LA CACCIA NON E’ UNO SPORT ! ….ma un diritto a scopo alimentare

Riceviamo e pubblichiamo questo articolo a firma di Andrea Morelli che pone in risalto un argomento di grande attualità, che riguarda il consumo di carne imposto dalla GDO a scapito della caccia e di quanti prelevano animali selvatici a scopo alimentare. Sicuramente non tutti condividono questa opinione ma se analizziamo la questione ci si rende conto che il problema è serio e concreto,.

Va bene acquistare nei supermercati tagli di carne confezionate nelle vaschette di polistirolo ma non va bene procacciarsi del cibo attraverso la caccia. E’ questo che vogliamo ?-

C&D

 

LA CACCIA NON E’ UNO SPORT !

Va detto chiaro e forte, bisogna difendere la caccia quale auto-approvvigionamento naturale di carne come è per origine, un diritto naturale dell’uomo che mangia anche carne, e con 55 milioni di non-vegetariani in Italia, e la triplicazione dei consumi carnei pro-capite, siamo realistici, è la massa dei consumatori responsabile di una smodata utilizzazione animale, non i 700.000 cacciatori. Nei 55 milioni ci sono anche i protezionisti, gran parte degli ambientalisti, il 70% degli animalisti, e quanti altri meno ecologisti dei cacciatori.

 

Perciò dire “non si uccidono animali per sport” è una bella affermazione- ovvia, finita, a sè stante, ed estranea solo a pochi sciagurati- ma che non c’entra con la caccia, in cui l’ animale si uccide per mangiarlo e non per divertirsi;  e ancora oggi è il modo più naturale, ecologico ed ETICO di procacciarsi carne, di attuare la forma d’autosufficienza alimentare più moderata e selettiva. Finché dunque si mangia carne, si ha anche il diritto di andarsela a procurare autonomamente in natura, anziché mettersi in fila al supermarket per il povero pollo di batteria imbottito di chimici.

 

Cosa pensa il M5S, che i cacciatori debbano abbandonare la caccia e diventare anche loro clienti esclusivi di carne di mattatoio? Vogliono favorire gli allevamenti inquinanti e spreconi che hanno estirpato i boschi per coltivare mangimi, costringere ancora più animali alla prigionia e alla macellazione di massa meccanizzata?

Almeno oggi quei 700.000 cacciatori resistono ancora al consumismo alienato, e vogliono che i territori selvatici siano preservati, che gli animali siano liberi in natura e che dalla natura si prelevino, umanamente, senza sofferenze inutili.

 

M5S dovrebbe dire invece “ non si maltrattano gli animali per mangiarli, per spremergli il latte”, e far abolire l’allevamento intensivo da carne e da latte, piuttosto, fermare il monopolio alimentare, ridare vita alle produzioni locali famigliari. Cose molto più urgenti ed in linea con una nazione evoluta e lungimirante nelle scelte, prima che si vada a finire alla bistecca GDO online consegnata porta a porta! Che potrebbe innestarsi facilmente nel tessuto della cittadinanza digitale.

 

Allora è necessario che le associazioni venatorie riunite si facciano sentire per riaffermare il diritto di caccia a scopo alimentare, un segnale chiaro sarebbe la SETTIMANA NAZIONALE DEL CACCIATORE (scelta incisiva 19-26 Dicembre), una settimana di esclusione assoluta di acquisti di carne e di consumo esclusivo dei propri carnieri in tutte le famiglie di cacciatori, e di quanti altri solidali, che in cifre sono almeno 3 milioni di persone unite da ideali ed interessi, iniziativa da pubblicizzare opportunamente sulle TV ed online, il cui effetto sarà rilevabile dal calo di vendite nazionali in quella settimana.

Una protesta unitaria che ricordi l’importanza ecologica della caccia, ma sopratutto contro i monopoli alimentari che vogliono estendere la zootecnia intensiva, far sparire la selvaggina disponibile e sostituirla col bestiame in gabbia.

 

Andrea Morelli- www.cacciaetica

 

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Un Azienda nel mirino Fratelli Poli Armi

L’antica arte dell’armaiolo in questo video di Caccia & Dintorni dedicato alla Fratelli Poli Armi. Un’azienda nata negli anni sessanta e che ancora oggi produce fucili da caccia di grande valore in maniera artigianale. Un esempio di azienda a conduzione familiare che ha saputo stare al passo con i tempi senza perdere di vista le proprie radici. Proprio lo scorso […]

Caccia al tordo in Franciacorta con i piccoli calibri.

Caccia al tordo: una tradizione lombarda L’uso dei richiami vivi e la passione per la “posta”    Ecco un video che testimonia una delle tradizioni venatorie maggiormente radicate in Lombardia: la caccia da appostamento fisso. Una passione tramandata di padre in figlio che i due giovani protagonisti, Ivan e Bruno, coltivano ancora nonostante tutti i vincoli e paletti a cui […]

18° Esposizione canina a Castelmella (BS)

18° Esposizione canina a Castelmella (BS) – Anche quest’anno è stata organizzata questa manifestazione dedicata a tutte le razze che non ha mancato di richiamare moltissimi appassionati conofili e non. Una manifestazione organizzata dalla Federcaccia di Castelmella che ha devoluto in beneficenza l’incasso della serata dedicata allo spiedo. Condividi l’articolo sui social!

BERETTI caccia e cinofilia

  Beretti festeggia il 30° anno di attività- Richiami elettroacustici di ogni tipo con canti selezionati per attività all’aperto- beeper con 17 modulazioni di suono, gabbiette per richiami, trasportini omologati, videotrappolaggio ecc . Con questo video vi portiamo nel mondo di BERETTI …tutto per la ccaccia e per la cinofilia. Condividi l’articolo sui social!