Vigilanza venatoria, l’esempio del Veneto

Dal Cacciapensieri di Federcaccia Brescia

La Corte costituzionale promuove la scelta del Veneto di istituire il Servizio di vigilanza regionale in materia di fauna, pesca e ambiente e di ‘traghettare’ quindi – sotto un’unica gestione regionale – il personale delle Polizie provinciali. Con la Sentenza n. 82 i giudici della Consulta hanno respinto il ricorso del Governo, che aveva contestato l’invasione della competenza statale esclusiva in materia di ‘ordine pubblico e sicurezza’ e hanno confermato la validità della scelta della Regione Veneto che, con il collegato alla legge di stabilità 2017, ha istituito il Servizio regionale di vigilanza, che riunisce guardie provinciali e ispettori in un unico corpo diretto e organizzato dalla Regione con compiti di vigilanza in materia ambientale, agroalimentare, faunistico-venatoria e ittica. In particolare, la Corte ha confermato il punto essenziale dell’operazione: i circa 160 agenti dei corpi di Polizia provinciale trasferiti alla Regione conservano la qualifica di ‘agente di polizia giudiziaria’. Sono l’unica figura professionale autorizzata, nell’organico della Regione, a portare un’arma e ad avere poteri di indagine, perquisizione, sanzione e arresto.
“La sentenza conferma la bontà del percorso di riorganizzazione attuato in Veneto, in sintonia con le Amministrazioni provinciali, per far fronte al quadro confuso creato dalla riforma Delrio – commenta il vicepresidente della Regione Gianluca Forcolin, con delega al personale –. Istituendo il Servizio regionale di vigilanza abbiamo inteso garantire la piena continuità di una fondamentale funzione di controllo e presidio del territorio, di contrasto al bracconaggio, alla pesca di frodo e alla repressione delle frodi in agricoltura, assumendo funzioni e personale nella dotazione organica della Regione”.
E’ di fondamentale importanza che la suprema Corte abbia riconosciuto la validità e la rilevanza della scelta regionale di mantenere agli agenti del Servizio di vigilanza regionale la pienezza della professionalità e delle qualifiche di cui erano titolari nell’inquadramento provinciale, e in particolare quella di ‘ufficiale di polizia giudiziaria’. In questo modo non viene disperso un patrimonio di professionalità, di competenze e di qualifiche, assicurando così a tutto il territorio le stesse funzioni esercitate un tempo dalle amministrazioni provinciali.

I tempi sono quindi maturi affinchè questa scelta venga effettuata anche da regione Lombardia.

A cura di Federcaccia Brescia

 

Condividi l'articolo sui social!

1 Commento

  • Fortunato Busana

    Bene,complimenti Regione Veneto sempre una marcia in più anche sulle deroghe.

Lascia un commento

required

required

optional


Attitudinale a quaglie – Trofeo Walter Meazza

Attitudinale a quaglie – Trofeo Walter Meazza Una prova ospitata dal nuovissimo quagliodromo di Bassano Bresciano (Bs)- Un attitudinale su quaglie, per continentali e inglesi, che ha richiamato moltissimi cinofili, uno su tutti Libero Zagni. La prova è stata organizzata dal Gruppo Cinofilo Bresciano (Enci) C&D Condividi l’articolo sui social!

Premiazioni La Regina del Bosco 2018

Premiazioni La Regina del Bosco 2018   Sabato 5 maggio in un noto locale del bresciano si sono svolte le premiazioni della 13ma edizione del Trofeo Regina del Bosco . Una serata di gala con circa duecento intervenuti. A fare gli onori di casa il Presidente del Club della Beccaccia Cav. Salvatore Veccia. L’organizzazione sta già valutando l’edizione 2019 ma […]

1° Raduno Colombacciai Lombardi

  1° Raduno colombacciai lombardi a Graffignana (Lo) – presso l’ A.S.D. il Bosco. Un video dedicato agli appassionati del colombaccio e dei piccioni ( ibridi) da richiamo. Esposizione di attrezzature e richiami vivi, gare e ristoro per la gioia di tantissimi appassionati giunti anche dalla Toiscana e dall’Umbria. Una bella manifestazione ambientata in una AFV molto interessante. Condividi l’articolo […]

TCS EXPO – Tiro caccia e sport a Montichiari (Bs)

Fiera della Caccia TCS EXPO – Tiro-Caccia-Sport al centro fiera del Garda di Montichiari 21 e 22 aprile. Un appuntamento al quale hanno preso parte anche alcuni armaioli della Val Trompia: RFM Armi, SIACE, FALCO e Rizzini. Presenti anche numerosi stand dedicati all’abbigliamento tecnico e agli accessori.  Una piccola fiera che intende crescere per riqualificare la produzione bresciana che rappresneta […]