Torino: “ la caccia s’è desta “ ! In 6000 contro la Regione Piemonte

Torino: “ la caccia s’è desta “

In 6000 per dire NO alle vessazioni contro la caccia in Piemonte

 

 

Torino– 8 giugno 2018 – Circa 6000 cacciatori provenienti da molte regioni hanno risposto alla chiamata del Piemonte. Una partecipazione significativa che per una giornata ha unito tutte le sigle del mondo venatorio, dalla più grande alla più piccola. A sostegno dei  cacciatori piemontesi sono arrivati pulman dalla Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia, Friuli ma significativa anche la presenza di cacciatori giunti appositamente dalla Sardegna e dalla Puglia.

Una manifestazione civile nel corso della quale è stato più volte rimarcato l’importanza di esserci e di dare una risposta precisa alle assurde decisioni della Giunta regionale piemontese che martedì prossimo voterà tutta una serie di restrizioni per limitare ancor più la caccia, compresa quella di attuare il silenzio venatorio nelle domeniche di settembre. Per alcuni esponenti del mondo politico piemontese (anticaccia), M5S in testa, si considera il Piemonte una sorta di laboratorio sperimentale  da proporre poi a tutta Italia.

8 Giugno 2018 Torino

Torino- Nel corteo, tra i cacciatori, hanno sfilato anche alcuni dirigenti delle Associazioni venatorie e rappresentanti del mondo politico: consiglieri regionali, deputati e senatori.

 

Al tavolo con il Governatore Chiampario

Una delegazione è poi stata ricevuta dal Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, al quale è stato ufficialmente consegnato un documento concordato con tutte le associazioni venatorie, riconosciute e non, attraverso il quale è stato espresso tutto il disappunto per ciò che sta avvenendo nel suo territorio.  Il Governatore del Piemonte ha preso atto della massiccia protesta ma non si è espresso, lasciando che sia il Consiglio  a votare martedì  12 Le nuove normative venatorie.

 

Di fatto questa manifestazione non cambierà la sorte della caccia in Piemonte ma è servita per dimostrare che i cacciatori sanno ancora ritrovarsi per combattere in maniera civile ma determinata. Alessandro Basignana, di fatto l’organizzatore piemontese che da solo è riuscito a mobilitare così tanta gente, ha promesso che la battaglia proseguirà e che la Giunta del Piemonte non s’illuda che sia finita oggi. Le scadenze elettorali del 2019 potrebbero significare qualcosa.

Caccia & Dintorni ha seguito tutta la maifestazione e già dalla prossima settimana manderà in onda uno speciale di 45 minuti. Un servizio da Torino con tutte le fasi salienti di questa bella prova di partecipazione documentata con interviste e contributi vari.

 

La redazione di C&D

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]

18° Esposizione canina a Castelmella (BS)

18° Esposizione canina a Castelmella (BS) – Anche quest’anno è stata organizzata questa manifestazione dedicata a tutte le razze che non ha mancato di richiamare moltissimi appassionati conofili e non. Una manifestazione organizzata dalla Federcaccia di Castelmella che ha devoluto in beneficenza l’incasso della serata dedicata allo spiedo. Condividi l’articolo sui social!

BERETTI caccia e cinofilia

  Beretti festeggia il 30° anno di attività- Richiami elettroacustici di ogni tipo con canti selezionati per attività all’aperto- beeper con 17 modulazioni di suono, gabbiette per richiami, trasportini omologati, videotrappolaggio ecc . Con questo video vi portiamo nel mondo di BERETTI …tutto per la ccaccia e per la cinofilia. Condividi l’articolo sui social!

La caccia s’è desta- Torino 8 giugno 2018

La caccia s’è desta   6000 cacciatori provenienti da molte regioni hanno risposto alla chiamata del Piemonte: la caccia s’è desta.  Una partecipazione significativa che per una giornata ha unito tutte le sigle del mondo venatorio, dalla più grande alla più piccola. A sostegno dei cacciatori piemontesi sono arrivati pulman dalla Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia, Friuli ma significativa anche la […]