LA CACCIA NON E’ UNO SPORT ! ….ma un diritto a scopo alimentare

Riceviamo e pubblichiamo questo articolo a firma di Andrea Morelli che pone in risalto un argomento di grande attualità, che riguarda il consumo di carne imposto dalla GDO a scapito della caccia e di quanti prelevano animali selvatici a scopo alimentare. Sicuramente non tutti condividono questa opinione ma se analizziamo la questione ci si rende conto che il problema è serio e concreto,.

Va bene acquistare nei supermercati tagli di carne confezionate nelle vaschette di polistirolo ma non va bene procacciarsi del cibo attraverso la caccia. E’ questo che vogliamo ?-

C&D

 

LA CACCIA NON E’ UNO SPORT !

Va detto chiaro e forte, bisogna difendere la caccia quale auto-approvvigionamento naturale di carne come è per origine, un diritto naturale dell’uomo che mangia anche carne, e con 55 milioni di non-vegetariani in Italia, e la triplicazione dei consumi carnei pro-capite, siamo realistici, è la massa dei consumatori responsabile di una smodata utilizzazione animale, non i 700.000 cacciatori. Nei 55 milioni ci sono anche i protezionisti, gran parte degli ambientalisti, il 70% degli animalisti, e quanti altri meno ecologisti dei cacciatori.

 

Perciò dire “non si uccidono animali per sport” è una bella affermazione- ovvia, finita, a sè stante, ed estranea solo a pochi sciagurati- ma che non c’entra con la caccia, in cui l’ animale si uccide per mangiarlo e non per divertirsi;  e ancora oggi è il modo più naturale, ecologico ed ETICO di procacciarsi carne, di attuare la forma d’autosufficienza alimentare più moderata e selettiva. Finché dunque si mangia carne, si ha anche il diritto di andarsela a procurare autonomamente in natura, anziché mettersi in fila al supermarket per il povero pollo di batteria imbottito di chimici.

 

Cosa pensa il M5S, che i cacciatori debbano abbandonare la caccia e diventare anche loro clienti esclusivi di carne di mattatoio? Vogliono favorire gli allevamenti inquinanti e spreconi che hanno estirpato i boschi per coltivare mangimi, costringere ancora più animali alla prigionia e alla macellazione di massa meccanizzata?

Almeno oggi quei 700.000 cacciatori resistono ancora al consumismo alienato, e vogliono che i territori selvatici siano preservati, che gli animali siano liberi in natura e che dalla natura si prelevino, umanamente, senza sofferenze inutili.

 

M5S dovrebbe dire invece “ non si maltrattano gli animali per mangiarli, per spremergli il latte”, e far abolire l’allevamento intensivo da carne e da latte, piuttosto, fermare il monopolio alimentare, ridare vita alle produzioni locali famigliari. Cose molto più urgenti ed in linea con una nazione evoluta e lungimirante nelle scelte, prima che si vada a finire alla bistecca GDO online consegnata porta a porta! Che potrebbe innestarsi facilmente nel tessuto della cittadinanza digitale.

 

Allora è necessario che le associazioni venatorie riunite si facciano sentire per riaffermare il diritto di caccia a scopo alimentare, un segnale chiaro sarebbe la SETTIMANA NAZIONALE DEL CACCIATORE (scelta incisiva 19-26 Dicembre), una settimana di esclusione assoluta di acquisti di carne e di consumo esclusivo dei propri carnieri in tutte le famiglie di cacciatori, e di quanti altri solidali, che in cifre sono almeno 3 milioni di persone unite da ideali ed interessi, iniziativa da pubblicizzare opportunamente sulle TV ed online, il cui effetto sarà rilevabile dal calo di vendite nazionali in quella settimana.

Una protesta unitaria che ricordi l’importanza ecologica della caccia, ma sopratutto contro i monopoli alimentari che vogliono estendere la zootecnia intensiva, far sparire la selvaggina disponibile e sostituirla col bestiame in gabbia.

 

Andrea Morelli- www.cacciaetica

 

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


Battuta ai cinghiali nel senese

Battuta ai cinghiali nel senese

Pubblicato il 5 febbraio 2016 Questo servizio di Caccia e Dintorni è stato realizzato in Toscana nella zona Colle di Val d’Elsa, una battuta di caccia a cui hanno partecipato le Giubbe Rosse e Garganella, due squadre di cinghiali note nei pressi di Siena. Giovanni Colombo è stato il nostro gancio. La battuta è cominciata ben prima dell’alba, radunati i […]

56° Esposizione Canina a Montichiari

Al Centro Fiera del Garda la 56ma esposizione canina internazionale., organizzata dal Gruppo cinofilo Bresciano la Leonessa con l’ENCI. Caccia & Dintorni ha dedicato un servizio speciale con interviste e video della rassegna delle razze canine da caccia e da compagnia in esposizione. Condividi l’articolo sui social!

Caccia alla Minilepre nel Lodigiano

Caccia alla Minilepre nel Lodigiano

La caccia alla minilepre è una pratica venatoria divertente e impegnativa che si sta diffondendo rapidamente. In questa puntata tre giovani cacciatori dell’Italcaccia guidano la battuta di caccia Luca, Andrea e Alfredo, accompagnati dai loro ausiliari da cerca Cocker e Springer Spaniel. Luca Cantuni ci racconta la sua esperienza di caccia, proveniente da una famiglia di cacciatori,  ha una vera […]

La Regina del Bosco 2018

La Regina del Bosco 2018   E’ calato il sipario sulla 13ma edizione della Regina del Bosco– Trofeo Valli bresciane, organizzato come sempre dal Club Valli Bresciane. Sul grandino più alto, grazie ad una bella prova, è salito Davide Gustinelli con il suo setter inglese Bruno. Due giornate di gara, domenica 18 e domenica 25 marzo, disclocata su 9 comuni […]