Peste Suina Africana: il mondo venatorio chiamato alla sorveglianza della Fauna.

Peste Suina africana: considerata epidemica

I cacciatori italiani devono vigilare sulla fauna.  E gli animalisti ….? 

 

CACCIAPENSIERI

 

Ancora una volta il mondo venatorio è chiamato, nonostante tutto e tutti, ad essere parte attiva di un sistema di sorveglianza sanitaria della fauna selvatica fondamentale per la salvaguardia del bene pubblico. Parliamo di Peste Suina Africana, malattia con un altissimo potenziale di diffusione transfrontaliera, ora considerata endemica anche in parti del Caucaso e l’Europa orientale.

Questa malattia dei suidi, tra cui il cinghiale, potrebbe diffondersi da queste zone, insieme a movimenti transfrontalieri di individui, salumi, strumenti e cinghiali infetti. Il nord Italia non era considerato a rischio di introduzione, ma considerato il “salto” fatto la scorsa settimana dall’Ucraina al sud est della Repubblica Ceca, qualsiasi paese con un settore suino è a rischio (Fonte FAO).

La produzione familiare, caratterizzato da bassa biosicurezza, è sicuramente un rischio per la sua intrinseca vulnerabilità. In assenza di un vaccino o di un trattamento efficace, la migliore strategia contro questa malattia è che i servizi veterinari stabiliscano un piano di diagnosi precoce, insieme a un meccanismo di risposta rapido ad una eventuale epidemia (FAO). La consapevolezza e la formazione dei professionisti veterinari e del personale in prima linea è cruciale per l’effettiva attuazione. E chi è questo personale, considerando come la malattia sfrutti anche le popolazioni di cinghiali per muoversi da un territorio all’altro, se non i cacciatori ??

Peste suina – E quanto tempo dovrà ancora passare prima che i diversi soggetti istituzionali capiscano il ruolo nel monitoraggio e gestione di queste malattie svolto dai cacciatori? Da un lato abbiamo proibizioni e limitazioni di ogni sorta, dall’altro gli enti sanitari che ci formano, ci invitano alla collaborazione e stendono programmi di monitoraggio realizzati con il nostro volontario e insostituibile aiuto come quello in essere in Lombardia.

Dobbiamo sperare che arrivi una catastrofe come sarebbe l’ingresso di questa malattia nel nostro territorio ricco di un formidabile settore suinicolo perché si comprenda il nostro valore sociale anche in termini di salvaguardia e gestione delle malattie animali. Noi non ce lo auguriamo ma saremo, come sempre, pronti a dare il nostro contributo.

a cura di “FEDERCACCIA BRESCIA

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Colombacci a gennaio

Colombacci a gennaio, un nuovo video di Caccia e Dintorni che mette in evidenza una delle tante tecniche di caccia di questo nobile volatile – da appostamento fisso. Nella pianura padana, con tre amici, tra gli stocchi del granoturco. La paziente cura per la sistemazione del gioco, i richiami vivi, gli stampi, gli stantufi, le girandole e il mimetismo, ma […]

ATC UNICO di BRESCIA : ultimato il “progetto lepre”

ATC UNICO: ultimato Progetto lepre  con le catture di Quinzano d’Oglio   Nell’ambito delle catture delle lepri l’ ATC Unico di Brescia ha dato il via al “progetto lepre” – sono stati catturati alcuni esemplari, come mostriamo nel video, e rilasciati dopo aver loro apllicato un radio-collare che monitorerà gli sponsamenti sul territorio ed eventuali morti. Un sistema praticamente come […]

Beccacce e letteratura

Beccacce e letteratura

Beccacce e letteratura un bel video dell’amico Cerisola. Una battuta di caccia alle beccacce originale. Grazie al nostro amico Alberto Cerisola che ha voluto condividere con noi questo simpatico video amatoriale che testimonia la passione per la caccia alla Regina del Bosco. Un documento in cui emerge il confronto con la natura e il rapporto con il proprio ausiliare. Una […]

Cesene del Maniva, sulle tracce della passione

Cesene del Maniva   Ecco un nuovo video di Caccia & Dintorni dedicato alle cesene. che mette in evidenza le difficoltà e la fatica della caccia da appostamento fisso in montagna. Con due giovani ragazzi siamo saliti in alta Val Trompia, come facevano una volta i nostri vecchi, con le portantine dei richiami caricate sulle spalle. Una lunga camminata al […]