Cacciapensieri: l’influenza aviaria impedisce i lanci di selvaggina.

CACCIAPENSIERI

L’influenza aviaria impedisce i lanci di selvaggina.

 

Il 4 ottobre u.s. presso il Ministero della Salute si è tenuto un convegno internazionale sull’influenza aviaria alla presenza di esperti europei, ma anche americani. Per il mondo venatorio hanno partecipato il Dott. Michele Sorrenti, responsabile scientifico dell’Ufficio Avifauna Migratoria della Federcaccia, e il Dott. Stefano Simeoni, Consigliere Nazionale dell’Acma-FIdC, che fin dal 2005 si è sempre interessato della problematica influenza aviaria e divieto dell’uso dei richiami vivi.

Obiettivo fondamentale della partecipazione era di approfondire le conoscenze e di avere un ulteriore incontro con i referenti del Ministero, dott. Lecchini in particolare, e soprattutto con i rappresentanti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, essendo presenti il Dott. Marangon, Direttore Sanitario dell’Istituto, ed il Dott. Terregino, responsabile del Laboratorio di virologia speciale del Centro di referenza nazionale OIE/FAO per l’influenza aviaria, già noto all’Acma per aver partecipato al Convegno di Montecatini nel 2006, in occasione del trentennale dell’associazione.

Il convegno ovviamente si è incentrato sugli aspetti sanitari, epidemiologici, economici dell’influenza aviaria. Per quanto direttamente ci riguarda, è stato ribadito più volte che gli allevamenti rurali sono il tramite del passaggio del virus HPAI dai selvatici agli allevamenti industriali, pur non essendo mai stato concretamente illustrato il percorso di questo passaggio. In effetti i richiami vivi utilizzati nella caccia non sono stati mai citati, ma ad una specifica domanda del Dott. Sorrenti sull’argomento, è stato risposto, in maniera non troppo convinta e categorica, che anche i nostri richiami vivi possano rappresentare un teorico rischio di diffusione. Risvolto molto importante, comunque, è stato il breve colloquio che i rappresentanti della Acma- Federcaccia hanno potuto avere con il Dott. Marangon ed il Dott. Terregino, che proseguirà a brevissimo con uno specifico e personale incontro presso l’Istituto di Legnaro. E’ presto per dare notizie certe o sicuramente positive, anche perchè è il Ministero che poi deve apportare le auspicate modifiche al divieto dell’uso dei richiami vivi, ma qualche segnale di speranza possiamo concedercelo.

* Un’epidemia importante di influenza sta colpendo anche la provincia di Brescia con numerosi focolai individuati dai veterinari delle Asl competenti.

In presenza di focolai nel raggio di 10 chilometri, come misura precauzionale preventiva viene vietata l’immissione di selvaggina pronta caccia. Di seguito elenchiamo i comuni nei quali, fino al 31 ottobre e’ vietata l’immissione:

Isorella, Acquafredda, Desenzano, Lonato, Calcinato Montichiari, Remedello, Pozzolengo, Visano, Carpenedolo, Calvisano, Sirmione, Castenedolo, Borgo San Giacomo, Orzinuovi, Quinzano, Villachiara, Alfianello, Cigole, San Gervasio, Bassano Bresciano, Gambara, Gottolengo, Leno, Manerbio, Milzano, Pavone Mella, Pontevico, Pralboino, Seniga, Verolanuova Verolavecchia, Offlaga, Adro, Capriolo, Corte Franca, Iseo, Paratico. I capi che non verranno immessi saranno distribuiti nei lanci successivi scaduto il termine del divieto.

 

a cura di “FEDERCACCIA BRESCIA”

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


ANCL 4° campionato italiano cat. Inglesi

ANCL – A Bedizzole (Bs) la prova di caccia pratica categoria inglesi – 4a tappa del Campionato Italiano Libera Caccia su selvaggina naturale. Presente anche Luigi Parsi delgato nazionale per tutte le prove cinofile della Libera Caccia nazionale. Condividi l’articolo sui social!

Hit Show 2018

Caccia & Dintorni presente a Hit Show 2018- è stata l’occasione per incontrare tanti amici e salutare i nostri sponsor. Oltre 40000 persone nei tre giorni della manifestazione fieristica e tante le novità del settore armiero. Condividi l’articolo sui social!

Caccia di selezione sull’Appennino Piacentino

Con due amici, Samuele e Ivano, siamo saliti sull’appenninoemiliano nella zona di Bobbio per questa puntata dedicata alla caccia di selezione . Il prelievo è stato fatto con una femmina di capriolo adulta, seguendo e rispettando tutte le regole che disciplinano questo tipo di caccia. Un colpo sparato da circa 250 mt proprio all’imbrunire … . Caccia e dintorni sempre […]

Il segugio: la mia passione

Il segugio: la mia passione

Puntata del 13 marzo 2015 Il servizio principale di questa puntata di Caccia e Dintorni è dedicato a Pietro Zanardi, un amico cacciatore e uno straordinario allevatore di segugi, in particolare il segugio italiano a pelo lungo. La passione che muove Pietro nel suo lavoro è certificata dalle stanze dei trofei, di cui potete vederne una nel servizio ed è […]