La caccia riequilibra la fauna selvatica

Cacciapensieri

La caccia riequilibra la fauna selvatica

Muoiono i cervi in Alta Vallecamonica per la troppa neve ed il poco cibo a disposizione. Nulla di strano in natura sostengono i biologi ed i responsabili dei parchi. Secondo gli esperti in queste situazioni estreme si effettua una sorta di selezione naturale, vengono riequilibrati i numeri delle popolazioni e sopravvivono i soggetti più forti.

In parte è condivisibile questa posizione ma, dal nostro personale punto di vista,  risulta difficile capire perché  dalla catena naturale si continua a volere escludere l’uomo. L’uomo inteso sia come cacciatore ma anche come esperto e responsabile gestore delle popolazioni di animali. Secondo il nostro parere l’uomo è sempre stato il vero riequilibratore delle popolazioni animali attraverso il prelievo a fini alimentari; la vera selezione naturale l’ha sempre fatta l’uomo.

selecontrollore della fauna selvatica

La caccia

Ed oggi, a maggior ragione, non essendoci più esigenze alimentari la fa attraverso il prelievo selettivo per sesso ed età degli animali. La parte valtellinese del Parco dello Stelvio in modo lungimirante già effettua interventi di contenimento proprio per scongiurare, ovviamente nei limiti del possibile, morie incontrollate di selvatici. Il Piano di monitoraggio sanitario della fauna selvatica voluto da Regione Lombardia prevede che tutti gli animali rinvenuti morti vadano analizzati e smaltiti per verificare che non siano affetti da malattie croniche come la tubercolosi che potrebbero poi diffondersi gli animali domestici in estate presenti sugli alpeggi.

La caccia -Non ci piace pensare ai parchi come santuari, aree all’interno delle quali l’uomo non è gradito perché anche l’uomo è parte della natura. Inoltre un prelievo controllato degli animali all’interno dei parchi potrebbe portare agli enti risorse economiche ed avviare una filiera del consumo di carne selvatica utile al territorio. Forse un giorno anche in Italia si riuscirà a parlare di gestione delle aree protette anche con la presenza attiva dell’uomo.

A cura di FIDC Brescia

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Battuta ai cinghiali nel senese

Battuta ai cinghiali nel senese

Pubblicato il 5 febbraio 2016 Questo servizio di Caccia e Dintorni è stato realizzato in Toscana nella zona Colle di Val d’Elsa, una battuta di caccia a cui hanno partecipato le Giubbe Rosse e Garganella, due squadre di cinghiali note nei pressi di Siena. Giovanni Colombo è stato il nostro gancio. La battuta è cominciata ben prima dell’alba, radunati i […]

56° Esposizione Canina a Montichiari

Al Centro Fiera del Garda la 56ma esposizione canina internazionale., organizzata dal Gruppo cinofilo Bresciano la Leonessa con l’ENCI. Caccia & Dintorni ha dedicato un servizio speciale con interviste e video della rassegna delle razze canine da caccia e da compagnia in esposizione. Condividi l’articolo sui social!

Caccia alla Minilepre nel Lodigiano

Caccia alla Minilepre nel Lodigiano

La caccia alla minilepre è una pratica venatoria divertente e impegnativa che si sta diffondendo rapidamente. In questa puntata tre giovani cacciatori dell’Italcaccia guidano la battuta di caccia Luca, Andrea e Alfredo, accompagnati dai loro ausiliari da cerca Cocker e Springer Spaniel. Luca Cantuni ci racconta la sua esperienza di caccia, proveniente da una famiglia di cacciatori,  ha una vera […]

La Regina del Bosco 2018

La Regina del Bosco 2018   E’ calato il sipario sulla 13ma edizione della Regina del Bosco– Trofeo Valli bresciane, organizzato come sempre dal Club Valli Bresciane. Sul grandino più alto, grazie ad una bella prova, è salito Davide Gustinelli con il suo setter inglese Bruno. Due giornate di gara, domenica 18 e domenica 25 marzo, disclocata su 9 comuni […]