Caccia: è gìa tempo di bilanci.

Caccia: è gìa tempo di bilanci.

Bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto ?

 

Nel bel mezzo del cammin …di questa stagione venatoria, quando siamo novembre inoltrato e  è già tempo di bilanci.  C’è chi si è divertito al capanno fisso con un ottimo passo del tordo bottaccio al Nord  e già sono arrivati sasselli e cesene, e c’è chi ha dovuto fare i conti con l’aviaria e con il mancato utilizzo dei richiami vivi.   C’è chi ha scelto di andare all’estero e chi in riserva.  C’è anche chi ha fatto i conti con la pressione dei controlli venatori in molte parti d’Italia dove oltre alle forze regolari sono scesi in campo numerosi gruppi di volontari ambientalisti e animalisti.

In Lombardia si è conclusa l’ennesima edizione dell’ “Operazione Pettirosso” con i carabinieri forestali del SOARDA ( ex NOA) inviati da Roma per un mese a presidiare giorno e notte il territorio come si si fosse alla ricerca del famigerato “Igor” (del quale se ne sono perse le tracce ) , mentre invece si era alla spasmodica ricerca di cacciatori da cogliere in fallo, un pò come sparare sulla Croce Rossa.   Sono fioccati verbali e denunce penali a iosa, con la soddisfazione degli anticaccia che giudicano ancora troppo ininfluenti questi controlli e non perdono occasione per gettare fango addosso alla categoria. Per il vero va anche detto che qualcuno se l’è cercata, senza se e senza.   Titoli di giornali a quattro colonne, servizi in Tv, conferenze stampa, da Linea verde città a Crozza … tutti a sparlare della caccia e dei cacciatori come fossero il vero problema per sfuggire alle miserie di questa Italia.

Per il 6° anno consecutivo in Lombardia, come in altre Regioni, si caccia senza l’opportunità del prelievo in deroga e senza la dispensa dei richiami vivi di cattura. Qui ha giocato un ruolo decisivo il parere non vincolante ma decisivo di Ispra  e delle Istituzioni regionali che non hanno avuto la forza e la volontà politica di procedere in autonomia.  In molti, proprio in Lombardia e in Veneto, si attendevano un provvedimento favorevole, una piccola delibera, alla vigilia del “referendum”  che desse quantomeno il sentore o la sensazione che la politica fosse più forte della classe dei burocrati. Invece non è successo nulla. Nemmeno la questione della marcatura del tesserino è stata sistmenata. E adesso è tardi per reagire : i buoi sono ormai scappati dalla stalla. 

Come del resto non è successo nulla dopo sedici mesi dell’istituzione del “Tavolo Caccia” , quello che ha schierato una formazione compatta di europarlamentari “bipartisan” con lo scopo di scardinare la questione deroghe e catture. Tanti incontri, da Bruxelles a Milano, Roma e ritorno, senza però approdare a nulla. Solo tante strategie, tanti rimpalli, qualche assist … ma nessun goal.  L’ultimo incontro risale al 31 luglio scorso quando si era detto che toccava alle Regioni incontrare il Ministero.  Ma non disperiamo, c’è ancora tempo e poi le elezioni sono ormai all’orizzonte e sicuramente ci sarà qualcuno capace di farsi abbindolare.

 

Un bilancio  negativo per la nostra passione che perde terreno ( e associati) ogni anno che passa con calendarri venatori sempre più ristertti. Un bilancio negativo in tutti i sensi anche se qualcuno intende vedere ancora il bicchiere mezzo pieno.

 

C&D

 

Condividi l'articolo sui social!

Lascia un commento

required

required

optional


ANCL 4° campionato italiano cat. Inglesi

ANCL – A Bedizzole (Bs) la prova di caccia pratica categoria inglesi – 4a tappa del Campionato Italiano Libera Caccia su selvaggina naturale. Presente anche Luigi Parsi delgato nazionale per tutte le prove cinofile della Libera Caccia nazionale. Condividi l’articolo sui social!

Hit Show 2018

Caccia & Dintorni presente a Hit Show 2018- è stata l’occasione per incontrare tanti amici e salutare i nostri sponsor. Oltre 40000 persone nei tre giorni della manifestazione fieristica e tante le novità del settore armiero. Condividi l’articolo sui social!

Caccia di selezione sull’Appennino Piacentino

Con due amici, Samuele e Ivano, siamo saliti sull’appenninoemiliano nella zona di Bobbio per questa puntata dedicata alla caccia di selezione . Il prelievo è stato fatto con una femmina di capriolo adulta, seguendo e rispettando tutte le regole che disciplinano questo tipo di caccia. Un colpo sparato da circa 250 mt proprio all’imbrunire … . Caccia e dintorni sempre […]

Il segugio: la mia passione

Il segugio: la mia passione

Puntata del 13 marzo 2015 Il servizio principale di questa puntata di Caccia e Dintorni è dedicato a Pietro Zanardi, un amico cacciatore e uno straordinario allevatore di segugi, in particolare il segugio italiano a pelo lungo. La passione che muove Pietro nel suo lavoro è certificata dalle stanze dei trofei, di cui potete vederne una nel servizio ed è […]