Brescia assediata dalle nutrie: adesso sono in città. Al via il piano di eradicazione regionale.

Nutria_riesig_gr-2Una stima per difetto dice che in Lombardia vivono e si moltiplicano circa un milione di nutrie, di cui oltre centocinquantamila solo nella provincia di Brescia, che in questa classifica è seconda dietro quella di Mantova che conta quasi duecentomila nutrie. Un dato che non fa certo stare allegri gli agricoltori che devono fare i conti con i danni alle coltivazioni e con gli argini dei fossi scavati fino al loro cedimento. Solo una quindicina di giorni fa l’ennesimo incidente (per fortuna senza gravi conseguenze) in cui un trattore si è ribaltato per via del terreno reso franoso dalle gallerie scavate da questo roditore. Oggi però c’è un nuovo allarme ed è quello segnalato in pieno centro a Brescia, zona via Mantova vicinissimo ad un grande supermercato, dove nei giardini a ridosso del torrente Garza hanno fatto la comparsa queste care bestiole di circa sette/ otto chili, che pascolano indisturbate. La segnalazione è giunta da alcuni passanti e frequentatori del posto che passeggiano con i loro cani e che sono intimoriti da questi grossi ratti. Infatti la nutria nel nuovo, diciamo “organigramma” statale,  non è più specie protetta ma equiparata al ratto.   In questi mesi stiamo assistendo, proprio nelle città, ad una vera e propria invasione di storni, piccioni, gabbiani e adesso nutrie. Senza un controllo serio si rischiano malattie serie.  Roma e altre città hanno dovuto fare i conti con il guano degli storni che pur essendocene milioni e milioni (solo a Roma hanno stanziato 4 milioni di storni) non sono tra le specie cacciabili e lo stesso vale per i piccioni e per i gabbiani.  È noto ad esempio che gli uccelli infestanti sono veicoli di diverse malattie e di alcuni insetti infestanti. Gli esseri umani possono ad esempio contrarre sintomi simili a quelli dell’influenza, causati da spore presenti nelle deiezioni degli uccelli.  p4398-620x350

Al di là di come la pensano gli animalisti, che per quanto ci riguarda possono anche portarsele tutte a casa loro, occorre un intervento serio e definitivo da parte dello Stato che pur demandano alle regioni dia la falcoltà di eradicare il fenomeno e inserire lo storno nelle specie cacciabili dalla terza domenica di settembre fino al 31 gennaio. In questi giorni proprio a Brescia sono partiti in alcuni comuni i corsi per l’abilitazione al ruolo di operatire faunistico proprio per eradicare le nutri con i mezzi consentiti dalla Legge regionale.

Le nutrie trasmettono la leptospirosi proprio come i topi – la Leptospirosi è una patologia causata dalla specie spirocheta Leptospira.

CONTAGIO:
– diretto: ingestione di urine e tessuti di animali infetti (carni poco cotte per esempio), contatto di tessuti o liquidi infetti con cute solo se abrasa.
– indiretto: contatto con leptospire diffuse nell’ambiente

 

Caccia & Dintorni – la redazione

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


CLUB DEL BECCACCINO : LOMELLINA 2019

  CLUB DEL BECCACCINO SETTIMANA LOMELLINA 2019 – per celebrare i 90 anni dalla fondazione il Presidente , Claudio Cortesi , ha organizzato una settimana di prove nelle risaie della Lomellina pavese. Molti i partecipanti giunti da tutta Italia. le prove su beccaccino (senza sparo) sono state piuttosto impegnative per tutti: ausiliari e conduttori. Caccia & Dintorni ha documentato l’avvenimento […]

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli

SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli   SORSOLI’S i setter – Parliamo di cuccioli con Pierluigi Sorsoli – una nuova puntata dedicata alla cinofilia nella quale con un grande allevatore, Pierluigi Sorsoli, affisso ENCI, viene affrontato il discorso del cucciolo. Come crescerlo, come nutrirlo, come addestralo e come sceglierlo. Naturalmente si parla delle profilassi da seguire durante i primi […]

Caccia & Europa : le sentinelle dell’ambiente

Caccia & Europa – Le sentinelle dell’ ambiente e custodi della natura Caccia & Europa – Nuova iniziativa dell’On. Pietro Fiocchi- europarlamentare Gruppo ECR -Si tratta di un programma importante per cambiare la percezione pubblica di quella che è la figura del cacciatore e del pescatore . Sabato 1° febbraio a Torino l’On Fiocchi ha organizzato un convegno incontro dal […]

Sasselli e cesene nella tormenta

Sasselli e cesene sull’Appennino ligure Sasselli e cesene nella tormenta . Su a 1600 mt , sull’appennino ligure con Manuel e Simone in una fredda mattina di novembre, dove vento e neve ghiacciata hanno fatto da cornice alla nostra bella mattina di caccia. Con una batteria di 40 richiami vivi che cantavano abbiamo atteso l’arrivo di sasselli e cesene. Un […]