Influenza aviaria : la Regione informa.

CACCIAPENSIERI

Influenza aviaria :disposizioni per i richiami vivi ( anatidi) da Regione Lombardia

 

La Direzione Generale Welfare Veterinaria di Regione Lombardia ha diramato una nota con la quale fornisce dei chiarimenti fondamentali su come vanno detenute le anatre da richiamo appartenenti all’ordine dei caradriformi e anseriformi dopo la diffusione della nota epidemia di influenza aviaria. Innanzitutto da Milano si precisa che su tutto il territorio della regione Lombardia è vietato l’utilizzo come richiami vivi di anseriformi e caradriformi nella  pratica venatoria fino al 31 gennaio 2018.

In considerazione del fatto che a causa dell’epidemia nelle aree a maggior rischio sanitario della Regione è attualmente vietato allevare volatili all’aperto ed anche nel restante territorio la Direzione Generale di Veterinaria ha stabilito che negli allevamenti avicoli a carattere rurale fossero messe in atto tutte le possibili precauzioni al fine di evitare il contatto con avifauna selvatica, anche per la stabulazione delle anatre da richiamo sono state stabilite delle regole precise.

Influenza aviaria: 

E’ vietato l’uso dei richiami vivi per acquatici anseriformi e caradriformi fino al 31 dicembre ( salvo ulteriori proroghe)

In considerazione delle caratteristiche fisiologiche delle anatre utilizzate come richiami vivi, al fine di garantire comunque condizioni di detenzione compatibili con il loro benessere, si è ritenuto opportuno fornire le seguenti indicazioni:

  • tali volatili non possono essere detenuti nei luoghi dove vengono utilizzati come richiami vivi, ma devono essere spostati in un luogo di detenzione diverso;
  • in tale luogo gli animali devono essere detenuti al chiuso o se ciò non fosse possibile, per le motivazioni sopra esposte, devono essere stabulati in un area totalmente recintata e coperta da reti e/o tettoie che impediscano il contatto con l’avifauna selvatica;
  • all’interno di questi luoghi può essere presente una riserva d’acqua ma la stessa non deve in alcun modo essere alimentata da serbatoi di superficie a cui possono avere accesso volatili selvatici;
  • nel caso in cui in questo luogo il detentore dei richiami avesse anche del pollame, quest’ultimo deve essere allevato in un’area totalmente e fisicamente separata da quella in cui sono presenti i richiami e il detentore deve garantire adeguate norme di igiene, sia personale (lavaggio mani, cambio stivali, ecc.) sia generali (distinti attrezzi per il governo e la pulizia) tra le due aree.

 

A cura di Federcaccia Brescia

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Battuta ai cinghiali nel senese

Battuta ai cinghiali nel senese

Pubblicato il 5 febbraio 2016 Questo servizio di Caccia e Dintorni è stato realizzato in Toscana nella zona Colle di Val d’Elsa, una battuta di caccia a cui hanno partecipato le Giubbe Rosse e Garganella, due squadre di cinghiali note nei pressi di Siena. Giovanni Colombo è stato il nostro gancio. La battuta è cominciata ben prima dell’alba, radunati i […]

56° Esposizione Canina a Montichiari

Al Centro Fiera del Garda la 56ma esposizione canina internazionale., organizzata dal Gruppo cinofilo Bresciano la Leonessa con l’ENCI. Caccia & Dintorni ha dedicato un servizio speciale con interviste e video della rassegna delle razze canine da caccia e da compagnia in esposizione. Condividi l’articolo sui social!

Caccia alla Minilepre nel Lodigiano

Caccia alla Minilepre nel Lodigiano

La caccia alla minilepre è una pratica venatoria divertente e impegnativa che si sta diffondendo rapidamente. In questa puntata tre giovani cacciatori dell’Italcaccia guidano la battuta di caccia Luca, Andrea e Alfredo, accompagnati dai loro ausiliari da cerca Cocker e Springer Spaniel. Luca Cantuni ci racconta la sua esperienza di caccia, proveniente da una famiglia di cacciatori,  ha una vera […]

La Regina del Bosco 2018

La Regina del Bosco 2018   E’ calato il sipario sulla 13ma edizione della Regina del Bosco– Trofeo Valli bresciane, organizzato come sempre dal Club Valli Bresciane. Sul grandino più alto, grazie ad una bella prova, è salito Davide Gustinelli con il suo setter inglese Bruno. Due giornate di gara, domenica 18 e domenica 25 marzo, disclocata su 9 comuni […]