Lombardia: via al piano di eradicazione dei procioni.

Lombardia : un intesa fra Regione ed ente Parco dell’ Adda

Nutrie, tartarughe palustri, scoiattoli, procioni, ibis e vespe sono specie pericolose per la biodiversità e sono nel nuovo regolamento europeo.

La regione Lombardia ha approvato un provvedimento per l’eradizazione dei procioni, il conosciuto  orsetto lavatore. Un animale alloctono che sta invadendo la parte lodigiana dell’ Adda e anche alcune zone del basso lago di Lecco. Si tratta di un accordo di collaborazione con il Parco Adda Nord per portare a termine l’obiettivo di azzeramento della presenza degli orsetti lavatori nell’area.

La paura  per gli agricoltori dei paesi coinvolti  che si trovano a ridossodell’Adda, ma anche per gli enti locali e le stesse guardie volontarie del parco, è quello che i procioni possano ora invadere anche le aree golenali tra Rivolta d’Adda, Vaprio e Spino, fino a Ciserano.

Questi animali, conosciuti anche con il nomignolo di orsetto lavatore, sono infatti più dannosi ancora delle nutrie e sono portatori di “rabbia”.  Ormai da molto tempo, si parla di qualche anno,  srstanno invadeendo il territorio del Cremasco, nella zona  il corso dell’Adda tra Cassano, Fara e Canonica. Per correre ai ripari, nei giorni scorsi l’ente parco della zona e la Regione hanno sottoscritto un piano di eradicazione totale, che rinnova quello esistente sino al 2020. La cattura degli orsetti lavatori avverrà con l’installazione di trappole dello stesso tipo usato per le nutrie. 

Fino a qualche anno fa le «specie alloctone» dette anche «aliene» (specie animali e vegetali introdotte direttamente o indirettamente in un habitat al di fuori del loro areale naturale d’origine, magari da distanze di migliaia di chilometri) rappresentavano una semplice «curiosità biologica». Ora, invece, alcune specie alloctone si sono adattate e inserite talmente bene da riprodursi con continuità nei nostri ambienti provocando un impatto negativo.

Il costo dell’operazione  si aggira  sui  60mila euro  di cui 15mila euro  finanziati dall’ente parco, mentre i restanti 45mila saranno  erogati dalla Regione Lombardia.

Naturalmente è subito scattata la protesta delle associazioni animaliste scese subito sul piede di guerra.

 

C&D

Condividi l'articolo sui social!

2 Commenti

  • silvia bocelli

    un modo più civile di gestire la cosa ,non esiste? non vedo perché dover uccidere degli animali innocenti;che schifo!

  • Ferdinando Ratti

    Non ditemi che anche i procioni sono stati immessi dai cacciatori a scopo venatorio !!!
    Chi non vuole che questi devono essere soppressi, dovevano lasciarli nel loro paese d’origine, oppure al negozio dove li hanno acquistati.
    Con questa moda di avere specie alliene di qualsiasi razza come animali da compagnia,siamo invasi da specie che nulla hanno da spartire con quelle indigene.
    Oltre che distruggere il nostro patrimonio faunistico.

Lascia un commento

required

required

optional


I sasselli del Montenetto

I sasselli del Montenetto   Puntata di caccia al capanno fisso sul Montenetto in provincia di Brescia – due mattine di caccia aspettando sasselli e cesene. Un grazie a Francesco che ci ha ospitato e sopportato per due giorni.   C&D Condividi l’articolo sui social!

Caccia a Sasselli e Cesene sull’Appennino Pavese

Caccia e dintorni è a caccia di Cesene e Sasselli sull’Appennino Pavese con gli amici Oscar e Francesco. Da sempre è il momento culminante della stagione di caccia del capannista: il posizionamento dei richiami vivi, l’attesa della migratoria, l’arrivo di questi stormi di cesene caratterizzano questa tipologia di caccia, rendendola un momento molto emozionante. Caccia e Dintorni vi accompagna con […]

A tordi sulle colline Moreniche

A tordi sulle colline Moreniche   Una bella mattina di caccia in un capanno sulle colline Moreniche nell’Alto Mantovano. Con Ottorino, Simone e Giuliano. Una posta tenuta con cura, come fosse un giardino, in mezzo alle vigne e al di sopra di un laghetto di origine vulcanica. Ottorino è un grande appassionato, un tenditore ( forse l’unico) mantovano. Ottimi e […]

Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]