Cacce tradizionali : FINALMENTE IL BUON SENSO ARRIVA DALL’EUROPA

Cacce tradizionali:  FINALMENTE IL BUON SENSO ARRIVA DALL’EUROPA

 

1200px-Panoramica_di_Bormida_e_del_Monte_Settepani-e1487155834910Recentemente durante la Convention di primavera della FACE, tenutasi a Bruxelles, sono stati esaminati i vari punti della Risoluzione adottata dall’Intergruppo “Biodiversità, Caccia, Attività rurali” del Parlamento Europeo, presente pure il rappresentante della Commissione UE – Ambiente, e si è proposta l’attuazione di un elenco delle cacce tradizionali regionali negli Stati membri europei onde “validarle”, una volta per tutte, senza essere costretti a riconsiderarle annualmente, salvo obiettive difficoltà che sorgessero sullo stato di conservazione delle singole specie. Nello stesso senso si era espressa in un Memorandum l’AECT in data 11 marzo 2017, durante l’annuale riunione di Marsiglia, sollecitando la Commissione UE ad applicare le Direttive NATURA (Uccelli e Habitat) in modo flessibile, valutando anche esigenze economiche, ricreative e culturali, nonché ecologiche e scientifiche, non potendo unificare in uno stesso provvedimento quanto può essere opportuno nella regione di Bordeaux in Francia o quello che può essere utile per alcune isole dell’arcipelago finlandese.

 

Cacce tradizionali

In questo spirito il recente “Libro Bianco” sull’applicazione della Direttiva Uccelli (n. 2009/147/CE) ha richiamato la sentenza della Corte di Giustizia Europea nella causa C-182/02, e ribadita anche nella causa C-60/05, in cui conferma, così pronunciandosi, la piena validità operativa dell’art 21 della L. 115/2015 laddove, a chiare lettere e senza diversa interpretazione, si fa riferimento “ad un impiego misurato autorizzato dall’art. 9, n. 1, lett. c), della direttiva stessa, così come la cattura e la cessione di uccelli selvatici anche fuori dai periodi di apertura della caccia allo scopo della loro detenzione per essere utilizzati come richiami vivi o per fini amatoriali nelle fiere e mercati (Guida Interpretativa ed. 2004 p. 3.5.22 – ed. 2008 p. 3.5.23).

È in questo spirito che il procedimento EU Pilot n. 2014/2006 è stato archiviato in data 16 giugno 2016 dalla Commissione UE dichiarando la piena legittimità applicativa locale della nuova normativa, bisognevole solo che si faccia buon governo delle disposizioni vigenti, anche a livello regionale, e si ritorni ad operare con saggezza e attenzione sulle richieste del mondo venatorio, ormai alla vigilia di importanti scelte per il nostro Paese.

 

Aprile 2017                                                                            ANUUMigratoristi Stampa

Condividi l'articolo sui social!

4 Commenti

  • Quindi si può riprendere la cattura ai roccoli permessi dalla Regione Marche

  • Aldo Leoni

    Tutto dipenderà dalla interpretazione di queste norme. In Italia è scontato il risultato. Con il Ministro Galletti noto protezionista e palesemente contro la caccia.

  • Aldo Leoni

    Con il Ministro Galletti. Noto anticaccia non si risolverà nulla. Anzi troverà il modo di inasprire ancora le norme attuali.

  • Fortunato Busana

    Di sicuro interesse, non so pero’ che valenza attribuire alla seconda parte del testo relativo a quel “bisognevole” per cui vorrei capire dove si vorrebbe andare a parare,tanto per non illuderci.. Io ovviamente sono dalla parte delle cacce tradizionali,Deroghe e Roccoli,peccato purtroppo che in Regione Lombardia la pensino diversamente è nettamente da noi.F.Busana

Lascia un commento

required

required

optional


Il “Tavolo Caccia” : Renata Briano (PD) e Lara Comi (PPE) hanno incontrato le associazioni nazionali e del territorio.

Tavolo caccia: un altro passo in avanti. Presto a Milano da Maroni e Fava   Il “tavolo caccia”  ha fatto tappa a Brescia, ospitato nella sede della FIDC provinciale. In rappresentanza dell’intero gruppo europarlamentare di cui è composto in maniera “bipartisan” erano presenti Renata Briano e Lara Comi.  La discussione ha toccato vari argomenti riguardanti quelle che sono le competenze […]

Caccia e Dintorni sul can 163 digitale terrestre  OK ITALIA.  Anche in Streaming.

Caccia e Dintorni sul can 163 digitale terrestre OK ITALIA. Anche in Streaming.

OK Italia 163 : Caccia e Dintorni diventa nazionale. Caccia e Dintorni da luglio sarà a diffusione nazionale sul can 163 OK Italia. Ogni giovedì e domenica alle 20,30 visibile in chiaro  e gratuitamente in tutta Italia su di un unico canale nazionale:  163  OK Italia  e  Caccia e Dintorni – Una scelta doverosa nei confronti dei tanti telespetattori che […]

Il colombaccio: la mia passione

Alberto Dalboni e il suo allevamento amatoriale del colombaccio In questo video Caccia e Dintorni incontra Alberto Dalboni, appassionato allevatore amatoriale di colombacci. A Mantova, dove risiede, alleva e addestra con successo colombacci da anni. Ha sviluppato un imprintig tutto suo che da ottimi risultati. Ci spiega nel video come funziona il suo allevamento: dalla nascita dei colombacci, che poi vengono […]

Grande Armeria Bergamasca

La Grande Armeria Bergamasca, Biba e Tomaso Giupponi. Caccia e tempo libero, ma sopratutto un poligono da 30 mt ( presto saranno 2)  con quattro linee di tiro. Tomaso Giuponi ci racconta la storia dell’Armeria rilevata dal 1993 dal padre di Tomaso e il trasferimento dal centro di Bergamo alla nuova sede attuale. Grande Armeria Bergamasca si trova A Orio al […]