Toscana: intenti comuni tra Arci Caccia e Libera

Toscana: ARCI e LIBERA  prove di condivisione

 

Toscana -Dal sito dell’Arci Caccia nazionale riprendiamo questa notizia che pone in rilievo quanto importante sia la collaborazione associativa e il dialogo con il mondo agricolo. Quando si è sulla stessa barca è fondamentale remare tutti nella stessa direzione. Il mondo venatorio è sin troppo frammenatato e se due associazioni dialogano tra di loro con intenti ben precisi per il bene della “passione” comune è una buona cosa. Nella sua lettera il dirigente di ANCL lo dice chiaramente,  che ognuna delle due associazioni storiche manterrà la propria identità e la propria indipendenza.   Dopo aver congelato la propria presenza in FENAVERI  l’Arci prova la via del dialogo e della collaborazione con ANCL.   Forse si tratta di un progetto “pilota”  una sorta di laboratorio regionale, che parte dalla Toscana grande terra di cacciatori e di grandi progetti, per poi magari estendersi ad altre regioni e con nuove adesioni.

C&D

 

Toscana: ANLC risponde ai portatori di illazioni

In questi giorni si sono fatte illazioni su presunte “unioni” tra Libera Caccia e Arci Caccia, credo che sia mio dovere, come dirigente Nazionale di Libera Caccia smentire certe voci e fare chiarezza. Avere degli intenti comuni tra associazioni venatorie non mi sembra una cosa scandalosa, come non lo è cercare di avere un dialogo con il mondo agricolo per non arrivare ad uno scontro muro contro muro.  Avere un confronto sulle idee e promuoverle congiuntamente, mantenendo ognuno il proprio nome, la propria indipendenza e la propria autonomia, non cercando di prevalere l’una sull’altra con lo scopo di portarsi via tesserati, credo che sia un approccio corretto su come si debba confrontarsi. Per questo motivo pubblico qui sotto il documento integrale, così potrete dirci cosa per voi è condivisibile e cosa non lo è. Siamo disponibili ad accogliere suggerimenti e adesioni per far sì che il mondo venatorio e quello agricolo- rurale trovino nuovamente un accordo concreto e funzionale.

Antonio Goretti

 

Protocollo-dintesa

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


I sasselli del Montenetto

I sasselli del Montenetto   Puntata di caccia al capanno fisso sul Montenetto in provincia di Brescia – due mattine di caccia aspettando sasselli e cesene. Un grazie a Francesco che ci ha ospitato e sopportato per due giorni.   C&D Condividi l’articolo sui social!

Caccia a Sasselli e Cesene sull’Appennino Pavese

Caccia e dintorni è a caccia di Cesene e Sasselli sull’Appennino Pavese con gli amici Oscar e Francesco. Da sempre è il momento culminante della stagione di caccia del capannista: il posizionamento dei richiami vivi, l’attesa della migratoria, l’arrivo di questi stormi di cesene caratterizzano questa tipologia di caccia, rendendola un momento molto emozionante. Caccia e Dintorni vi accompagna con […]

A tordi sulle colline Moreniche

A tordi sulle colline Moreniche   Una bella mattina di caccia in un capanno sulle colline Moreniche nell’Alto Mantovano. Con Ottorino, Simone e Giuliano. Una posta tenuta con cura, come fosse un giardino, in mezzo alle vigne e al di sopra di un laghetto di origine vulcanica. Ottorino è un grande appassionato, un tenditore ( forse l’unico) mantovano. Ottimi e […]

Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]