Influenza aviaria : la Regione informa.

CACCIAPENSIERI

Influenza aviaria :disposizioni per i richiami vivi ( anatidi) da Regione Lombardia

 

La Direzione Generale Welfare Veterinaria di Regione Lombardia ha diramato una nota con la quale fornisce dei chiarimenti fondamentali su come vanno detenute le anatre da richiamo appartenenti all’ordine dei caradriformi e anseriformi dopo la diffusione della nota epidemia di influenza aviaria. Innanzitutto da Milano si precisa che su tutto il territorio della regione Lombardia è vietato l’utilizzo come richiami vivi di anseriformi e caradriformi nella  pratica venatoria fino al 31 gennaio 2018.

In considerazione del fatto che a causa dell’epidemia nelle aree a maggior rischio sanitario della Regione è attualmente vietato allevare volatili all’aperto ed anche nel restante territorio la Direzione Generale di Veterinaria ha stabilito che negli allevamenti avicoli a carattere rurale fossero messe in atto tutte le possibili precauzioni al fine di evitare il contatto con avifauna selvatica, anche per la stabulazione delle anatre da richiamo sono state stabilite delle regole precise.

Influenza aviaria: 

E’ vietato l’uso dei richiami vivi per acquatici anseriformi e caradriformi fino al 31 dicembre ( salvo ulteriori proroghe)

In considerazione delle caratteristiche fisiologiche delle anatre utilizzate come richiami vivi, al fine di garantire comunque condizioni di detenzione compatibili con il loro benessere, si è ritenuto opportuno fornire le seguenti indicazioni:

  • tali volatili non possono essere detenuti nei luoghi dove vengono utilizzati come richiami vivi, ma devono essere spostati in un luogo di detenzione diverso;
  • in tale luogo gli animali devono essere detenuti al chiuso o se ciò non fosse possibile, per le motivazioni sopra esposte, devono essere stabulati in un area totalmente recintata e coperta da reti e/o tettoie che impediscano il contatto con l’avifauna selvatica;
  • all’interno di questi luoghi può essere presente una riserva d’acqua ma la stessa non deve in alcun modo essere alimentata da serbatoi di superficie a cui possono avere accesso volatili selvatici;
  • nel caso in cui in questo luogo il detentore dei richiami avesse anche del pollame, quest’ultimo deve essere allevato in un’area totalmente e fisicamente separata da quella in cui sono presenti i richiami e il detentore deve garantire adeguate norme di igiene, sia personale (lavaggio mani, cambio stivali, ecc.) sia generali (distinti attrezzi per il governo e la pulizia) tra le due aree.

 

A cura di Federcaccia Brescia

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Colombacci a gennaio

Colombacci a gennaio, un nuovo video di Caccia e Dintorni che mette in evidenza una delle tante tecniche di caccia di questo nobile volatile – da appostamento fisso. Nella pianura padana, con tre amici, tra gli stocchi del granoturco. La paziente cura per la sistemazione del gioco, i richiami vivi, gli stampi, gli stantufi, le girandole e il mimetismo, ma […]

ATC UNICO di BRESCIA : ultimato il “progetto lepre”

ATC UNICO: ultimato Progetto lepre  con le catture di Quinzano d’Oglio   Nell’ambito delle catture delle lepri l’ ATC Unico di Brescia ha dato il via al “progetto lepre” – sono stati catturati alcuni esemplari, come mostriamo nel video, e rilasciati dopo aver loro apllicato un radio-collare che monitorerà gli sponsamenti sul territorio ed eventuali morti. Un sistema praticamente come […]

Beccacce e letteratura

Beccacce e letteratura

Beccacce e letteratura un bel video dell’amico Cerisola. Una battuta di caccia alle beccacce originale. Grazie al nostro amico Alberto Cerisola che ha voluto condividere con noi questo simpatico video amatoriale che testimonia la passione per la caccia alla Regina del Bosco. Un documento in cui emerge il confronto con la natura e il rapporto con il proprio ausiliare. Una […]

Cesene del Maniva, sulle tracce della passione

Cesene del Maniva   Ecco un nuovo video di Caccia & Dintorni dedicato alle cesene. che mette in evidenza le difficoltà e la fatica della caccia da appostamento fisso in montagna. Con due giovani ragazzi siamo saliti in alta Val Trompia, come facevano una volta i nostri vecchi, con le portantine dei richiami caricate sulle spalle. Una lunga camminata al […]