ACL: il “toto-deroghe” . Anche quest’anno siamo alle solite …. con l’Ispra che non fornirà i dati. La Regione tace sui richiami di cattura.

ispraEntro il 30 aprile le regioni devono fare richiesta all’Ispra per il prelievo in deroga. Un passo obbligato anche se da anni l’ente predisposto non fornisce dati e quindi nega alle regioni di legiferare in materia. senza il parere, che del resto non è vincolante, dell’Ispra le regioni se ne guardano bene dal compiere un atto d’insubordinazione nei confronti del Ministero dell’ambiente. Lombardia e Veneto in questo avrebbero fatto richiesta all’Ispra per il prelievo in deroga di 3 specie: peppola, fringuello e storno (non si capisce perchè nell’elenco non siano state inseriti anche frosone e pispola ..)  Va detto che le regioni possono agire attraverso un atto amministrativo, la cosi detta delibera di giunta, facilmente impugnabile dai nostri nemici animalisti. Il fatto però è un altro e che Liguria e Toscana hanno già battuto il Governo facendo ricorso al Tar sulla chiusura anticipata al 20 gennaio di tordo, cesena e beccaccia. Un fatto, benchè non si tratti di specie in deroga, che apre uno spiraglio importante e che significa che con i dati forniti dalla ricerca scientifica è possibile portare a casa risultati. Da segnalare che la Regione Lombardia, impegnata nella stesura del nuovo piano faunustico,  non ha però chiesto la riapertura degli impianti di cattura dei richiami vivi. Un segno di negligenza e di scarsa volontà nel sostenere il mondo venatorio.

 

C&D – la redazione

 

Di seguito il comunicato stampa di ACL (Associazione Cacciatori Lombardi) sulla questione deroghe

20160416_211358A.C.L. DEROGHE : TRA IL DIRE ED IL FARE C’E’ DI MEZZO LA VOLONTA’ POLITICA.

Dopo il “toto deroghe” ove ognuno dava i numeri : 6 + 2 , chi 2, chi 3, chi 6, arriviamo al dunque : la Lombardia ha optato per fringuello, peppola e storno. Per noi di A.C.L. non è solo una questione di dichiarazioni o di numero di specie, ma di verificare se vi è la volontà politica di raggiungere l’obiettivo. Per noi in deroga si poteva andare già l’anno scorso attraverso una Delibera di giunta, ora il problema si ripropone. Ogni regione ha le proprie tradizioni anche nelle specie cacciabili, noi cacciatori lombardi abbiamo fringuello, peppola (montà/montanel), frosone ma anche il prispolone (tordina/guina) e la pispola(sguiseta). A tutte queste specie ricordiamo a tutti che “in deroga” ci siamo già andati in passato, per questa ragione desidereremmo che la Regione ci motivasse il perché di questa scelta. Non è chiedendo poco che si ottiene la caccia in deroga , le strategie di retroguardia ci hanno gradualmente portato alla situazione attuale. Ora le Regioni che intendono avvalersi delle deroghe si sono mosse , sarà poi l’I.S.P.R.A a dover dare quantità ed esprimere pareri che gli competono, senza accampare scuse o motivazioni generiche tipo “non ci sono le condizioni ed i dati”. Se I.S.P.R.A ha dei compiti li svolga con professionalità e competenza. Chiedere è lecito, rispondere è cortesia, per cui come dar torto alla base dei nostri cacciatori che con forza ci chiedono di insistere sulla pispola, come l’amico Faita su tutti. Le aspettative ci sono, che Regione Lombardia non le deluda, siamo o non siamo “padroni a casa nostra” Assessore Fava?

Per fare chiarezza su deroghe e roccoli, A.C.L. aveva ottenuto tramite l’Europarlamentare Lara Comi la possibilità di un incontro a breve con il Commissario all’Ambiente. A.C.L. aderendo ad una indicazione della Onorevole Comi ha ritenuto utile per la caccia ed i cacciatori di estendere la delegazione, concedendo ed aprendo la partecipazione a tutte le Associazioni che condividano scopi, finalità e modalità della propria iniziativa, quindi presentandosi al Commissario nella veste di “Cacciatori Italiani” ciò per la tutela comune delle cacce tradizionali.  A.C.L., dimostra in tal modo, di recepire tutte le opportunità che possano portare risultati concreti senza assumere posizioni intransigenti che alcuni in modo strumentale gli attribuiscono.

ACL  ufficio stampa

 

 

Condividi l'articolo sui social!
error

Lascia un commento

required

required

optional


Il saluto a Domenico Grandini

Il saluto a Domenico Grandini … Anuu in lutto – in questo nostro breve video, registrato purtroppo in emergenza, un nostro ricordo di Domenico Grandini, Presidente regionale Anuu Migratoristi della Lombardia , ma sopratutto un amico. Un dirigente venatorio apprezzato e leale con il quale ci siamo spesso confrontati. Ciao Domenico. La speranza è quella di non scrivere più questi […]

Caccia & Europa marzo – Video intervista con l’ On Pietro Fiocchi – ECR Group

Caccia & Europa marzo – Video intervista con l’ On Pietro Fiocchi – ECR Group   Caccia & Europa marzo– Video intervista con Pietro Fiocchi – Siamo riusciti a registrare una video intervista con   che stanno dimostrando- si parla di piombo e di ambiente .  a cura di R&B Media – BDM E’ vietata la riproduzione ç Condividi l’articolo sui […]

BRUGAR – la brunitura delle canne

BRUGAR – la brunitura delle canne

BRUGAR – la brunitura delle canne, la cromatura e altri trattamenti galvanici Brugar – Da quasi 40 anni siamo specializzati in lavorazioni galvaniche, trattamenti termici e superficiali nel settore delle armi e nell’ambito meccanico ed industriale. La nostra azienda nasce a Gardone Val Trompia e il nome è l’acronimo di Brunitura Gardonese . Tra le principali in cui siamo specializzati […]

La Regina del Bosco 2018

La Regina del Bosco 2018   E’ calato il sipario sulla 13ma edizione della Regina del Bosco– Trofeo Valli bresciane, organizzato come sempre dal Club Valli Bresciane. Sul grandino più alto, grazie ad una bella prova, è salito Davide Gustinelli con il suo setter inglese Bruno. Due giornate di gara, domenica 18 e domenica 25 marzo, disclocata su 9 comuni […]