LA REGIONE APPROVA ZONIZZAZIONE AREE IDONEE E NON IDONEE DELLA SPECIE

La Regione Lombardia

CINGHIALI, ROLFI: APPROVATA ZONIZZAZIONE AREE IDONEE E NON IDONEE DELLA SPECIE

La giunta regionale lombarda ha approvato, su proposta dell’assessore Fabio Rolfi, la nuova suddivisione del territorio agro-silvo-pastorale regionale in aree idonee e aree non idonee alla presenza del cinghiale. “Un documento molto atteso dal mondo agricolo e dal mondo venatorio” ha dichiarato il responsabile regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi.

Le aree idonee e quelle non idonee alla presenza della specie sono state individuate in sinergia con le associazioni del territorio e tenendo in considerazione alcuni fattori come la consistenza e la frequenza dei danni arrecati alle colture agricole e ai pascoli, la presenza di coltivazioni di particolare pregio, la presenza di habitat e di specie animali e vegetali di importanza per la biodiversità e le modalità pregresse di gestione della specie” ha aggiunto Rolfi.

La delibera prevede, fatto salvo il divieto di caccia laddove già previsto dalle norme vigenti, che la gestione del cinghiale avvenga nelle aree idonee mediante prelievo venatorio e controllo e, nelle aree non idonee, mediante controllo e prelievo venatorio di selezione.

“La presenza massiccia dei cinghiali sta creando danni consistenti, alle coltivazioni così come per la sicurezza delle persone. Per questo voglio creare una alleanza proficua tra mondo agricolo e mondo venatorio” ha detto Rolfi al termine della seduta di giunta.

La Regione Lombardia ha redatto la proposta di suddivisione del territorio regionale in aree idonee e non idonee alla presenza del cinghiale, nonché di individuazione dei confini delle unità di gestione della specie, attraverso un confronto con province, comunità montane, associazioni agricole, venatorie e ambientaliste regionali.

Aree idonee alla presenza della specie:
•        Unità A Insubria Varese
•        Unità B Insubria Como/Lago
•        Unità C Insubria Como/Triangolo
•        Unità D Pavia Oltrepo
•        Unità E Lecco/Bergamo
•        Unità F Brescia;

Aree non idonee alla presenza della specie:
•        Unità G Pavia
•        Unità H Città Metropolitana
•        Unità I Padana
•        Unità L Brescia Pianura
•        Unità M Brianza
•        Unità N Bergamo Pianura
•        Unità O Insubria
•        Unità P Orobie Bergamasche
•        Unità Q Valle Camonica e Valle Sabbia

•        Unità R Sondrio;

“Nelle prossime settimane – conclude Rolfi – saranno definite le modalità di gestione del cinghiale nonché le modalità di monitoraggio dei risultati conseguiti”.

Condividi l'articolo sui social!

2 Commenti

  • Ivan Moretti

    Fino dalla prima presentazione della zonizzazione come ARCI-Caccia avevamo fatto presente l’incongruenza della disparità di trattamento nell’areale alpino. Idonei Lecchese e Comasco. Inidonei Sondrio, Bergamo e Brescia. La salvaguardia della “tipica alpina” è un’esigenza di tutti quei territori. Sono prevalsi altri interessi. Di sicuro non quelli dei vignaioli della Franciacorta ritenuta “zona idonea”

    • Ferdinando Ratti

      Ivan delle incongruenze presentate dalle sole Arci Caccia e Italcaccia, NON ne hanno tenuto conto, sono prevalse le tesi di chi sostine che nella caccia al cinghiale, si debba fare solo con la braccata,
      un saluto

Lascia un commento

required

required

optional


Un Azienda nel mirino Fratelli Poli Armi

L’antica arte dell’armaiolo in questo video di Caccia & Dintorni dedicato alla Fratelli Poli Armi. Un’azienda nata negli anni sessanta e che ancora oggi produce fucili da caccia di grande valore in maniera artigianale. Un esempio di azienda a conduzione familiare che ha saputo stare al passo con i tempi senza perdere di vista le proprie radici. Proprio lo scorso […]

Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]

18° Esposizione canina a Castelmella (BS)

18° Esposizione canina a Castelmella (BS) – Anche quest’anno è stata organizzata questa manifestazione dedicata a tutte le razze che non ha mancato di richiamare moltissimi appassionati conofili e non. Una manifestazione organizzata dalla Federcaccia di Castelmella che ha devoluto in beneficenza l’incasso della serata dedicata allo spiedo. Condividi l’articolo sui social!

BERETTI caccia e cinofilia

  Beretti festeggia il 30° anno di attività- Richiami elettroacustici di ogni tipo con canti selezionati per attività all’aperto- beeper con 17 modulazioni di suono, gabbiette per richiami, trasportini omologati, videotrappolaggio ecc . Con questo video vi portiamo nel mondo di BERETTI …tutto per la ccaccia e per la cinofilia. Condividi l’articolo sui social!