Caccia: l’unità associativa resta il desiderio di molti. I nemici li abbiamo in casa.

Caccia: unità associativa solo a parole

Caccia: terreno fertile per i furbetti in cerca di gloria

 

bipe-2La base dei cacciatori italiani, indipendentemente dalla casacca che indossa e dalla bandiera che sventola, invoca una cosa sola: l’unità associativa.  A parole anche le associazioni stesse lo confermano, ma con i fatti si smentiscono.  Ognuno difende con le unghie e con i denti il proprio giardinetto, che con il passare del tempo diventa sempre più piccolo, e nessuno è disposto fare un passo indietro.

Non è passato molto da quando si stavano per contrapporre due schieramenti: da una parte le tre sorelle  che con la “benedizione” di Legambiente” avevano messo insieme tre sigle (FIDC- ANU- ARCI)  e dall’altra tutto (o quasi) il resto, con il famoso “patto del Tortellino”  (simpaticamente definito così perchè siglato a Bologna.   Da allora più niente e ognuno ha poi proseguito per la propria strada. Una inutile perdita di tempo.

Più volte si guarda alla Francia e a quello che hanno ottenuto i cacciatori transalpini attraverso il loro grande sindacato, alla pressione che riescono esercitare sui poteri forti di una classe politica un pochino più sobria della nostra.  Un esempio significativo da copia e incolla. Ma sappiamo bene che nonostante la Francia sia coì vicina noi siamo sempre troppo lontani.

Oggi la nostra frammentazione associativa la si paga in termini di risultati e di speculazione. 

berluscaI risultati sono evidenti a tutti e sono presto riassunti nella famosa mourignana frase:  ” Zeru Tituli” .  Si qualcuno, sempre per ciò che riguarda il proprio giardinetto, vanta qualche risultatino in più. Piccole battaglie personali che si vincono qua e la con la consapevolezza che però stiamo perdendo il grande confronto finale.

E mentre le associazioni  impostano il confronto sulle liti di bottega (presenze negli ATC e altro) gli altri si organizzano e ci assediano sempre con maggiore arroganza.

Fanno inciuci e fondano movimenti animalisti con il solo intento d’incartare altri tonti.   L’esempio è lampante, da destra a sinistra.   Forza Italia benedice il movimento della Brambilla, ma dall’altra parte continua a strizzare l’occhio ai cacciatori con Lara Comi e altri esponenti. Nel PD la stessa cosa: da una parte Renata Briano e dall’altra il fuoco nemico di Ermete Realacci Legambiente e dello stesso Ministero.

A complicarci la vita, ammettiamolo, è anche una classe dirigente generico-media che bada sempre agli interessi personali.  Ma anche quei “furbetti” che lanciano messaggi e ammiccamenti vari  invitando il nostro mondo a tenere alta l’attenzione, cercando di strappare “like” sui social senza però dire nulla di costruttivo e di propositivo. I cosi detti pensierini della sera per mettersi in vista, per farsi notare … . Magari anch’essi con l’intenzione di succhiare voti agli stolti in vista di nuove scadenze politiche e amministrative.

Dobbiamo vigilare, stare attenti, consapevoli che a volte i nostri nemici sono molto più vicini di quanto sospettiamo e sono anche più pericolosi, come lupi affamati pronti a speculare sulla nostra pelle.

 

C&D

 

Condividi l'articolo sui social!

2 Commenti

  • Franco Russo

    Verissimo, votiamo solo CACCIATORI veri e non politicanti, che poi, con questi bisogna comunque fare i conti, è un’altro discorso.

  • Ferdinando Ratti

    Se la legge 157/92, fin dalla sua nascita sanciva che nei comitati di gestione di ATC /CAC, tutte le associazioni nazionali riconosciute avevano il diritto di avere un proprio rappresentante.
    Queste liti tra associazioni era mortesul nascere.
    Per i cacciatori più anziani rammento la fine ingloriosa dell’unità tra associazioni venatorie fatta prima dal CIAV poi dall’UNAVI.

Lascia un commento

required

required

optional


Springer e Labrador

Springer e Labrador Retriever alla Baraggia  per una dimostrazione unica. Caccia e Dintorni sulla tracce della passione: Springer spanier e Labrador Retriever, una bella accoppiata alla Baraggia. Siamo in Piemonte, presso l’azienda faunistica venatoria la Baraggia, con Salvatore Zappavigna, addestratore di cani, per una mattinata di caccia alternativa. Una giornata con Retriever e Spanier. In questo video vi proponiamo la bella […]

I beccaccini di Cischani

Beccaccini: una caccia attenta e dinamica Il nostro amico Vanni De Carlo torna con una nuovo video di Momenti di Caccia, in cui racconta una giornata di caccia estrema ai beccaccini in una zona della Romania al confine con l’Ucraina. Esperienza, passione e ottimo feeling con i propri ausiliari costituiscono la base per cacciare in queste zone. Condividi l’articolo sui […]

I Colini di Roc – Croazia

Dalla rubrica Momenti di Caccia di Vanni De Carlo un video sulla caccia in Croazia. Condividi l’articolo sui social!

Caccia a Sasselli e Cesene sull’Appennino Pavese

Caccia e dintorni è a caccia di Cesene e Sasselli sull’Appennino Pavese con gli amici Oscar e Francesco. Da sempre è il momento culminante della stagione di caccia del capannista: il posizionamento dei richiami vivi, l’attesa della migratoria, l’arrivo di questi stormi di cesene caratterizzano questa tipologia di caccia, rendendola un momento molto emozionante. Caccia e Dintorni vi accompagna con […]