di fatto il bracconaggio.  Gente che poi si rivolge alle proprie associazioni come fossero vittime chiedendo assistenza e sostegno legale. Con l’avvento dei media e sopratutto dei “social”  molti seguaci di Diana si fanno immortalare con le loro catture. A OLYMPUS DIGITAL CAMERAvolte può essere carino vantarsi con gli amici di un prelievo sostanzioso … ma bisogna fare attenzione,  perchè le foto sui “social” essendo visti da tutti, possono essere ritorcersi contro gli stessi autori come veri boomerang, E’ già accaduto in questi giorni che le guardie zoofile siano risalite all’identità di alcuni “ingenuotti”  cacciatori che si sono fatti immortalare con un numero eccessivo di capi abbattuti. E’ il caso di due amici con 4 lepri il primo giorno di apertura o di quelli della settimana scorsa con i tordi …. “ne ho fatti 60 da solo – grande mattina di caccia”  scriveva su Facebook un signore lombardo.  Poi andate voi a giustificare che i “fucili” erano tre o quattro … .  Quello che voglio dire è che è facile essere bersaglio di chi non la pensa come noi e che è altrettanto vero che la pratica venatoria è sicuramente tartassata, benchè riconosciuta da una Legge Nazionale, ma non possiamo offrire noi stessi il fianco con comportamenti scorretti e indifendibili.  E’ di ieri la notizia di un Ibis Eremita colpito a morte da una fucilata nella zona di Thiene.  E’ di questi giorni il ritrovamento di reti nei boschi della Val Sabbia e relative denunce penali nei confronti di questa gente che nulla deve spartire con il nostro mondo. Quello che si nota  è che in questo senso le Associazioni venatorie non fanno molto e sopratutto non fanno formazione educativa.  Oggi la funzione di una associazione moderna, che vuole restare al passo con i tempi benchè saldamente legata alle tradizioni, non è solo quella d’incamerare tesseramenti e polizze assicurative o sostenere battaglie, ma primariamente quella di  assicurasi che i propri tesserati siano educati nel rispetto delle regole, dell’ambiente e anche dei propri colleghi che praticano una diversa tipologia di prelievo. Questo per un confronto serio con una società civile che mal ci sopporta.

BDM   Caccia & Dintorni

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi

Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa e con l’On. Pietro Fiocchi   Ritorna l’appuntamento con Caccia & Europa con l’ On. Pietro Fiocchi . europarlamentare Gruppo ECR tante le tematiche trattate nel corso dell’ intervista- Problema piombo e zone umide, ricorsi al Tar, unione venatoria ecc. Animalismo, Ispra, Ministero Ambiente e altro.   C&D Condividi l’articolo sui social!

Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi

Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi   Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi – Nel videl un analisi dettagliata sulla situazione in Lombardia fra ricorsi al Tar e interventi della Regione .   Federcaccia Lombardia : il presidente Lorenzo Bertacchi Condividi l’articolo sui social!

Roccolo Gervasoni – l’arte dell’uccellatore

Roccolo Gervasoni – un monumento alla tradizione Sopra Pisogne, sul Sebino, a 1352 mt sorge l’antico Roccolo Gervasoni – una struttura architettonica naturale in ottimo stato di conservazione che un tempo, quarant’anni fa era adibito alla tradizione dell’ uccellagione. Italo Gervasoni lo ha conservato im maniera egregia a testimonianza di quella che era una parte della civiltà rurale di un […]

Soprazocco : il nuovo quagliodromo della FIDC

Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo Soprazocco : nuova vita per il quagliodromo gestito dalla sezione FIDC del luogo. Il presidente Oliviero Bussi ci ha illustrato i lavori fatti e la nuova attività dedicata alla cinofilia Condividi l’articolo sui social!